12/03/2015

Vidauban Dressage Festival: il commento di Leonardo Tiozzo sulla sua strabiliante performance.



Durante il CDIO 3 stelle del Vidauban Dressage Festival, è Leonardo Tiozzo il migliore in rettangolo con Randon, castrone baio polacco del 1997. 
Articolo a cura di Giulia Iannone.



Domenica il cavaliere laziale ha ottenuto l’ottava posizione in Kur con la percentuale di 70.850. Nel GP di venerdì e nello Special di sabato, della Coppa delle Nazioni, il dressagista azzurro ha fatto registrare la miglior prestazione tra i componenti della squadra italiana – che si è classificata poi in quarta posizione – rispettivamente con 67.960 e 68.020. Lo abbiamo raggiunto attraverso il web per un commento su questa importante performance in gara. 

“Il Vidauban Dressage Festival non è iniziato sotto il migliore degli auspici per la squadra azzurra” ha raccontato Leonardo Tiozzo riproponendoci brevemente le fasi salienti della prima settimana in Francia. ”Venerdì (giornata del vet-check) è stata una giornata un po’ pesante per la squadra dato che poco prima delle visite ci siamo ritrovati in tre, visto che sia il cavallo di Federica Scolari, sia il cavallo della nostra riserva, Monica Iemi, si sono purtroppo infortunati. Come ben si può immaginare non è mai facile presentare una squadra con soli tre componenti, visto che non si ha punteggio di scarto e quindi non si ha margine di errore. Nonostante ciò, siamo comunque riusciti a difenderci bene. La gara è stata molto impegnativa dato che la formula adottata in Coppa delle Nazioni comprende tre giorni di gara che però siamo riusciti a gestire nel migliore dei modi”.

Concentrando invece il discorso sul castrone di origine polacca del 1997, compagno di gara in corsa con Leonardo Tiozzo verso il sogno chiamato Rio 2016, ecco il commento: “Randon tutti e tre i giorni è rimasto sempre sereno e costante esprimendosi in leggerezza e fluidità in rettangolo. Alla fine della seconda settimana di gare qui al Vidauban dressage Festival rientrerò a Roma per dedicarmi alla preparazione della prossima gara internazionale a Nizza (aprile) con due stage di preparazione tenuti da due tecnici di fama mondiale presso le strutture del centro ippico Equestria dove alloggiano i miei cavalli. Qui a Vidauban nella finale individuale di questa prima tappa di Coppa delle Nazioni ho presentato una nuova versione del mio FreeStyle presentato in Coppa del Mondo a Brno, nuova versione che è stata molto apprezzata dai giudici, premiando anche una scelta musicale che abbiamo deciso di fare io e mia madre (da sempre primo mio tecnico – si tratta di M.Cristina Proietti, nd-r) in chiave moderna.”

Quanto allo stato d’animo ed alle emozioni provate nel gareggiare in rettangolo non solo per il nostro paese ma anche per la regione di provenienza di cui è l’unico rappresentante, Leonardo ha detto: ”Sono molto fiero di rappresentare l’Italia e la mia regione, il Lazio, in gare così importanti ma allo stesso tempo spero che altri giovani cavalieri ed amazzoni laziali decidano, abbiano la voglia e la possibilità di intraprendere la carriera internazionale per incrementare la crescita di questa splendida disciplina.”



Giulia Iannone