20/07/2021

LA CARBONARA, una poesia di Marco Biffani



LA CARBONARA

E’ er mejo primo piatto che ce sia
romano, forse, certo un pò d’Abruzzo
se litigheno er natale in tanti posti
dello stivale, insino alla Sicilia.
Non è solo er piacere der palato
m’anche per colorito della crema,
pe quer pastoso giallo consistente
che fa pensar ch’é anco salutare
per cui non solomagni, ma te curi.
Quando la gusti non pensà alla dieta
così ne pij nartra de porzione
ar posto der seconno che viè appresso.
Pe quello che riguarda er contenuto
spaghetti spaghettini e spaghettoni
pe magnasse i bocconi arotolati,
ma artrettanto ce va la pasta corta
purchè sia scerta bene. E’necessario.
(Non ve scordate er sale drento l’acqua)
Er sugo, quello che je dà er sapore
vie’ dar guanciale unito ar pecorino
e n’anticchia de pepe ben tritato,
abbruscati nell’ojo lentamente.
Ma e re der misto tutti lo sapete
è l’ovo intero, fresco de giornata
che li inciafruja insieme, doppo cotti,
mischiando er tutto accuratamente.
Gusto, energia, calore a forchettate
accosto insieme a un calice de rosso
te mette in corpo tanto de quer foco
che cominci a pensà puro all’amore.
Siccome pappi cinque vorte ar giorno
pe una vita intera, tu poi sceje,
ai voja a scofanatte carbonare,
poi sonatte st’orchestra quanno voi.
Felicità significa anche questo.

Marco Biffani