1 Ottobre 2022

Mori e cristiani non si sono mai capiti meglio che alla loro festa a Murcia

La celebrazione intende diventare presto un Festival di Interesse Turistico Internazionale, sfilate spettacolari anche con cavalli e cavalieri

In Spagna ci sono centinaia di feste e ricreazioni che ricordano e cercano di riprodurre alcuni momenti fondamentali della nostra storia. In molti casi si tratta di scontri tra culture e razze, tra posizioni sociali, tra regni e re. Romani contro Cartaginesi, imperialisti contro popolani, dinastia contro dinastia… Tenendo conto degli 800 anni di presenza araba nella penisola, abitata principalmente da cristiani, furono anche le battaglie e la pacifica convivenza di cristiani e mori (come li battezzavano i romani) frequenti, poiché provenivano dalla Mauretania, che era tutto il Nord Africa).

Si stima che in Spagna ci siano più di 220 paesi e città che celebrano una festa di mori e cristiani, soprattutto nella Comunità Valenciana, Murcia e Andalusia, ma ce ne sono anche in Catalogna, Castilla-La Mancha e persino nelle Baleari e Isole Canarie. Molti di loro sono Festival di Interesse Turistico Internazionale e il successivo che vuole realizzarlo è quello della città di Murcia, una delle più antiche, le cui origini risalgono al XV secolo.

I meriti non mancano, soprattutto perché i partecipanti – anzi l’intera città – non ravvivano il confronto, ma puntano sul carattere di “partito” e quindi il protagonista è la gioia, la convivenza, lo sforzo comune… il volere divertirsi. Ecco perché è comune trovare “mudejar” e “templari”, seguaci di Ibn Arabí e dell’Infante Don Juan Manuel, cavalieri dell’Ordine di Santiago o di San Giovanni di Gerusalemme insieme ad “Almoravidi” e “Almohadi” a braccetto per le strade e le numerose piazze formando una charanga o condividendo una tavola, gustando una birra fresca o un vino locale con un pesce e uova di Murcia, mojama e mandorle fritte.

Sfilate spettacolari anche con cavalli e cavalieri

Quando si fanno concorrenza, anche se mescolano i passi, è nelle sfilate, soprattutto in quella più solenne che si svolge il sabato al tramonto sulla Gran Vía e in altre strade e che dura quasi quattro ore, quando kabilas e le mesnada sfoggiano i loro migliori abiti, armature e armi e accompagnano il ritmo dei loro corpi in un corteo chiuso, segnato dal movimento sensuale, sia delle donne che degli uomini, dei loro “cadaveri” che lo presiedono, attraversando da un lato la fila all’altro indossando le armi e salutando il pubblico. Abaya e hijab con ricchi ricami in filo d’oro adornano i corpi femminili moreschi, sobrie vesti bianche e nere con scarse finiture dorate o rosse sui corpi degli uomini cristiani. Ma accanto a loro, straripanti abiti multicolori, corazze, elmi, turbanti, spade e lance che, sicuramente, hanno poco a che vedere con la tradizione se non con la festa. Molti di questi abiti cambiano ogni anno con nuovi design e abbellimenti.


E di tanto in tanto dei carri dalle forme e dai colori strani sui quali gli sbandieratori, gli ambasciatori, la festa dell’anno, i re moreschi e i fanciulli cristiani salutano con le loro più eleganti raffinatezze e anche gruppi di cavalli e cavalieri che fanno straordinarie dirette e inverse piroette, gradini laterali, inchini, posadas o il più complicato passaggio o piaffe. E tra loro, centinaia di musicisti che formano bande spesso venute da fuori città e interpretano musiche festive con le loro trombe, trombe e tamburi che includono la marcia moresca e cristiana, i pasodobles e anche qualche audace versione de “La saeta” che innalzerebbe Machado dalla sua tomba o far tremare Joan Manuel Serrat o la “marcia della mora” We Will Rock You dei Queen.

Un’origine millenaria

BeNatural - Record

Sebbene il festival in quanto tale sia stato concepito nel 1981 e la prima sfilata abbia avuto luogo due anni dopo con solo cinque gruppi, l’idea è nata durante gli atti commemorativi dei 1150 anni della Fondazione di Murcia. Prima di creare la “nuova” Murcia, su queste terre vivevano due famiglie arabe, ma una foglia di fico si stagliava tra loro. La leggenda narra, o storia, che un contadino della fazione Mudarí che beveva l’acqua del fiume Sangonera e per coprire la sua brocca strappò una foglia di vite dai vigneti di uno yemenita che si trovava nelle vicinanze, dall’argomento per “furto” Si trasformò in una rissa finita in tragedia. L’emiro Abderraman II, che non scherzava, calmò le cose ordinando la distruzione della città di Eio dove era iniziata la disputa e ordinò al governatore Abd al-Malik di fondare un sito che servisse a controllare la città da un punto centrale. valle del Segura e, per estensione, l’intera kura. Così è nata Murcia.


Gli arabi vi rimasero fino a quando la Riconquista raggiunse le loro terre e le chiavi furono consegnate dai musulmani ai cristiani, nelle mani dell’Infante Alfonso de Castilla e poi del re Alfonso X El Sabio nell’anno 1243. Il re colto, che parlava diverse lingue , che compose buona parte delle Cantigas de Santa María, buon gastronomo e inventore, si dice, della tapa che dovrebbe accompagnare una bevanda di vino per “ritardare l’ubriachezza e prevenire i litigi e i problemi da essa causati quando si lascia le taverne, le taverne e le locande” Murcia piaceva, anche se ha girato gran parte della Spagna riconquistata e ha chiesto che il suo cuore fosse sepolto lì. E così fu fatto e occupa ancora oggi una cassa nell’altare maggiore della splendida cattedrale.

Buona parte di questa storia è rappresentata negli ultimi giorni dei festeggiamenti, proprio davanti alla cattedrale, da attori dilettanti locali – un tassista, un informatico, un insegnante… – che recitano in versi, mentre cori e un delicato in sottofondo il suono di uno strumento musicale, una corda che a prima vista, o al primo orecchio, sembra una registrazione, ma in seguito si scopre essere un uomo solo, un virtuoso che sembra suonare un’intera orchestra.

Nei giorni che dura la festa, si susseguono molti altri atti eccezionali, sfilate, bande di ottoni, cene, pasti, queimada, proclamazioni, presentazioni di sbandieratori e re, gare, tornei di scacchi, omaggi a personaggi storici, processioni… e altri due, molto d’accordo: offerta di fiori e presentazione dei bambini nati l’anno precedente alla Vergine di Arrixaca e la sfilata di arcabucería, con tuono di mille demoni.

E ogni giorno, al calar della notte, Mori e Cristiani si ritrovano, ancora una volta, nell’Accampamento Medievale, che quest’anno si trova da Plaza de la Cruz al Teatro Romea, vicinissimo al lungomare di Segura, dove ogni Kabila o mesnada ha un proprio spazio, luogo di incontro, divertimento e convivenza, con diverse specialità gastronomiche da condividere fino all’alba.

Di interesse internazionale

Los Moros y Cristianos de Murcia fa parte dell’Associazione dei Festival e delle Ricreazioni Storiche ed è un Festival di Interesse Turistico Nazionale da maggio 2012, 10 anni fa, e aspira a diventare presto uno di Interesse Internazionale, unendosi così ad altri tre che già hanno sono in città, come la Settimana Santa, il Seppellimento della Sardina e il Bando de la Huerta e altri otto in tutta la Regione di Murcia, completando 11, il numero più alto nel caso di una Comunità uniprovinciale. Per la sua concessione si tiene conto della sua età, continuità nel tempo, radici e partecipazione dei cittadini, nonché dell’originalità e diversità degli atti e delle azioni promozionali realizzate a tal fine.


La pratica di Interesse Nazionale è stata promossa dalla Federazione delle Associazioni di Mori e Cristiani di Murcia ed ha avuto il parere favorevole del Ministero. La dichiarazione di Festival di Interesse Turistico Nazionale è una distinzione onoraria concessa dal governo spagnolo a festival o eventi che rappresentano manifestazioni di valori culturali e tradizione popolare, con particolare attenzione alle loro caratteristiche etnologiche e che hanno un’importanza speciale come attrazione turistica.

Tra le molte ragioni per cui i Mori ei Cristiani di Murcia hanno ottenuto il titolo di Festival di Interesse Turistico Internazionale è che, nonostante ci siano più di 200 città in Spagna che celebrano feste simili, Murcia è l’unica capitale che lo fa; È anche uno dei più grandi con la partecipazione di quindici gruppi tra kabila e mesnada che, insieme alle numerose bande e orchestre, compongono un grande corteo di circa 2.000 persone, dai bambini di mesi che si vestono per la prima volta, ai la maggior parte dei veterani che indossano quasi 40 anni a farlo. La storia antica delle sue origini, la sontuosità e l’originalità dei suoi costumi e accessori, l’unicità della sua musica, il coinvolgimento dell’intera città, senza distinzione di colori o feste, l’esempio di convivenza che danno in un ambiente tenero e tranquillo … sono tanti altri motivi per cui presto otterrai questa distinzione.

Un grande palcoscenico

A tutto questo bisogna aggiungere il luogo dove si celebra la festa. La città di Murcia offre il suo fantastico patrimonio culturale e storico, la sua rinomata gastronomia, la sua natura e la sua vasta gamma di attività per il tempo libero. È una città vivace, dinamica, imprenditoriale con un clima invidiabile durante tutto l’anno. La sua origine araba strettamente legata al fertile frutteto del fiume Segura si trova nei resti architettonici dell’Almunia Real o seconda residenza dei re arabi e nel Museo di Santa Clara dove si possono ammirare molti pezzi in essa raccolti. La città vecchia si trova accanto alla Segura, con strade storiche che hanno conservato i nomi delle corporazioni che le occupavano, come la commerciale Platería, Trapería e Glaziers.

La Plaza del Cardenal Belluga concentra due dei gioielli architettonici della capitale di Murcia, il Palazzo Vescovile del XVIII secolo, con una facciata rococò e un patio churrigueresco, e la Cattedrale. Questo tempio, la cui costruzione iniziò alla fine del XIV secolo, si distingue per la sovrapposizione di stili, mettendo in risalto la sua singolare facciata barocca, di grande ricchezza scultorea e, accanto, si erge la formidabile torre alta 92 metri, il secondo più alto della Spagna, mentre all’interno spicca la Capilla de los Vélez, magnifico esempio di gotico fiorito.


Molto più recenti sono alcuni degli edifici ottocenteschi più importanti della città, come il Palazzo Comunale, il Teatro Romea e il Casinò, quest’ultimo con facciata neoclassica e un bel patio interno di influenze arabe. E devi trovare il tempo per visitare il Museo del Salzillo, che contiene una preziosa collezione di sculture processionali di questo scultore, uno dei più emblematici del 18° secolo. I quartieri di San Pedro, Santa Catalina e i dintorni di Plaza de las Flores offrono alcuni degli angoli più pittoreschi della capitale murciana. Il tour può concludersi nel bellissimo Paseo del Malecón, collegamento tra la città e il frutteto. E ovunque, luoghi dove gustare ciò che questo giardino offre, in gustosi piatti o in piccole miniature sotto forma di tapas o porzioni. La gastronomia murciana si basa sull’ottima frutta, verdura e verdura che offre il suo orto. Con queste materie prime si preparano stufati e piatti tipici, come la ratatouille (con peperoni, cipolla e pomodoro), lo stufato di ceci e bietole o lo zarangollo (zucchine, uova e cipolla), solo per citarne alcuni. Come accompagnamento, puoi scegliere tra uno qualsiasi dei vini Murcian a Denominazione di Origine: Bullas, Yecla e Jumilla o le loro birre sempre fresche e generose.

Tanti motivi per visitare Murcia e per la sua Festa dei Mori e dei Cristiani da dichiarare quanto prima di Interesse Turistico Internazionale.

Testo e foto:
Enrique Sancho

Maggiori informazioni:
https://morosycristianosmurcia.org/
https://www.turismodemurcia.es/es/

Tappetini Assorbipiù - Record



La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Julius-K9 - Record

Conclusi i FEI World Championships 2022 con ECOHORSE by Ecoplus, sempre più riconoscimenti alle pavimentazioni in gomma...

Si è concluso domenica 25 settembre l’appassionante evento “FEI WORLD CHAMPIONSHIPS 2022”,...

FISE: Uso del giubbino protettivo obbligatorio dal 1° maggio per gli Under 18

La Federazione Italiana Sport Equestri informa che, secondo quanto previsto dal...

Tanto sport con il cane per festeggiare 10 anni di Quattrozampeinfiera a Milano

Milano, 1 e 2 ottobre la “due giorni pet friendly” più...

Ippodromo Arcoveggio Bologna: didattica delle arti e giochiamo seriamente

ANIMAZIONI ALL’IPPODORMO Le attività laboratoriali e le animazioni sono ideate e organizzate...

Puoi applicare i buoni sconto anche sull’Outlet… per fare ancora più affari!

30 € codice SET30 da 200 € di ordine12 € codice SET12 *da 100 € di ordine5 € codice SET5da 50 €...

Entriamo nella stagione delle coperte! Acquista subito con i Buoni Sconto o la tua...

COPERTE PADDOCK > VEDI TUTTO  SCEGLI L'IMBOTTITURA CHE PIÙ PREFERISCI: > senza imbottitura > imbottita...

Gran Premio Merano Alto Adige 2022

Il 25 settembre si svolgerà l’83° Meeting Gran Premio Merano Alto...

Rivedi subito l’ultima puntata della WebTV!

Puntata interamente dedicata agli INTERVENTI ASSISTITI CON ANIMALI, con in contributo...

Cavalli d’Autunno, due giorni di emozioni e spettacoli

Conclusa con successo l’iniziativa patrocinata dal Mipaaf a Tuscania Lo stupore negli...

Buoni Sconto fino a 30 € per i tuoi Acquisti! Approfittane!

La Tessera Premium e Premium Business partono dal 10% fino al...

A Milano per Quattrozampeinfiera arriva la Bambility City, la città a misura di cane...

A Milano, sabato 1 e domenica 2 ottobre, al Parco Esposizioni Novegro,...

Scopri la linea BASIL by HKM, la Collezione dalle Nuance senza tempo! Tua con...

La Tessera Premium e Premium Business partono dal 10% fino al...

I cavalli entrano nelle ville venete: gran finale di “Cavalli in Villa” in autunno...

LE VILLE VENETE APRONO IL SIPARIO SUL GRAN FINALE DI “CAVALLI...

ECOPLUS – Official supplier Mondiali FEI Pratoni del Vivaro

Si avvicina a grandi passi la data dello straordinario evento “FEI...

Presentazione “A to Z” WESTERN RIDING

"A to Z" WESTERN RIDING: il primo manuale dedicato all'Equitazione Americana...
Equigomma
FARNAM

Altri argomenti

EcoPlus - EcoHorse
BIOequipe
HKM
Franco Sarti
Cover Technology
Horse Point
  • Equestro
  • Briglie inglesi - HKM
  • Insettorepellenti - Farnam