28/09/2020

ER MOCCOLO: una poesia di Marco Biffani


ER MOCCOLO

(nel dialetto romanesco di oggi)

Ner vede la cannela che s’accorcia
e la fiamma ridusse a un lumicino
pe nun avè bisogno de na torcia
t’hai da datte na mossa, fratellino!
Er calo delle forze bilanciato
niente sforzi, corsette limitate
er fumo pe fortuna abbandonato
e ner magnare nisba scofanate,
un tempo era blasfema: “l’erezione”
mo so cambiati i fatti nell’amare
ora è quasi una benedizione
vedi un pò tu quello che se pò fare.
Come i barconi lenti de na vorta
che cento mari navigare sanno
ha da rennese conto della svorta
e prenne atto proprio dell’inganno
che all’omo ha preparato la natura
invece de diventà più bravo e forte
ha riservato una fregatura
invece della vita c’è la morte
e t’accorgi de corpo na matina
che la calafatura è da rifare
ed entra acqua nella tua sentina
e rischi facirmente d’affonnare
se consideri er corpo: “imbarcazione”
lo skipper ar comanno è nartro aspetto
se presenta diversa la questione
lui cià er coraggio de pijà de petto
li probblemi mejo e più de prima
vedenno er faro lui segue la rotta
è svejo, all’erta e te lo mette in rima
dribbla li scoji, rema e tiene botta.
I pochi anni che passeno lenti
poi fa finta de dì che nun li senti
ma se tu scrivi ancora e sei apprezzato
fanculo tutti e morammazzato.

marco biffani