01/07/2014

La regione del piede, una parte complessa ma fondamentale per la salute del cavallo

Spunti e consigli per una buona e corretta informazione equestre, tratti dal Manuale “L’Equitazione e i suoi segreti” scritto da Piero Acquaro.

Prima di parlare della mascalcia è necessario introdurre il piede del cavallo. La regione del piede è molto complessa e, comprende lo zoccolo, il suo contenuto e il tessuto cheratogeno.

La parte terminale degli arti del cavallo si possono suddividere in 3 falangi:

•  la “Terza falange” o “osso triangolare” è costituita da tante lamelle particolarmente innervate e vascolarizzate. Quindi questa zona è molto sensibile al dolore.

Nella parte frontale-superiore della “3^ Falange” c’è una cresta che è il punto dove si inserisce il “tendine estensore delle falangi”, mentre il “tendine flessore profondo delle falangi “si trova nella parte opposta vicino al cuscinetto plantare;














•  la “Seconda Falange” detto anche “osso coronale”;

•  Infine abbiamo la “Prima Falange” che corrisponde all’osso pastorale, infatti l’area zoognostica è denominata pastoia o pastorale.

Lo zoccolo è la scatola cornea che ricopre la terza falange, l’osso navicolare e la porzione distale della seconda falange. Lo zoccolo si può suddividere generalmente in: muraglia, fettone, suola, barre e poi sono comprese anche le strutture interne.

Bisogna definire le varie parti iniziando dalla muraglia. È una robusta “armatura” che riveste e protegge le strutture interne sensibili dello zoccolo.

Il fettone è una struttura triangolare, con la punta in avanti, che si estende per circa 2/3 della lunghezza della suola, a partire dall’estremità posteriore della suola.







Si trova poi la suola, in genere bianco-giallastra, raramente debolmente pigmentata. Riempie tutto lo spazio all’interno del margine inferiore della muraglia. In profondità, la suola è costituita da un materiale traslucido, ceroso, chiamato “suola viva”. 

Le barre originano dalla muraglia dei talloni, con un brusco angolo all’interno e in avanti chiamato angolo di inflessione, e decorrono parallelamente al margine posteriore del fettone delimitando esternamente la lacuna collaterale.

Infine si passa alle strutture interne. La terza falange, completamente coperta dallo zoccolo, ha una forma semilunare, concava in basso; la superficie esterna corrisponde alla parte anteriore della muraglia.

Nella parte posteriore dello zoccolo, fra i talloni, il fettone e le strutture più profonde è interposto il cuscinetto plantare, costituito da tessuto fibro-adiposo nel puledro, destinato a trasformarsi in robusto tessuto fibrocartilagineo nel cavallo adulto sano.


Queste informazioni e tante altre ancora, molto utili a tutti gli appassionati di equitazione si possono trovare sul bellissimo Manuale Didattico di Piero Acquaro “L’equitazione e i suoi segreti”. Il Manuale contiene anche una prefazione firmata da Mogol ed ha ricevuto gli auguri dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Patrocinio della Polizia di Stato. Questa opera è indispensabile sia per appassionati che per i professionisti del settore proprio perchè spiega in modo chiaro e dettagliato tutti i segreti dell’equitazione.

E’ acquistabile al seguente link:

https://www.nonsolocavallo.it/prodotto/lequitazione-suoi-segreti-manuale-didattico/11916