03/06/2020

Fase 2 Federippodromi: Riprendere corse subito, altrimenti riforme inutili con comparto chiuso

La fase 2 entra nel vivo, ma per l’ippica non ci sono certezze sulla ripresa dell’attività agonistica.

Elio Pautasso, Presidente di Federippodromi (Gestori Ippodromi) e Direttore generale Hippogroup Roma Capannelle concessionario dell’Ippodromo Capannelle di Roma, interviene dopo l’ennesimo provvedimento del Governo che non prevede il ritorno alle corse:

«Auspichiamo che l’attività agonistica riprenda al più presto.

Gli Ippodromi che si occupano anche dell’allenamento e dell’ospitalità dei cavalli non sono rimasti chiusi neppure un giorno, garantendo il benessere degli animali.

Ma questo non può bastare.

Per tutti noi, dagli allevatori agli allenatori fino ai proprietari e agli stessi gestori degli ippodromi, è necessario ricominciare a gareggiare, perché solo così si rimetterà in moto il settore e finalmente si potrà avere un po’ di soddisfazione anche dal punto di vista economico e finanziario.

Se non avverrà a breve, rischieremo di fermarci definitivamente».

«Concordiamo con il sottosegretario L’Abbate che ha annunciato su facebook  interventi strutturali.

Da tempo chiediamo una riforma improntata sul sostegno al settore sotto forma di crediti di imposta e altre iniziative, visto che l’ippica era già in difficoltà prima della pandemia.

Occorre però pensare alle priorità: dare immediatamente il via libera alle corse e magari subito dopo pensare alle riforme.

Aspettare ancora ci farà correre il rischio di non riaprire vanificando così qualsiasi intento di riforma.

Guardando a come stanno gestendo le stesse problematiche in Europa e nel resto del mondo, non vediamo perché solo in Italia l’ippica debba essere penalizzata quando con la ripresa immediata e alcuni interventi mirati a breve termine, potrebbe tornare a funzionare come in passato».