1° WEBINARTutte le tue domande al Veterinario + 2 ore di formazione e utili consigli per la gestione quotidiana del cavallo.
30 Marzo, ore 18 ISCRIVITI SUBITO
1° WEBINAR:Tutte le tue domande al Veterinario + 2 ore di formazione e utili consigli per la gestione quotidiana del cavallo. 30 Marzo, ore 18
24 Aprile 2024

Entrando in alcuni dettagli della relazione tra uomo e cavallo

In questo momento, molti sono gli approcci sperimentati per soddisfare le esigenze del cavallo e per avvicinarlo all’uomo, ma nella maggior parte dei casi l’interazione si basa sempre sull’addestramento, e spesso il cavallo è ancora trattenuto con finimenti o barriere fisiche, privato ​​di libertà di espressione e di scelta nel partecipare all’azione.


Al giorno d’oggi per noi avere un cavallo è un piacere, quindi dobbiamo farne davvero tesoro e tenere sempre presente il suo e il nostro benessere. Quando vogliamo interagire con lui, è molto importante imparare a capire veramente il nostro cavallo per stabilire una comunicazione efficace e un buon rapporto.

Gli stimoli
Quando i cavalli hanno libertà di movimento, possiamo osservare come si sentono veramente riguardo a una situazione. Il cavallo è un individuo vivo, non una macchina! Attraverso i sensi il cavallo è sempre consapevole dell’ambiente circostante, percepisce gli stimoli e vi risponde sempre, anche quando sono leggeri come il tocco di una mosca o un filo d’erba. Il cavallo risponde sempre agli stimoli, e non solo quando è stato condizionato a farlo. Il cavallo, infatti, a volte risponde inaspettatamente a stimoli che dovrebbero suscitare una risposta condizionata, aggiungendo alla sua azione emozioni reali, come aggressività, depressione o ansia. Queste emozioni sorgono quando il cavallo è sottoposto a una pressione eccessiva, o costretto a ripetere un’azione più e più volte, e le sue emozioni in genere provocano reazioni negative da parte degli esseri umani.

Per collaborare efficacemente con il nostro cavallo, è importante dargli l’opportunità di esprimersi liberamente riguardo a una situazione in modo da poter vedere come si sente veramente in relazione a ciò che stiamo facendo insieme.

Leadership
L’essere umano molto spesso cerca di assumere rigidamente una posizione di comando nei confronti del cavallo, senza rendersi conto che in natura questa tanto agognata posizione non è statica nel tempo, come vorremmo che fosse. Per il cavallo, lo stato di leadership è legato alla sopravvivenza primordiale, e si basa su relazioni sociali dinamiche e situazioni ambientali che cambiano nel tempo. In breve, assumere il ruolo di capobranco, per i cavalli, implica la responsabilità di portare gli individui che fanno parte del branco al cibo, all’acqua e alla sicurezza. Per i cavalli, questo è mantenere un comportamento adeguato alla posizione di leader.

Un altro ostacolo alla vera comunicazione con il cavallo è la presenza di vincoli sia fissi (recinzioni) che mobili (finimenti), che ne limitano il movimento nello spazio, una parte importante della sua vera espressione. Senza poter percepire la sua espressione silenziosa, come facciamo a sapere come si sente veramente il cavallo? Ma siamo davvero interessati a come si sente o vogliamo solo che faccia quello che vogliamo? Ci interessa vedere le sue espressioni o preferiamo vedere il suo comportamento con delle etichette preconfezionate che piacciono solo a noi? L’essere umano ha addomesticato il cavallo perché ha capito quale enorme beneficio ne potesse derivare. Tradizionalmente, nel rapporto tra uomo e cavallo, ci si aspetta che il cavallo impari a rispondere agli stimoli attraverso il condizionamento, con rinforzi positivi o negativi, soddisfacendo i bisogni dell’essere umano, che spesso non hanno nulla di immediatamente interessante per il cavallo. Infatti, a volte, anche se involontariamente, nell’interazione con il cavallo, l’essere umano abusa dell’animale. Ciò che l’essere umano desidererebbe è che il cavallo impari determinate azioni, e il modo in cui gliele presentiamo non solo non lo attrae, ma spesso non attiva in lui il processo sufficiente a formare la memoria necessaria all’apprendimento del comportamento. Questo è vero, anche se, a volte, il cavallo compie momentaneamente l’azione che gli viene richiesta. Il cavallo può vivere e prosperare in questa condizione, non perché sia ​​un animale di scarsa intelligenza, ma per la sua estrema capacità di adattamento per sopravvivere.

Il cavallo non capisce il nostro linguaggio parlato, ma invece comprende spontaneamente e istantaneamente il nostro silenzioso “linguaggio del corpo” e se usiamo consapevolmente il nostro movimento come comunicazione, possiamo imparare a comunicare con lui in modo efficiente.

Nella mia esperienza con i purosangue usciti dalle corse, ho instaurato un rapporto sociale con il cavallo, contesto naturale e molto interessante per lui, prima di provare ad insegnargli un’altra attività sportiva, che, invece, non sempre è interessante per il cavallo. Con i cavalli da corsa, normalmente considerati molto difficili, questi risultati si ottengono lavorando con la massima libertà possibile, accogliendo anche la loro espressione, riconoscendo le loro risposte e rispondendo alle loro azioni. Da questa esperienza ho osservato come imparano i cavalli, quando sono genuinamente motivati ​​dalla curiosità. Un altro elemento che ho sperimentato è la possibilità di lavorare con le emozioni del cavallo, che invece sono sempre temute o accuratamente ignorate, perché l’essere umano non sa come contenerle o accoglierle, e rispondere adeguatamente. Il rapporto che si crea dando al cavallo la possibilità di esprimersi liberamente è davvero unico e nuovo e le possibilità che si aprono al lavoro in collaborazione tra uomo e animale sono infinite.


Vincoli
Sappiamo che le persone spesso dimenticano quello che hai detto e quello che hai fatto, ma non dimenticano mai come le hai fatte sentire. Lo stesso vale anche per i cavalli! Spesso mi ritrovo a lavorare in libertà di movimento con cavalli che non conosco, spiegando cosa faccio ‘a parole’ a persone interessate a capire come comunicare spontaneamente con i cavalli. Un giorno, durante un corso, stavo lavorando con un cavallo appena conosciuto, in un’arena molto grande, proprio accanto a dove tenevano del bestiame. Era l’inizio del corso, e siccome non avevo in mano una cavezza né una corda, tutti si chiedevano come avrei fatto a lavorare con il cavallo, che era lontano, dalla parte opposta dell’arena e sembrava più interessato al bestiame che alla mia presenza. Per i presenti era strano che il mio primo pensiero fosse di non andare a prendere il cavallo e mettergli la cavezza. Io sapevo che ciò avrebbe reso il cavallo ancora più interessato al bestiame nel recinto adiacente piuttosto che a lavorare con me. Sarebbe stato come se avessi iniziato a parlare di speroni e fruste ai presenti che volevano sapere come lavorare con i cavalli in modo naturale. Ho iniziato a camminare verso il cavallo e ho trascorso alcuni istanti vicino a lui.

Poi gli ho portato una carota e gliel’ho offerta mentre ero accanto a lui e me ne sono andata subito dopo, ma ho ripetuto questa azione un paio di volte. Nel tempo tra le mie brevi visite, il cavallo ha avuto l’opportunità di pensare a me e ai brevi momenti trascorsi insieme. Mi ci sono volute alcune volte per convincerlo che la mia presenza era qualcosa di piacevole e così ho potuto invitarlo a seguirmi, con un cenno della mano, per unirsi al gruppo di astanti dall’altra parte dell’arena, lasciando il lato dove era il bestiame. Era una libera scelta del cavallo, e poiché non aveva una cavezza o una corda attaccata a me dall’altra parte, poteva anche tornare indietro e stare vicino al bestiame. Era mia responsabilità avere con lui un dialogo positivo degno della sua attenzione e considerazione. Qualcuno era ancora sorpreso dal fatto che non avessi nulla in mano, e che non offrissi al cavallo altre carote, ma soprattutto che lui era con noi e non tornava vicino al bestiame. Questo stato di cose era ciò che volevo ottenere tra il pubblico, e a questo punto potevo iniziare a parlare del dialogo tra uomo e cavallo e di come stabilirlo correttamente. I presenti hanno visto quanto fosse importante ed efficace interagire con i cavalli senza togliere loro la libertà di scelta. L’azione era stata inequivocabile e aveva risvegliato le emozioni di tutti, ed è allora che hanno iniziato davvero a voler capire il dialogo tra uomo e cavallo!

Comportamento e libertà
Tradizionalmente, il rapporto tra uomo e cavallo avviene secondo un copione stabilito attraverso l’addestramento, che condiziona l’animale a rispondere in maniera prevedibile a determinati stimoli, escludendo dall’interazione la sua libertà di scelta. Nel comportamento del cavallo, accanto alle azioni che sono state condizionate in lui, sono sempre coinvolti gli istinti, e altre componenti che sfuggono al nostro controllo (le sue emozioni!), ma la differenza tra queste componenti è raramente evidenziata. Comprendere il rapporto tra libertà, istinto e comportamento del cavallo può aiutare a cercare di risolvere i tanti misteri che ci sfuggono nel rapporto tra uomo e cavallo. Per fare questo occorre anche la consapevolezza e la comprensione che le barriere di specie devono essere superate con i fatti, non con la forza o negando che esistano. La libertà è una parte naturale dell’essenza del cavallo ed è la prima cosa che viene limitata quando un essere umano gli si avvicina. L’istinto è quel comportamento che si manifesta sempre e costantemente allo stesso modo.

Il comportamento di un individuo ha componenti istintive costanti per la sua specie, altre che sono caratteristiche singolari di lui e che derivano dalla sua esperienza di vita e altre ancora che fanno parte della sfera emotiva e sfuggono ad ogni controllo. Il comportamento di ogni individuo cambia costantemente, anche se, nel caso del cavallo, noi uomini cerchiamo di regolare gran parte della sua esperienza di vita. Se vogliamo comunicare con un cavallo, è importante considerare ogni cavallo un individuo, conoscerne la natura, e permettere al cavallo di esprimersi nel rapporto che abbiamo con lui. I cavalli sono tutti individui diversi e questo è un fatto che nemmeno l’addestramento e le costrizioni hanno mascherato. Pertanto, considerarlo un individuo dovrebbe essere un fatto universalmente accettato. In materia di comportamento animale, gli istinti sono come le leggi della chimica e conoscerli significa avere elementi costanti per comprendere il comportamento di un individuo, utili per superare le barriere tra le specie e per comunicare efficacemente. Iniziando a interessare un cavallo a interagire con noi e a lasciarlo esprimere liberamente, possiamo anche arrivare ad affrontare le parti che ci sfuggono nel nostro rapporto con il cavallo, come le sue emozioni.


A proposito di cibo
Tra cavalla e puledro il primissimo soggetto di interazione è il cibo, che è un bisogno essenziale e che il puledro lo riceve dalla madre, che gli insegna anche come comportarsi rispettosamente nei suoi confronti.

Come “interessare” un cavallo in un modo che gli è naturale? Tutti conoscono il trucco della zolletta di zucchero, ma molti non sanno far fronte alle implicazioni di un ordine gerarchico che derivano dall’offrire cibo al cavallo. Il cibo è un argomento che il cavallo comprende senza bisogno di essere addestrato mediante il condizionamento. Generalmente dare da mangiare a un cavallo può metterci in una posizione di subordinazione, che è ben lontana da quella di  ‘amico’ che tutti vogliono assumere quando offrono un regalo al proprio cavallo. Uscire da questo malinteso e risolvere l’enigma che presenta la nostra offerta alimentare non è difficile, se lo facciamo rispettando alcune regole sociali che il cavallo naturalmente rispetta. L’insegnamento delle buone maniere riguardo al cibo è uno dei primi argomenti da trattare per stabilire un legame di amicizia, costruito sul rispetto reciproco con il cavallo. Ho sperimentato che un buon modo per introdurre il cibo può essere fatto in un’area recintata, dove il cavallo è a proprio agio, in libertà di movimento e senza costrizioni. Possiamo iniziare mettendo giù del cibo in modo che il cavallo possa vederlo, vicino a noi, ma fuori dal recinto e fuori dalla portata del cavallo. Le carote sono l’ideale perché sono facili da maneggiare e possono essere date al cavallo a piacimento. Quando sceglie di avvicinarsi a noi, dovremmo toccarlo, lasciarlo stare vicino a noi per qualche istante, poi chiedergli di allontanarsi.

Se si allontana e non cerca di tornare da noi, dovremmo portargli una carota. Quando si chiede al cavallo di allontanarsi bisogna compiere l’azione di prendere spazio verso l’area occupata dal cavallo, puntando il movimento verso terra, e non verso il corpo del cavallo. Quindi, tornare al punto della recinzione vicino al cibo e aspettare, quando il cavallo viene da noi, dobbiamo accarezzalo e ripetere le azioni. Quando il cavallo mostra di capire cosa sta succedendo, dobbiamo tenere la carota in mano e aspettare che torni. Quando si avvicina, gli si chiede di fermarsi, muovendoci verso di lui come se si volesse allontanarlo dall’area in questione. Se si ferma, gli si da la carota. Se non si ferma, si rimette la carota dall’altra parte della recinzione e si ricomincia da capo. In poco tempo il cavallo capirà che la carota è nostra ed è un regalo che gli si fai non qualcosa che lui si sta portando via. Il cavallo deve mangiare la carota con delicatezza, smettendo di mangiare dalla mano se glielo chiediamo. Se non si comporta così, si ricomincia l’azione dall’inizio, senza rimproverare il cavallo. Quando capisce che la carota è un dono e si vede un cambiamento nella sua disposizione e comportamento in presenza di cibo, si può iniziare a usarla nelle interazioni e anche ripetere la lezione se il tuo cavallo perde entusiasmo, pazienza, gentilezza o rispetto.

Tra uomo e cavallo, i dettagli sono una questione importante.


Human Horse Sensing Horsemanship
Alla luce del tempo, della cultura, degli studi scientifici e della mia esperienza professionale, ho studiato a fondo l’interazione tra esseri umani e cavalli e come la comunicazione avviene naturalmente durante questo periodo, con l’obiettivo di mantenere una prospettiva oggettiva. Ho applicato le informazioni derivate da questo approccio all’interazione tra uomo e cavallo in molti casi diversi, dall’allevamento all’allenamento, alla competizione e all’esibizione negli eventi. L’esperienza ha suggerito una profonda innovazione per la modalità tradizionale della relazione e della comunicazione tra uomo e cavallo, facendo un passaggio radicale da un’interazione basata sull’addestramento a dare una struttura all’immediata comunicazione interspecifica che avviene naturalmente in quel momento. La comunicazione nell’interazione tra uomo e cavallo può essere gestita attraverso movimenti intenzionali, tenendo conto del contenuto, della modalità e del senso attraverso il quale l’informazione viene percepita – da terra (comunicare attraverso la vista, l’udito e il tatto) e dalla sella (comunicare attraverso il tatto e l’udito). L’interazione ha lo stesso significato per uomo e cavallo, è mantenuta nel contesto sociale della relazione, con concetti istintivi per uomo ed equino e non include l’uso della forza o della paura. Il risultato è un sistema per comunicare con il cavallo attraverso il comportamento, in un dialogo dinamico con un approccio globale che tiene sempre in considerazione entrambe le parti, umana ed equina.

Tale modello ci consente di gestire la situazione nel tempo in cui si verifica, modulandola e rimodellandola, momento per momento.

Corso Human Horse Sensing Online
Il corso HH Sensing ha come scopo di insegnare le nozioni fondamentali del comportamento dei cavalli, le loro relazioni sociali e come comunicare con loro in ogni circostanza. La comunicazione avviene scegliendo azioni appropriate e in contesti che i cavalli capiscono immediatamente. L’approccio mediante la comunicazione spontanea, invece che quella condizionata, permette di stabilire una connessione evidente con il cavallo.

Questo corso è per proprietari, cavalieri, allevatori, professionisti, dilettanti, e chiunque è interessato a imparare come il cavallo vive, pensa, impara, comunica e gioca dal suo punto di vista. L’obiettivo principale è diventare consapevoli di come avviene la comunicazione tra esseri umani e cavalli; con questa consapevolezza si può costruire una relazione da uomo a cavallo dinamica e solida, attuabile in ogni circostanza, da terra e in sella, con e senza finimenti.

Dato il carattere del corso, non è richiesto alcuna specifica competenza nelle varie specialità equestri.

Risultati che si possono raggiungere:

• Qualsiasi obiettivo desiderato, può essere raggiunto attraverso   la relazione con il cavallo che sceglie liberamente di farne parte.

• Imparare com’è possibile coinvolgere volontariamente il cavallo.

• Imparare a collaborare spontaneamente con il cavallo.

• Il risultato della relazione “Da Uomo a Cavallo” è il prodotto delle possibilità che creiamo e in cui riusciamo a coinvolgere il cavallo senza forza.

 Programma del corso online HH Sensing

1 INTRODUZIONE
2 UN NUOVO MODELLO PER L’HORSEMANSHIP
3 IL COMPORTAMENTO COME ESPRESSIONE COMPLETA DI UN INDIVIDUO
4 LIBERTA’ IN HORSEMANSHIP
5 IL PROCESSO DI APPRENDIMENTO
6 LEADERSHIP
7 L’USO DEI SENSI IN HORSEMANSHIP
8 ELEMENTI DI COMMUNICAZIONE
9 VALORI SOCIALI VARIABILI IN HORSEMANSHIP
10 APPLICAZIONI PRATICHE DI HUMAN HORSE SENSING

Per ulteriori informazioni su Human Horse Sensing visitate il sito www.HHSensing.com o chiamate il numero USA 001 760 715 1554.

Il costo del corso è di 800 euro per dieci sessioni settimanali private. Il costo del corso di gruppo è di 600 euro a persona e i partecipanti sono limitati a un massimo di quattordici.

La settimana precedente il corso si terrà un incontro di presentazione con i partecipanti in regola con l’iscrizione, per decidere l’orario delle lezioni allo scopo di conciliare le esigenze di tutti gli iscritti che, a volte, vivono in zone orarie diverse.

Le lezioni si tengono con l’ausilio di un programma di conference call La mattina precedente l’incontro riceverete un invito che è specifico per ogni appuntamento. Per partecipare è necessario un computer con microfono e speaker, o cuffie.

HH Sensing sarà a disposizione per tutta la durata del corso per assistere i partecipanti, durante le ore diurne per la California. 

Le iscrizioni si accettano via email, indirizzate a HHSensing@icloud.com aggiungendo il proprio nome, cognome, telefono, indirizzo e corso scelto, v’invieremo la richiesta di pagamento a mezzo Paypal. L’iscrizione è completa al ricevimento della conferma di pagamento da parte di HH Sensing.

Il benessere di uomo e cavallo è  la nostra missione, averlo a cuore è la nostra forza.




Nata e cresciuta a Milano, ora vive con la sua famiglia in California. Laureata in veterinaria, attualmente addestratrice di cavalli e istruttrice con Human Horse Sensing, organizza corsi online e di persona presso strutture equestri anche in Italia. Migliorare la comunicazione tra uomo e cavallo è sempre stato il fulcro della sua attività iniziata 30 anni fa all'ippodromo di S. Siro a MIlano. Autrice del libro "Human Horse Sensing Horsemanship", pubblicato in inglese e italiano da Edizioni Equitare. Scrive e illustra articoli sul cavallo in Italia e negli Stati Uniti.
Per ulteriori informazioni consultare il sito web: www.hhsensing.com

IL PORTALE DEL CAVALLO con la rivista INFORMA, l'e-shop NON SOLO CAVALLO, PIANETA CUCCIOLI, e la WEB TV, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. IL PORTALE DEL CAVALLO è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni, INFORMA è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. NON SOLO CAVALLO - PIANETA CUCCIOLI è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita, la WEB TV del Portale tratta molteplici argomenti, dall’attualità al coaching, dalla veterinaria al benessere di cavalli e cavalieri, cani e gatti, 
con il contributo di illustri esperti del settore.

Protezioni cavallo

Condividi questo articolo:

Segui il Portale sui nostri social

Seguici anche su

Guidolin eQuibar
HKM
agromil-banner
Farnam

LA FORMAZIONE DEL PULEDRO

Intervento dell'autore Colonnello Giuliano Bacco Dalla nascita, allo svezzamento, fino ai primi...

Leovet > Nuovi Set completi per l’Igiene e il Benessere del Cavallo

Risparmio + Sicurezza + Efficacia set Leovet per l'igiene del cavallo ARNICA...

Pulizie di Primavera? Accessori grooming e scuderia! 🚰🐎🐩🐈

Prepara gli accessori per il grooming e la scuderia SCUDERIA: ABBEVERATOI...

Rivedi subito la 18° puntata della WebTV.

Con noi, il Principe Alduino di Ventimiglia di Monteforte, Simone Dall'Anese,...

Speciale Concorsi!

Tante nuove idee per cavalieri e amazzoni impegnati nei prossimi eventi Scopri...

Benvenuta Primavera: tempo di Maschere anti-insetti, Coperte in Cotone e rete

Benvenuta primavera.Ecco i Best Seller del mese! Tempo di MASCHERE ANTI-INSETTO, protezione...

ARUBA, la nuova collezione HKM che sa di estate! Scoprila Subito

Hai visto la nuova linea ARUBA? Già il nome evoca l'estate...

Pronti al cambio di stagione?

Tempo di Coperte Pile e Cotone, T-shirt per Cagnolini coperte pile ...

Ecoplus Partner tecnico di 2024 Reining Derby

Riparte la stagione fieristica EQUESTRE 2024 presso “CREMONA FIERE" ed ECOPLUS...

Festa del papà: Cap e Pantaloni, novità e ritorni! Auguri a tutti i Papà:...

Fino a martedi 19 marzo è possibile scegliere tra i libri...

Festa del papà: Scopri il nostro Regalo e le novità uomo

Fino a martedi 19 marzo è possibile scegliere tra i libri...

Grooming Box, Borse e altre idee. Conosci Birth Alarm?

Organizziamo il... grooming box GOOMING BOX - BORSE EQUITAZIONE Conosci Birth Alarm?L'allarme...

Corsi online

Corsi dedicati alla salute e al benessere del cavallo, con docenti e professionisti accreditati


• Maggiori competenze
• Nuove conoscenze
• Nozioni pratiche e concrete

Vedi tutti i corsi »

Patologie più comuni infettive e parassitarie dei cavalli

Patologie dell'apparato muscolo-scheletrico

Patologie della testa, degli occhi, delle orecchie e del cavo orale

Traumatologia e incidenti: primo soccorso ai principali incidenti

Grooming 1: cura e igiene del cavallo: teoria e pratica

Grooming 2: tecniche di scuderia e benessere animale

L'habitat del cavallo sportivo: paddock, box e scuderie

Webinar periodici con i docenti dei corsi di formazione online