26/07/2020

Cesena Trotto: resoconto Premio Polaris Informatica

Ippodromo di Cesena Trocco, resoconto delle corse di venerdì 24 luglio 2020 – Premio Polaris Informatica.

Clou per velocisti, la spunta Voyager Grif in 1.11.6

Risparmiati da un incombente Giove Pluvio, gli  appassionati romagnoli hanno ammirato le gesta dei sei velocisti impegnati nel clou del venerdì 24 luglio “Premio Polaris Informatica”, corsa ricca di pathos e dall’intricata trama tattica nonostante lo scarno campo partenti, che ha visto Veantur assumere l’iniziativa e guidare senza lesinare i parziali per poi innescare un match senza esclusione di colpi con il controfavorito Voyager Grif, il quale ha via via aumentato la sua pressione passando a palo lontano e dominando in un siderale 1.11.6, record stagionale al Savio, davanti al finisseur Uisconsis Vol e a Zefiro Gual

Serata aperta dai due anni con il “Premio X3 Industria”, un ritiro, quello di Conchita Pax ed una lunga suite di errori con Cherry  Top a segno dopo grintoso percorso al largo di una labile Chelsy dei Greppi poi, a margine, chiuso in 1.17.1 davanti a Cartagena Pax e a Capovento Pax, allievi di Salvatore Valentino, guidati rispettivamente da Alessandro Gocciadoro e dallo stesso Valentino.

Coast to coast vittorioso per Africa Jet alla seconda “Premio X3 Agri Consorzi”, la figlia di Naglo allenata e guidata da Loris Farolfi ha assunto in breve l’iniziativa e, complice l’inopinata rottura della plebiscitaria favorita Asia, ha facilmente disposto degli avversari vincendo in 1.13.9 su Alissa Trio e Aaron Smith Treb mentre, alla terza “Premio X3 Moda”, tutto come da atteso copione con Zuvetie Cc Sm e Massimo De Luca in totale controllo e vincitori alla media di 1.15.1 su Zequinha e Zina Jet. La classe di Senna Trio ha deciso la quarta della serata “Premio X3 Progetti”, con l’anziano allievo di Marco Stefani preminente in 1.14.8 su Vassallo e Zagato, poi nell’immediato prosieguo “Premio X3 Food”, prima vittoria in carriera per Batman Muttley, trascurato allievo di Vp che anche grazie alla rottura di Breccia Wf, ha spaziato in un banale 1.17.9 sulla media distanza, davanti a Baia Del Sol Vgl e Bering Dei Greppi. Chiusura con il “Premio Argologica Software & Servizi” nel segno delle rotture e del raddoppio per Alessandro Gocciadoro, il professionista di origine parmense ha portato al successo Blu di Prussia, primogenita della campionessa Prussia che ha polverizzato il suo record sul miglio dominando in 1.14.5 davanti a Birko Alter e Beatrice Kriss, gli unici esenti da errori lungo i due giri del percorso.