furto cavallo

0
0

Gentile Avvocato, vorrei porle una domanda sulla responsabilità della società che gestisce un ippodromo. un mio amico ha subito il furto di cavallo, custodito all’interno del box di un ippodromo, regolarmente locato. ha diritto al risarcimento del danno da parte della società per omessa custodia? a me sembra che vi sia il diritto del mio amico di ottenerlo ma la società ha negato ogni sua responsabilità.
la ringrazio anticipatamnete per il tempo dedicatomi.

  • Devi essere loggato per poter scrivere un commento
0
0

Gent.ma Sig.ra Ada per prima cosa occorre valutare il contenuto della polizza assicurativa dell’Ippodromo: ovvero valutare se detta polizza copre o meno il furto di cavallo. Quindi passare all’esame del contratto che verosimilmente si stipula nel momento in cui si porta il proprio equide in una struttura del genere: il servizio che mette a disposizione l’ippodromo è una mera locazione di box o ricomprende anche la custodia dell’animale?
Le trascrivo alcune norme sul deposito che possono essere utili ad inquadrare il fatto normativamente:

Art. 1766 Nozione
Il deposito è il contratto col quale una parte riceve dall’altra una cosa mobile con l’obbligo di custodirla e di restituirla in natura.

Art. 1767 Presunzione di gratuità
Il deposito si presume gratuito, salvo che dalla qualità professionale del depositario o da altre circostanze si debba desumere una diversa volontà delle parti.

Art. 1768 Diligenza nella custodia
Il depositario deve usare nella custodia la diligenza del buon padre di famiglia (1176, 2051).
Se il deposito è gratuito, la responsabilità per colpa è valutata con minor rigore (1710).

ATTENZIONE:
Art. 1780 Perdita non imputabile della detenzione della cosa.
Se la detenzione della cosa è tolta al depositario in conseguenza di un fatto a lui non imputabile, egli è liberato dall’obbligazione di restituire la cosa (1256 e seguenti), ma deve, sotto pena di risarcimento del danno, denunziare immediatamente al depositante il fatto per cui ha perduto la detenzione.
Il depositante ha diritto di ricevere ciò che, in conseguenza del fatto stesso, il depositario abbia conseguito, e subentra nei diritti spettanti a quest’ultimo (1259).

alla luce di quanto sopra direi che la chiave di lettura sta nel contratto stipulato e nella polizza assicurativa; appellarsi solo al contratto di deposito non rappresenta una garanzia inequivocabile di risarcimento.
Ad ogni modo sporgerei regolare denuncia!

  • Devi essere loggato per poter scrivere un commento
0
0

Gentile Avvocato,
ho chiesto al mio amico se aveva sottoscritto un contratto di locazione e/o di custodia con l’ippodromo. Mi ha risposto di non aver sottoscritto nulla però è in possesso di documenti comprovanti l’emissione di fatture a suo nome. Ritiene che questo sia sufficiente per fondare una richiesta risarcitoria?Naturalmente il mio amico ha provveduto a sporgere denuncia per il furto.
La ringrazio per la sua disponilibilità e per la sua competenza.
Cordiali saluti

  • Ospite
  • Devi essere loggato per poter scrivere un commento
0
0

Carissima Ada, immagino che le fatture comprovino solo il versamento di somme di danaro da parte del suo amico all’Ippodromo, ma qual è la causale di siffatti versamenti?
Utilizzo box o anche servizi deposito e custodia?
Provi a leggere lo statuto del Centro.
Nel caso in cui l’ippodromo non avesse una propria assicurazione, è comunque possibile agire direttamente contro l’ippodromo stesso:sarà poi l’autorità giudiziaria a stabilire su chi grava la responsabilità e il relativo obbligo di risarcimento.
Sono sincera: non ho nozioni sufficienti per darLe una risposta congrua: dovrei valutare la polizza, verificare le fatture e capire che contratto, anche verbale, lega il suo amico all’Ippodromo.
Se desidera una consulenza approfondita e specifica mi può contattare alla mail: virginia.polidori@libero.it
e valuteremo il da farsi insieme!

  • Devi essere loggato per poter scrivere un commento
La tua risposta

Prego per rispondere.