Equidomus
Forum

Parliamo di Dressage
Per saperne di piu su questa disciplina che affonda le sue radici nel Rinascimento Italiano
Nel forum sono presenti 24532 messaggi,
in questa stanza 915
   
OGGETTO Spalle in dentro
Autore ^^Magenta^^
Data 20/01/2007 19:31:27
Discussione ciao a tutti, l`altro giorno ho provato a far fare alla mia cavalla delle spalle in dentro... al passo venivano tranquillamente, e senza volerlo un poco anche al trotto... ma penso che sbagli gli aiuti... perchè non sempre le fa... qualcuno sa spiegarmi bene che aiuti e cosa bisogna fare per fare delle spalle in dentro? GRAZIE MILLE KisS KIsS
Autore il pendolo
Data 20/01/2007 21:30:05
Discussione magenta se non ti risponde nessuno dopo te li spiego io ciao.però mi devi dire per quale motivo li fai? poi mi devi dire anche cosè la spalla in dentro?-----poi io ti diro se stai facendo giusto.
Autore ^^Magenta^^
Data 21/01/2007 10:06:17
Discussione ciao pendolo... allora.. io le ho sentite chiamare così, poi magari mi sbaglio... cmq è la mossa di dressage in cui il cavallo va sia in avanti che di lato incrociando le zampe... io per farle mi dirigo verso il centro del campo, con il cavallo che lavora, tengo tesa la redine esterna e aperta la redine interna, quasi stacco la gamba esterna e faccio pressione con la gamba interna... di solito viene... la mia cavalla è da salto, ma siccome ho appena ricominciato i piccoli saltini con lei, volgio imparare a farla lavorare in piano bene e a fargli fare anche un poco di dressage... IL PROBLEMA: a parte che ogni tanto forse non capisce i comandi e inizia (lentamente xò) a spinnare con il posteriore, è che non sempre le fa e a volte non capisce... sbaglio qualcosa nei comandi? Grazie mille ciao
Autore il pendolo
Data 21/01/2007 21:13:05
Discussione cara magenta,quello che tu ti riferisci, si chiama appogiata, in sostanza il cavallo, si sposta lungo una diagonale, mantenendosi parallelo al lato lungo del maneggio.avanzando e incrociano anteriori eposteriori,con una incurvazione di45 gradi.la spalla in dentro il cavallo cammina sul lato lungo segnando le due pista ,e con incurvatura che quarda nella direziona in cui cammina il cavallo. per fare questo, devi :appogiare la gamba esterna spostando lateralmente il cavallo appogiare la redine esterna ,e la redine intera dare un pò di apertura quel necessario che basti al cavallo. ma quando avrà inparato la redine dovrà rimanere senza apertura.gli fai fare 4 o 5 passi non di più. poi lo rimeti di nuovo dritto,e così via via fino ha quando il cavallo ti risponderà con le azzioni che tu gli avrai insegnato. ---- così si fà anche la testa al muro . io incomincerei con la testa al muro, e quando sarà bravo farei la spalla in dentro.----se c`è qualcosa che ti da dei dubbi scrivilo ,ciao.
Autore ^^Magenta^^
Data 22/01/2007 21:39:03
Discussione Grazie mille pendolo, vedrò di riuscire a migliorare... grazie mille ciao ciao
Autore cri
Data 26/01/2007 19:44:08
Discussione ciao sono cri, per la spalla in dentro questi sono gli aiuti:gamba interna agisce alla cinghia non costantemente ma con cadenza regolare, gamba esterna agisce solo momentaneamente dietro la cinghia per arrotondare il cavallo, una volta impostata la spalla in dentro apri le dita della mano interna, stai attenta al posteriore esterno, non deve spostarsi troppo e mi raccomando mantieni sempre il contatto sulla redine esterna e, buon lavoro
Autore il pendolo
Data 11/02/2007 06:08:08
Discussione ciao cri, scusa se ti chiedo una cosa. ma la gamba interna non è quella che fà arrotondare il cavallo mentre la gamba esterna e qualla che spinge il cavallo!?poi un altra cosa ma se apri la mano interna come fai a dare la direzione al cavallo?e per finire cosa intendi per contatto con la redine esterna?. grazie ciao.
Autore Aly
Data 11/02/2007 15:19:04
Discussione salve a tutti!
allora, gamba interna è il propulsore. Gamba esterna agisce per evitare sbandamenti e aiuta a direzionare il cavallo. Nella spalla in dentro il cavallo non lavora su due piste, ma su tre e la fressione del collo è leggermente in contrapposizione al senso di marcia. esempio. Mano destra. Il cavallo avanza con una leggera flessione a destra, anteriore destro è il piede che va sulla pista più interna. Anteriore sinitro invece si allinea col posteriore destro. La pista più esterna è segnata dal posteriore sinitro. USO AIUTI: inizia a lavorare nella spalla in dentro stando sulla pista. Appena prima della curva che unisce lato corto a lato lungo, fai una mezza fermata. Sposta il tuo peso all`interno allungando bene la gamba interna e premendola all`altezza della cinghia.arrotonda bene l`incollatura e tieni ben salda la redine esterna. il lavoro dovrebbe essere compiuto solo con l`ausilio di gamba interna (propulsore) e redine esterna (mantiene il cavallo in equilibrio). naturalmente sempre spalle indietro e cavallo col posteriore bene impegnato. la gamba esterna può aiutarti a far mettere il cavallo ``di sghimbescio``, ovvero a fargli portare le spalle verso l`interno. Agisci leggermente dietro la cinghia con l`esterna, premendo e rilassando. Il contatto non deve essere continuo. Quello continuo è quello della gamba interna. l`esterna deve servire per ``raddrizzare`` il cavallo. la redine interna rimane leggermente tesa, ma sicuramente meno della esterna. Il cavallo deve trottare sull`esterna, non sull`interna. apri pure la redine in modo da fargli cerede l`incollatura a destra. ma non costringerlo a girare la testa con la redine esterna. la flessione si da e di mantiene con la gamba interna! per mantenere il tuo equilibrio ti può essere l`aiuto spostare leggermenre le tue spalle all`interno e fissare la lettera A (o C) oppure direttamente il lato lungo oppposto. speri di essere stata chiara!
Autore Aly
Data 11/02/2007 15:27:11
Discussione ps. quello che intendeva Magenta credo sia il Renvers e il travers.. ma credo che prima di arrivare a quello sia pià facile imparare con le cessioni alla gamba o le spalle in dentro.. altra cosa: sono sicura che la spalla in dentro sia considerata su due piste. ho scritto 3 perchè quando me l`ha insegnato il mio istruttore mi ha fatto vedere che in realtà gli arti si muovono su 3 piste.. almeno così diceva lui e così ho sempre fatto ^_^
Autore il pendolo
Data 11/02/2007 20:47:35
Discussione x aly si dice tre piste brava.le due piste sono l`appogiata e anche la piruetta al passo .complimenti.
Autore Alice
Data 12/02/2007 10:51:07
Discussione ah grazie il pendolo!:p mi sa che quelli che parlano di tutti questi movimenti definendoli ``su due piste`` in realtà intendono ``cavallo di sghimbescio``! infatti non capivo come la gamba in dentro che è su 3 piste sia chiamata su 2.. mah!
Autore il pendolo
Data 12/02/2007 16:10:11
Discussione ciao alice, scusa, una cortesia ma mi puoi spiegare cosa vuole dire cavallo di schimbescio? già faccio fatica ha scriverlo, ma ha capirlo ne faccio ancora di più.non stò scherzando,ciao e grazie.
Autore Ali
Data 12/02/2007 20:09:31
Discussione scusa.. per me schimbescio è sininimo di ``storto``.. nel senso che il cavallo cammina storto rispetto a quello che fa un cavallo che si sposta normalmente.. non so se è una parola che esiste nel vocabolario.. lo uso spesso però.. credo derivi da sghembo.. :p
Autore il pendolo
Data 12/02/2007 20:35:35
Discussione grazie per la tua spiegazione.io di solito uso dire non allineato.comunque la tua definizione è molto simpatica!!!!!.quando vedrò un cavaliere che tiene il suo cavallo di sghimbescio,non mancherò di farglielo notare!.ciao
Autore ^^Magenta^^
Data 18/02/2007 14:57:08
Discussione ciao, scusate se per un po` ho trascurato questo topic... torno col dirvi che ora la cavalla sì, un po` iresco a farle fare delle cessioni alla gamba... ora invece entra in gioco un`altro problema: il lavoro in piano. Lei ha un`incollatura bellissima nel salto, ma nel lavoro in piano no... oltre che, se voglio che inizi a stare giù un po` da sola, devo scioglierla per moollto tempo, e di solito a fine ora di lavoro è sciolta... secondariamente, per metterla tonda prima del miracolo, oltre che continua a stortare la bocca come un cammello per opporsi (gli ho già messo il chiudibocca), ha una pessima mania di tirare tantissimo sulla redine interna per arrotondarla. E facendo questo, quindi, devo sforzare troppo le braccia e dopo un momento perdo già il controllo perchè non ho più potenza, sopratutto sulla redine esterna... la mia istruttrice dice che è un po` il suo difetto, che tendo a girare troppo il collo, anche nelle curve verso il salto... io però non so come fare... ho provato a mollare la redine interna, ma a quel puno non mi ascolta più del tutto... ho provato, anzichè tenere la redine interna leggermente più alta e aperta, a tenerla pari a quella esterna e tirare verso la mia pancia... e già migliora, ma è ancora più faticoso... se lascio più sciolte le redini o alza la testa perchè si oppone, oppure abbassa il collo a terra rilassata, e appena inizio a fare tensione S0LO con l`esterna torna a far storie... COME FACCIO!?! Grazie mille!
Autore il pendolo
Data 18/02/2007 18:10:29
Discussione ciao magenta, scusa ma da quanto ho letto tu hai dei problemi nel piazzare è arrotondare il cavallo. partiamo dal fatto cosè la mano interna e quella esterna . il centro del maneggio dobbiamo prenderlo come l`interno. quando incominci con il lavorare con il cavallo tu con la redine interna devi avere il contatto e la direzione, con la mano esterna la sollevi di un pugno rispetto all`altra mano , la gamba interna la tieni ha contatto nel sotto pancia e la gamba esterna la tieni un po più lontano de sotto pancia sempre con contatto.in questo modo il cavallo dovrebbe riunirsi piano piano. però inizia sempre al passo quando avrà inparato passa al trotto e poi al galoppo . una cosa molto inportante gioca con l`imboccatura ,chiudendo e lasciando il pugno sia da sinistra che da destra sempre al passo. ciao.
Autore ali
Data 19/02/2007 12:36:44
Discussione Ciao Magenta, guarda tu hai parlato tato del lavoro delle mani, ma il cavallo non si mette al lavoro con la mano, bensì con le gambe! se non cede l`imboccature e anzi si appende, significa che son stai dando impulso con la gamba. E` come girare il volante dell`auto ferma senza schiacciare l`acceleratore. L`auto non girerà mai. l`imbocatura è un di più. Il cavallo è in grado di incollarsi da solo se ha il giusto impulso. gioca con l`imboccatura, mantieni sempre il contatto, ma non tirare. se lei tira, tu metti al gamba, non la mano. sii il più leggera possibile, ``spremi`` le redini senza muovere braccia o polsi. solo lavoro di dita. rilassa e appena senti che le cede, dai gamba e cedi anche tu. l`incollatura si abbassa se il posteriore lavora e il posteriore lavora se agisci tanto di gamba interna. per quel che riguarda l`altezza delle mani io preferisco sempre tenerle pari. ci son cavalli che cedono meglio se l`interna viene aperta stanto in linea con la coscia del cavaliere, altri che invece si piegano meglio alzando leggermente l`interna. la tua istruttrice dovrebbe essere in grado di consigliarti l`accorgimento migliore per la tua cavallina. non eccedere nella flessione però perchè rischi di perderti il posteriore. ricorda: redine esterna che mantiene l`equilibrio e che mantiene il contatto, redine interna di apertura che chiede all`incollatura di cedere, ma nulal di tutto ciò serve se non usi le gambe TANTO e l`assetto.
Autore ali
Data 19/02/2007 12:44:47
Discussione ps. Perchè il cavallo si incollerebbe da solo? per mantenere l`equilibrio e poter spingere meglio in avanti. L`impulso, partito dall`arto posteriore, passa per l`anca e poi si diffonde a tutta la colonna vertebrale. se la colonna è ``allineata`` per il cavallo è più semplice ``far arrivare l`impulso agli anteriori``. esempio. prendi un bastoncino flessibile. tienilo orizzontale con le due mani fisse alle due stremità. tenendo fisse la mani alle estremita prova a spostare la mano destra verso la sinistra. Se ti sposti in linea retta non riuscirai a rompere il bastoncino. ora invece sposta la mano sinistra più in alto rispetto alla destra. il bastoncino si incurva. ora sposta la mano destra (che tiene il bastoncino) verso sinistra, ma in orizzontale. Il bastoncino si incurva sempre più fino a rompersi. riportato su un cavallo, il primo caso è il caso di un cavallo che usa posteriore, schiena e incolatura, il secondo è di un cavallo che usa posteriore ma non si incolla.. una situazione nient`affatto funzionale per lui!
Autore ^^Magenta^^
Data 19/02/2007 14:00:41
Discussione grazie ali, molti di voi, anche su altri forum, mi consigliano di giocare con la bocca, anche facendo pressione con destra-sinistra... questo è un problema, perchè la mia istruttrice mi ha vivamente sconsigliato di farlo, perchè deve imparare, giustamente, a lavorare anche solo con l`uso delle gambe... ma questo in tutti i cavalli... poi, per quanto riguarda l`assetto, pure io penso che sia quello il problema principale... il problema è che non so come risolverlo... perchè appena riceve un impulso, normalmente, parte come un treno, perchè oltre che è sensibile non si oppone, ma se invece inizio a fare anche solo una leggera pressione con la redine esterna per farla masticare, frena di colpo, e nè ticchettare con le gambe, nè dare tanta pressione, assieme al bacino che spinge, riesce a farla avanzare... il problema più grosso è che con lei è vivamente sconsigliato il frustino, 1 perchè non è abituata, 2 perchè lo sente come un aiuto quadruplo rispetto alle gambe, e anche solo un leggero ticchettio, da poco per altri cavalli, le fanno fare degli scatti assurdi... ha provato la mia istruttrice... oggi provo a seguire i vostri consigli, e stasera vi riporto i risultati, sia positivi che negativi. Spero solo di riuscire a risolvere il problema... perchè come saltatrice è veramente fantastica, ma come lavoro in piano non ci siamo... :`(
Autore ali
Data 19/02/2007 16:38:43
Discussione per la questione del frustino, non credo proprio che serva. comunque è bene che la cavalla impari che può stare benissimo ferma anche se la tocchi con la frusta. se t interessa qualche dritta su come fare fai un fischio, non è complicato. Serve pazienza, ma nè forza, nè intelligenza suprema. per la questione che se dai gambe lei parte a razzo, le gambe vanno usate insieme alla schiena! se dai gambe, ma non hai assetto diventa un problema. per avere assetto DIMENTICATI LE STAFFE!almeno per un pò. Il ``dare gambe`` significa avvicinare dolcemente la gamba al costato, gradualmente, non di colpo e mantenere la pressione, mantenendola, accentuandola o diminuendola a seconda di come reagisce il cavallo. Ma quando dai gambe devi anche scendere bene nella sella, allunga le gambe verso il basso, allarga bene le spalle, porta il tuo peso indietro senza usare le redini. Devi caricare col tuo peso il posteriore. Devi dire alla tua amica ``impegnati di più ma stai qui``. Sembra assurdo, insomma. Appena parte ti viene istintivo tirare le redini e smetterla con le gambe, ma in realtà devi fare esattamente l`opposto. siediti bene nella sella, allarga le spalle, guarda dritto davanti a te, peso indietro, stringi le gambe e continua ad accentuare tutte queste azioni fino a che non si ferma. devi agire come se volessi ancorare la cavalla li dov`è. Che in effetti è quello che fai quando usi correttamente gambe e schiena. quando ad esempio si richiede il piaffe o una piroetta al galoppo, quello che si fa è bloccare il cavallo di dov`è con l`uso del corpo. se anche solo uno degli aiuti dovesse essere sbagliato, stai certa che anche il campione del mondo di dressage partirebbe a razzo al posto che fare una piroetta al galoppo. purtroppo è quasi impossibile dirti come fare su un forum perchè bisognerebbe vederti e aiutarti nel momento in cui lavori. è tutto molto più facile. Fai le cose con calma, con la tua istruttrice. lavora tanto in piano, magari anche alla lunghina. la tua istruttrice ti tiene il cavallo alla longa e tu stai in sella senza staffe, imparando a gestire andature e transizioni solo col tuo assetto. Molto faticoso, estenuante spesso e volentieri, ma utilissimo. anche perchè per un saltatore è importante avere tutta la muscolatura ben sviluppata e saper usare bene il proprio corpo se non si vuole che si faccia male ad esempio prendendosi uno strappo.
Autore ^^Magenta^^
Data 19/02/2007 20:07:04
Discussione Oggi è stato peggio di prima... oltre che non voleva saperne di accellerare un poco al trotto, per farla scaldare, perchè andava pianissimo... Ho provato in tutti i modi per il lavoro in piano, ho provato a tenere le mani pari, ma niente, si bloccava, ho provato a fare come con il cavallo della scuola, vedere se erano le mie gambe a farla arrotondare e non le mani portando la redine interna verso la bocca, ma era peggio... se cercavo di alleggerire la redine interna quando iniziava a cedere sbandava e non mi ascoltava più... e le gambe è come se non le sentisse... potevo dargli quanta pressione volevo, ma non accellerava d`un passo... il che è strano, perchè accellerava, rallentava e ubbidiva quanto volevi alla perfezione prima... fino a sole 2 volte fa... non capisco se è perchè ho montato di fuori anzichè al coperto... ma non dovrebbe cmq fare così, no?? Non so proprio come risolvere questa cosa... anche l`esercizio che mi hai proposto di fermarla con l`assetto, è quello in cui mi sono specializzata in tutto questo tempo, e mi veniva bene adesso, ma è da sabato che è come se onn esistessi... :( :( :( :( :( :( Sono disperata.... non so più cosa tentare... speriamo solo che mercoledì nella lezione non vada tutto a rotoli... perchè a saltare miglioro sempre più, me lo dicono sia la mia istruttrice che il mio istruttore... ma il lavoro in piano 0... e loro si sorprendono perchè il cavallo della scuola, moooolto più duro in bocca, riuscivo benissimo a farlo lavorare, e stava giù col collo, spingeva coi posteriori che sembrava un dio, ed è sempre un problema il lavoro con lui, tanto che siamo solo in 2 a farlo lavorare, e l`altra neanche più di tanto... :( :( :( :( non mi sono mai sentita così disperata...
Autore ali
Data 19/02/2007 22:10:56
Discussione anche i cavalli hanno il giorno no. non è che siano macchinette. magari ha la testa in confusione perchè ti sente armeggiare come non hai mai fatto. non è nata imparata e probabilmente non capisce che deve fare. Fatti seguire dai tuoi istruttori per molto tempo solo in piano. a piccoli passi nulla è impossibile. Casomai falla montare da qualcuno più esperto. potrà darti dritte su come lavorare bene e soprattutto potrà insegnare alla cavalla. I cavalli della scuola sono cavalli semplici da montare perchè prima di tutto hanno un bagaglio culturale notevole se fanno sempre le stesse cose, in secondo luogo sono calmi e tranquilli perchè resi automi dalla noia. Sinceramente mi fanno pena. fidati che è molto più edificante riuscire a ottenere buoni risultati lavorando fianco a fianco con il cavallo piuttosto che avere la vita semplice con un cavallo che sa già tutto.
Autore LZzFsQJNbJkg
Data 18/02/2014 10:00:50
Discussione You would probably like to see 15 Hot & New Fonts That You Should Use and 16 Fresh & Hot Fonts That Will Boost Your
Equigomma NonsoloCavallo Cover Technology Horse Point Luce EcoPlus Zooriz Gianni Guidolin Bianchi carrozze Sartore Pierluigi & C. Oli essenziali