Guidolin Equibar
Razze equine
Dartmoor
LUOGO DI ORIGINE:
GRAN BRETAGNA (Dartmoor, Devon)
ATTITUDINI:
Per via del suo carattere tranquillo e docile il Dartmoor è un buon cavallo per bambini, questa razza però può anche gareggiare con successo in diversi tipi di competizione. I Dartmoor sono inoltre validi riproduttori per lo sviluppo di razze da sella di maggior taglia.
La capacità di sopravvivere nel difficile ambiente d'origine lo rendono adatto alla maggior parte dei climi.
POPOLAZIONE:
Cavallo di interesse internazionale.
Diffuso nel Regno Unito e in Francia.
ALTEZZA AL GARRESE:
Massimo 127 cm.
MANTELLO:
Baio, baio oscuro, nero, morello e grigio i più comuni, raramente si trova il sauro o il roano, mentre i pezzati non sono ammessi. Sono consentite marcature bianche ma non di grandi dimensioni.
CARATTERISTICHE:
Tranquillo, mite e sensibile
STANDARD DI RAZZA:
Cavallo forte e resistente, possiede una testa piccola ed elegante, ben posta sul collo e senza carnosità sulla ganascia. Gli occhi sono grandi mentre le orecchie sono piccole e vigili. Il collo è di media lunghezza.
È importante che le spalle siano inclinate ma non troppo sottili al garrese. Il corpo è forte, di media lunghezza. Gli arti sono muscolosi e le zampe inferiori hanno stinchi brevi dotati di osso sufficiente, giunture piatte e pastorali perfettamente digradanti.
DATI STORICI:
Il Dartmoor è una delle razze native di pony inglesi da montagna e da brugheria. Il suo nome deriva dalla sua zona di origine, il Dartmoor, nel Sud Ovest dell'Inghilterra. Si tratta di una regione inospitale e per questo motivo i pony Dartmoor hanno sviluppato un metabolismo che consente loro di sopravvivere in tali condizioni ostili.

La più antica testimonianza dell'esistenza di questa razza risale all'anno 1012: il Dartmoor viene infatti citato nel testamento del vescovo sassone Aelfwold di Credition.

Questo cavallo fu utilizzato intensamente nelle miniere di stagno per via delle sue dimensioni e della sua natura docile.

Alla fine del diciannovesimo secolo si cercò di registrare il Dartmoor e nel 1898 la Polo Pony Stud Book Society (oggi conosciuta come National Pony Society) chiese agli allevatori di descrivere le razze di cavalli in loro possesso nella maniera più dettagliata possibile. Nel 1989 fu pubblicato lo Stud Book con gli standard di razza del Dartmoor. Gli standard definiti all'epoca sono rimasti pressoché gli stessi al giorno d'oggi, inoltre non venne mai rispettata la regola secondo cui i cavalli con più del 25% di sangue straniero non potevano essere iscritti. Nel 1957 il Libro genealogico venne chiuso a nuove ammissioni. Trent'anni fa la Dartmoor Pony Society ottenne gli Stud Books della National Pony Society ed è attualmente la società che si occupa della registrazione degli esemplari e della definizione degli standard di razza.
Equigomma NonsoloCavallo Equitation Technofitness Cover Technology Horse Point Luce EcoPlus Zooriz Gianni Guidolin Bianchi carrozze Sartore Pierluigi & C.