Volkswagen Tuareg
Razze equine
Cavallino di Monterufoli
Vedi la foto Gallery
con le immagini dei cavalli inviate dai lettori del portale.
LUOGO DI ORIGINE:
Italia Tenuta di Monterufoli sita nella provincia di Pisa, estesa nei comuni di Pomarance, Montecatini Val di Cecina, Monteverdi Marettimo; attualmente diffuso anche nelle provincie di Livorno e Grosseto (Regione Toscana).
ATTITUDINI:
Tiro leggero, pony da sella. Essendo cavalli di estrema rusticità e vivendo tutto l´anno allo stato brado non necessitano di alcun ricovero,sono animali molto frugali abituati a nutrirsi di erbe spontanee, di arbusti e germogli della macchia mediterranea quindi risultano di facile mantenimento.
POPOLAZIONE:
Cavallo di interesse nazionale.
ALTEZZA AL GARRESE:
Maschi: 132
Femmine: 130
MANTELLO:
Morello, baio oscuro
CARATTERISTICHE:
Vivace, ma docile ed obbediente, nonché sobrio e rustico.
STANDARD DI RAZZA:
- Testa: spesso un po´ lunga;
- Collo: muscoloso con folta criniera;
- Spalla: tendenzialmente diritta;
- Garrese: mediamente pronunciato;
- Dorso: disteso;
- Lombi: regolari;
- Groppa: ampia e un po´ obliqua, a volte con lieve solco mediano;
- Petto: regolare;
- Torace: mediamente ampio e profondo;
- Arti: robusti;
- Articolazioni: forti;
- Andature: regolari;
- Appiombi: regolari, è tollerato un lieve mancinismo agli arti posteriori;
- Piede: ben conformato con unghia compatta.
- Circonferenza torace: maschi 165, femmine 163
- Circonferenza stinco: maschi 18, femmine 17


DIFETTI CHE COMPORTANO L´ESCLUSIONE DAL REGISTRO ANAGRAFICO
- Mantello: diverso da morello o baio oscuro;
- Balzane: medio e/o alto calzate;
- Testa: lista o bianco in fronte di dimensione superiore a "piccola stella";
- Occhi: occhi chiari;
- Taglia: marcatamente diversa dallo standard.

Lo Standard è stato definito da appositi Gruppi di Lavoro; sono stati effettuati i riscontri di campo e sono successivamente intervenute delibere di approvazione da parte della Commissione Tecnica Centrale.
DATI STORICI:
Testimonianze antiche raccontano come i grandi proprietari dell'entroterra della Maremma Pisana mantenessero, accanto al maremmano puro allevato in pianura, un cavallino molto più ridotto di mole, ugualmente sobrio e robusto, ben adattato nelle zone allo collinari e boschive. Ciascuna tenuta aveva la sua mandria che veniva riunita una volta l'anno per la marcatura, la castrazione e l'asta di vendita. Per le sue doti di sobrietà e resistenza alla fatica il Monterufolino veniva generalmente impiegato nei lavori di trasporto e di piccolo commercio, sia a sella che a basto, oppure attaccato al calessino. Veniva acquistato di preferenza dai venditori ambulanti, dai lattaioli e dai modesti agricoltori nonché da appassionati della razza.

A. Braccini (1947) "Il cavallino di Monterufoli"
Equigomma NonsoloCavallo Cover Technology Horse Point Luce EcoPlus Zooriz Gianni Guidolin Bianchi carrozze Sartore Pierluigi & C. Oli essenziali