Equidomus

35 ragazzi da 6 circoli hanno partecipato a Nuoro alla quarta edizione dei Campionati Sardi della FISDIR

Con una manifestazione come la quarta edizione del campionato sardo della FISDIR (Federazione italiana sport disabilità intellettiva e relazionale) si ritorna al vero spirito sportivo delle competizioni equestri.

E da questa prova dovrebbero prendere spunto anche le altre discipline equestri dove, tante volte, a prevalere non è la sana competizione sportiva, ma sono i rancori e le invidie.

Ma fortunatamente è il sorriso e la gioia dei trentacinque ragazzi che hanno preso parte alla quarta edizione dei campionati a far passare in secondo piano tutto il resto.

E’ stato il Gruppo Ippico Nuorese ad allestire questa kermesse nel maneggio coperto di Prato Sardo dove sono arrivati i ragazzi tesserati per sei circoli sardi: quello di casa del Gruppo Ippico Nuorese e l’Equitours di Orgosolo con il tecnico Raffaela Montis, la Golena e l’AIPD di Oristano con Federica Olmo, la Scuola Cagliaritana di Equitazione con Daniele Deidda e il Grifone di Alghero con Federica Merella.

Sono state due giornate intense con il sabato dedicato alle prove di Dressage e la domenica con le gare di Gimkana. In più è stato inserito, per la prima volta durante i campionati, un percorso sperimentale di salto ostacoli affrontato da tre ragazzi che hanno dimostrato l'alto grado di tecnica e abilità acquisite, con tanto impegno e lavoro.

Questo risultato, insieme alla perfetta riuscita di tutta la manifestazione, fanno ben sperare per il futuro di tutti questi ragazzi che possono ambire a partecipare a competizioni a livello nazionale e, perché no, anche internazionale. La stoffa e le capacità hanno dimostrato di averla come hanno potuto constatare gli ufficiali di gara Riccardo Carlini e Valentina Papisca.

<<Una prova riuscitissima all'insegna dello sport, dell'agonismo e della sana competizione. Nonostante mancasse qualche circolo, è stato un campionato dai grandi numeri e dai grandi risultati, caratterizzato da un livello tecnico più alto rispetto alle passate edizioni.>> ha detto Fabiola Carta, presidente del Gruppo Ippico Nuorese <<tutti gli atleti hanno dimostrato grande entusiasmo, coraggio e abilità nel confrontarsi l'uno con l'altro, lottando per ottenere il migliore risultato, consapevoli di partecipare ad una gara di campionato regionale.

Questo, spero, sia di stimolo per le varie associazioni, per le  istituzioni e per le famiglie, ad avvicinare sempre di più questi ragazzi allo sport che ancora una volta si è rivelato essere una vera terapia da affiancare alle cure tradizionali, perché lo scambio, il confronto, la competizione, hanno una valenza terapeutica e sociale ormai evidentissima.>> Conclude la Carta <<inoltre ringrazio tutti i partecipanti che hanno contribuito a confermare che "Il cavallo è un amore che guarisce".>> Le premiazioni sono state effettuate dal presidente del Comitato Regionale della Fise Maria Grazia Sechi e dal presidente della delegazione regionale della Fisdir Ugo Sias, inoltre è intervenuto anche il presidente del Coni provinciale Sandro Floris e il vicesindaco e assessore allo sport di Nuoro Leonardo Moro.

Carlo Mulas

Commenti

IPPOTERAPIA: leggi anche...