Nord Piave

La benedizione degli animali in vaticano

Gli Allevamenti Lucolani di Anna Diamanti ed Enrico Cordeschi han sfilato per Via della Conciliazione con un attacco di eleganza curato nei particolari, rendendo onore all´intera Regione Abruzzo e a tutta la razza, con una professionalità unica per questa speciale partecipazione

sfilata-vaticano-2(1).jpg
PH: Teresa Martinelli benedizione.jpg
PH: Annalisa Parisi sfilata-vaticano-3.jpg
PH: Annalisa Parisi

L’Associazione Italiana Allevatori (Aia), per la settima volta consecutiva, ha deciso di celebrare in forma solenne la festa di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali e patrono di tutti gli allevatori, che ricorre il 17 gennaio.


Più di 4mila allevatori provenienti da tutta Italia si sono infatti dati appuntamento per venerdì 17 gennaio  in San Pietro per partecipare alla Messa celebrata dal Cardinale Angelo Comastri e visitare la fattoria a cielo aperto allestita davanti al colonnato del Bernini.
“La celebrazione della festività di Sant’Antonio – ricorda il presidente dell’Aia Pietro Salcuni – è una delle ricorrenze più sentite nelle campagne italiane. In questa giornata da sempre si benedicono le stalle e gli animali”.

 


Una devozione antica che si perde nel tempo, testimoniata dalle immagini e dalle statue votive del Santo che tutt’oggi si trovano esposte all’esterno delle aziende agricole a protezione di uomini, mandrie e raccolti.

 


“È il segno tangibile di una fede antica, profondamente legata alla radice cristiana della famiglia contadina”, dice Salcuni.
In questo ambito si inquadra la manifestazione promossa dall’Aia in San Pietro, che anche nel 2014 ha potuto contare sulla presenza del Cardinale Angelo Comastri, vicario generale di Sua Santità, papa Francesco, per lo Stato della Città del Vaticano. E nell’omelia non sono mancate le parole di incoraggiamento per gli allevatori e le loro famiglie: “Il Signore – ha detto Comastri – ci ha fatti custodi e non padroni del Creato ed è in quest’ottica che dovete condurre la vostra attività di agricoltori. Tenendo sempre ben presente che se manca la luce della fede il Libro della vita è indecifrabile. Un valore di inestimabile importanza che vi esorto a trasmettere alle giovani generazioni”.

 


Al termine della Messa, nella Piazza Pio XII, antistante il colonnato del Bernini, è proseguita la tradizionale benedizione di uomini e animali, circondati dai cavalli e dai cavalieri che hanno partecipato alla sfilata lungo Via della Conciliazione, aperta dalla Fanfara del IV Reggimento Carabinieri a Cavallo.

Redazione
Fonte: www.carrozzecavalli.net

Commenti

EVENTI: leggi anche...