Nord Piave

Domenica 27 Luglio rilasci pubblici di rapaci nell'ambito della Giornata delle Malghe nel Parco Adamello!

Una giornata per celebrare l'antico connubio tra zootecnia, economia, cultura e natura alpina in Valle Camonica, all'insegna del gusto e del divertimento.

1(69).jpg
Poiana (Foto di M. Speziari) ricoverata presso il Centro Recupero Animali Selvatici del Parco dell'Adamello di Paspardo, gestito dall'Associazione Uomo e Territorio Pro Natura
2(63).jpg
Falco pellegrino (Foto di M.Canziani) in cura presso il CRAS 3(40).jpg
Falco pecchiaiolo (Foto di M. La Viola) al Centro Recupero Animali Selvatici del Parco dell'Adamello gestito dall'Associazione Uomo e Territorio Pro Natura 4(29).jpg
Astore (foto di M.Canziani) in riabilitazione presso il CRAS 6(17).jpg
Gufo comune (Foto di M.Speziari) curato presso il CRAS

Saranno 5 i falchi rilasciati domenica 27 luglio 2014 nella cornice splendida delle Malghe del Parco dell’Adamello, testimoni silenziose delle attività millenarie zootecniche alpine che in queste valli da secoli l’Uomo conduce: tre animali ritroveranno la libertà in Val Salarno (alle ore 14,30 presso Malga Salarno, prima di iniziare l’osservazione della fauna selvatica del Parco, tra stambecchi, marmotte e aquile reali) mentre gli altri 2 rapaci riprenderanno il volo nella meravigliosa conca del Cadino (sopra Malga Cadino della Banca, prima di incamminarsi in una affascinante visita guidata immersi nei famosi pascoli del Silter).

 

I cinque Gheppi (Falco tinnunculus) - piccoli falchi che si nutrono di piccoli roditori, piccoli rettili e invertebrati - sono stati curati presso il Centro Recupero Animali Selvatici – CRAS del Parco dell’Adamello, gestito dall’Associazione Uomo e Territorio Pro Natura in partnership con il Parco dell’Adamello e il Comune di Paspardo, anche grazie al contributo della Provincia di Brescia.

 

La scelta di liberare i piccoli rapaci recuperati proprio nell’ambito di “Malghe in Festa” – una giornata promossa dall’Associazione Uomo e Territorio Pro Natura, in collaborazione con il Parco dell’Adamello – non è casuale: le malghe, infatti, quando ben gestite costituiscono degli straordinari laboratori di “sostenibilità ad alta quota”. Le malghe, oggi come ieri, rappresentano l’ideale punto di incontro tra attività economiche sostenibili e conservazione della biodiversità, tra sviluppo del turismo naturalistico e salvaguardia delle risorse naturali, culturali ed identitarie, giocando un ruolo strategico nella gestione del delicato e complesso ambiente alpino, in primis nella conservazione di specie minacciate (basti pensare al ruolo nel mantenimento di ambienti aperti  - habitat strategici per numerose specie alpine – in contrasto con le dinamiche naturali di espansione del bosco).

 

La giornata di Festa vivrà dunque alcuni momenti di notevole intensità emotiva, quando i rapaci si staccheranno dalle mani degli operatori del CRAS e ritorneranno a librarsi in volo, finalmente liberi.

 

Ricordiamo che il Gheppio è una specie in calo in tutta Europa, nonostante sia ancora diffusa. È famoso per la tecnica di volo chiamata “spirito santo”, che consiste in un volo molto dispendioso nel quale il corpo resta fermo, sospeso, inclinato, mentre le ali vengono battute e la coda viene aperta a ventaglio. Questa tecnica viene utilizzata in aree nelle quali non sono disponibili posatoi sopraelevati dai quali avvistare le proprie prede e consente ai rapaci – ma non solo – di osservare il territorio da posizioni privilegiate, alte, dalle quali sferrare l’attacco finale in picchiata. Gli alti pascoli intorno agli alpeggi sono proprio uno degli ambienti nei quali è osservabile l’applicazione di questa straordinaria tecnica di volo e di caccia e il 27 luglio potremo osservarla e commentarla insieme.

 

Tornando alle malghe, le vere protagoniste della giornata di festa, ricordiamo che quelle camune ospitano alcune vere “leccornie” riconosciute e tutelate dai Presidi SlowFood e inserite nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali lombardi, come il Fatulì della Val Saviore,  un antico e prelibato formaggio prodotto con il latte della Capra bionda dell’Adamello, una razza autoctona in pericolo di estinzione o il celebre Silter.

 

E proprio la degustazione dei prodotti d’alpeggio sarà la ciliegina sulla torta della Festa, mentre i più piccoli potranno cimentarsi in attività e laboratori sulla mungitura e la lavorazione del latte e trasformarsi, per un giorno, in piccoli malgari oppure, ancora, in piccoli osservatori della straordinaria biodiversità alpina!

 

Le malghe aderenti all’iniziativa: Malga Val Fredda/Malga Bazena – Breno; Malga Salarno – Val Salarno di Saviore dell’Adamello; Malga Dossi e Malga Cadino della Banca – Breno; Malga Laione di Mezzo – Breno; Malga Ferone – Niardo; Malga Lavena e Malga Spondone - Crocedomini di Bienno e Cividate.Tutte le attività sono gratuite.

 

Sul sito www.uomoeterritoriopronatura.it sono disponibili tutte le informazioni su come raggiungere le malghe e sulle attività previste.

 

Per informazioni
Alessia Chiappini - a.chiappini@uomoeterritoriopronatura.it

Redazione
Fonte: Laura Zamprogno
Associazione Uomo e Territorio Pro Natura

Commenti

EVENTI: leggi anche...