Cover Technology

Piazza di Siena 2017: Filippo Bologni vince la Sei Barriere Intesa Sanpaolo

Altra vittoria italiana nel Premio Sei Barriere Intesa Sanpaolo che ha chiuso la penultima giornata dello CSIO Romano

Filippo_Bologni_Sei_barriere_PhCsioRoma-MProli-est.jpg
 Ad aggiudicarsi la spettacolare prova superando l’ostacolo posto all’imponente altezza di un metro e novanta è stato Filippo Marco Bologni in sella a Cassino.

“Sono tanto contento di come ha saltato il mio cavallo - ha detto il vincitore - Sono reduce di due vittorie in altrettantecategorie Sei Barriere nell’ambito di due internazionali tre stelle a San Giovanni in Marignano, però in entrambe la gara si era fermata a un metro e ottanta, quindi non ero sicuro di come potesse andare. Invece il cavallo ha saltato veramente bene, anzi credo che nell’ultimo giro abbia usato il posteriore all’infinito e io sono quasi uscito di sella. È un cavallo veramente di tanto cuore, perché davanti a un salto così ci vuole molto coraggio, non vuole toccare mai, è molto rispettoso”. A proposito della formula di gara, Bologni conferma: È la gara più facile da capire per il pubblico perché c’è uno scontro diretto ed è veloce: chi passa va avanti e gli altri stanno fuori”.
 
Undici binomi al via, con la gara decisa al secondo barrage: dopo il percorso base con ostacolo finale a 1 metro e 65 centimetri, la sequenza ha visto l’altezza massima passare a 1 metro e 80 e, infine, a 1 metro e 90.
 
Al secondo posto si è piazzato il napoletano Eugenio Grimaldi che con Unit 2 ha commesso errore sul metro e novanta. “Ero qualificato con due cavalli, una otto anni e Unit 2 appunto, che ho preferito alla fine perché più grande di età. Si arriva a questa categoria prendendo la qualifica che quest’anno ho ottenuto a Ratina, dove ho vinto con i due cavalli superando con entrambi il metro e novanta.

Questa è una categoria di elevazione e di sforzo e richieda solo la giusta preparazione atletica, quindi niente di grosso prima di arrivare qui anche per mantenerne la freschezza. Questo tipo di gara a me piace tanto anche perché spettacolare e contemporaneamente rispettosa nei confronti dei cavalli, che vedono al di là del salto. È una gara aperta a tanti e sicuramente crea tanta scena. Ringrazio Loro Piana che mi ha permesso di montare con i colori blu e oro”.
 

Redazione
Fonte: Ufficio Stampa Piazza di Siena

Commenti

EVENTI: leggi anche...