Cover Technology

LGCT Roma, agli Hamburg Giants il primo round della League

Domani St. Tropez Pirates e London Knights per la vetta. Le sensazioni degli azzurri alla vigilia. Il giovane Matias Alvaro al debutto:"Location pazzesca".

_2017/b3c8af86-54ae-409c-b994-0bef6fd7ba3e.jpg


_2017/6175c939-9198-4b78-b940-62bd1d55d39e.jpg


_2017/82ee26e9-6510-471c-8e87-b44b05e138fc.jpg


_2017/8b82cddf-b70f-49c5-b98b-1e20eadc6c7b.jpg


ROMA - Nella seconda giornata di gare del Longines Global Champions Tour di Roma è andato in scena questo pomeriggio il primo round della competizione a squadre della Global Champions League.
 
Quindici le squadre scese in campo sotto il cielo dello Stadio dei Marmi "Pietro Mennea", che si sono date battaglia sui 13 passaggi di percorso tracciati dal Course Designer Uliano Vezzani.
 
La doppietta priva di errori più veloce è stata firmata dal team degli Hamburg Giants, ultimi a partire, guidati da Bart Bles su Kriskras Dv e Simon Delestre su Filou Carlo Zimequest, che hanno fermato il cronometro a 158”70: decisivo il tragitto del francese Delestre attestatosi in prima posizione a livello individuale.
 
Nella sfida per il vertice della classifica generale, che vede il testa a testa tra i St Tropez Pirates e i London Knights, entrambi a 272 punti, la squadra composta da Edwina Tops-Alexander su Casquell e Pieter Devos su Jade vd Bisschop ha centrato il secondo tempo completando i due percorsi senza commettere errori in 164”89.
 
Un risultato che nella giornata di domani regala agli stessi St Tropez Pirates il vantaggio di 5 penalità commesse oggi dai rivali London Knights, settimi a fine percorso.
 
Senza errori e nel tempo di 166”65 si sono attestati in terza posizione i Madrid in Motion rappresentati da Mark McAuley su Valentino Tuiliere e Eduardo Alvarez Aznnar con Rokfeller de Pleville Bois Margot.
 
Sarà quindi decisivo il round finale in programma domani sabato 7 settembre a partire dalle 13:15.
 
L’Assessore è stato accompagnato a visitare il campo gara e le aree allestite per le diverse iniziative in programma.
 
Al termine delle foto di rito insieme ai vertici organizzativi, Fongia ha confermato il sostegno della Giunta Capitolina alla manifestazione: “Sono già diversi anni che seguiamo con grande attenzione questo evento di altissimo livello sia dal punto di vista competitivo sia per tutte le iniziative che gli organizzatori, bravissimi, hanno messo in campo in ambito sociale: ingresso gratuito per tutti, percorsi ludico-didattici per ragazzi normodotati o disabili, ippoterapia, poi ci sarà il carosello, gli scultori, i pittori.
 
Una festa per la città. Proprio pochi minuti fa stavamo lavorando con i vertici internazionali dell’evento, qualche pensiero per i prossimi anni sempre nell’ottica dell’avvicinamento dello sport alla cittadinanza”. 
 
AZZURRI, LE SENSAZIONI - Alla vigilia di un sabato che si annuncia elettrizzante, la comitiva azzurra è compatta e va a caccia di soddisfazioni.
 
Il 1° caporal maggiore dell’esercito italiano Alberto Zorzi ha analizzato il suo momento: “Rispetto alla passata stagione questa è stata sicuramente più complicata per una serie di fattori, ma speriamo di ben figurare qui a Roma.
 
Gareggiare in casa ti dà una grande carica, e l’Italia è forte, sono sicuro che ci distingueremo: Emanuele (Gaudiano, ndr) vince sempre, Giulia (Martinengo) pure può fare molto bene.
 
E Luca (Marziani) può con Tokyo du Soleil è una garanzia.
 
Punto molto su di lui”. 
 
Entusiasta del circuito il 1°aviere scelto Giulia Martinengo Marquet, unica donna a rappresentare l’Italia: “Avere un evento in Italia e a Roma come questo è un motivo di grande orgoglio e prestigio.
 
Questo format è meraviglioso - afferma l’amazzone dell’Aeronautica - nelle seconde gare porterò la grigia Courage de Fegie mentre nelle grosse monterò Elzas, il baio olandese di 10 anni che mi ha accompagnato ai Campionati Europei.
 
È un cavallo speciale, un fenomeno: lo abbiamo soprannominato wonderboy, lo monto da due anni e sono convinta che abbia una marcia in più”. 
 
Il carabiniere scelto Emanuele Gaudiano, concentrato sul Gp, non perde d’occhio l’obiettivo a cinque cerchi: “Tornare a Roma è sempre una forte emozione.
 
Monterò Chalou, le ultime due settimane in Francia ha saltato veramente bene, su quattro percorsi ha ottenuto tre ottimi piazzamenti fra cui una vittoria in Gran Premio a Valence, oggi salta la 150 e domani proveremo a qualificarci per il Gp.
 
Quest’anno ho partecipato a 5 tappe del Global e sono andate abbastanza bene, non è facile ottenere buoni risultati, sono concorsi molto belli dove ci si confronta con cavalieri di altissimo livello, è sempre bello esserci.
 
Le Olimpiadi? Ultima chance per i nostri ragazzi a Barcellona, speriamo ce la facciano”. 
 
Entusiasta della tappa romana, il beniamino di casa Luca Marziani dice la sua: “Qui ai Marmi è veramente bello, parliamo di un livello altissimo con i migliori binomi al mondo e un’organizzazione curata ai minimi dettagli.
 
È veramente un piacere venire a saltare in questo tipo di concorsi.
 
Ci arrivo carico, motivato, entusiasta, perché saltare davanti al pubblico di casa per noi italiani è sicuramente bellissimo, per me a maggior ragione da romano che vivo a poche centinaia di metri da qui forse lo sento anche di più.
 
C’è un calore e una voglia del pubblico di vivere con noi qualche soddisfazione.
 
Domani ci sarà qualcosa di meraviglioso.
 
Con un’energia e un’atmosfera incredibile.
 
Non faccio nessun appello perché so che domani saranno tantissimi e avranno tutti la stessa voglia di arrivare al risultato assieme.
 
Mi carica, mi dà quel qualcosa in più e sentendola riesco a trasmetterla anche al cavallo”.  
 
Prima volta allo Stadio dei Marmi di Matias Alvaro, che oggi ha montato Karel Vdb (della famiglia Fuchs) e domani sarà in binomio con Tempo des Breires: “Le sensazioni sono meravigliose, abbiamo rotto il ghiaccio molto bene oggi con un buon quinto posto in vista di domani.
 
La location è pazzesca, non ci ero mai stato.
 
C’era stato mio padre e mi aveva detto che è bellissimo.
 
Domani ci sarà ancora più pubblico e questo mi carica molto.
 
Chiaramente c’è tanta responsabilità.
 
Aspettative? Nella gara di oggi pensavo di essere competitivo e infatti è andata molto bene, il cavallo è molto buono e se lo monto bene allora saremo competitivi.
 
Olimpiadi? Il mio obiettivo ora è crescere in questi concorsi, i Giochi olimpici sono un traguardo ancora un po’ lontano. Magari al prossimo quadriennio…”. 
 
Anche Roberto Turchetto ha sensazioni positive: “Le aspettative per domani sono molto buone perché i cavalli sono veramente in forma, il grigio Clarico l’ho sentito molto bene, la scorsa settimana a Gijon aveva avuto un po’ di febbre, ma si è ripreso alla grande e oggi ha fatto un giro fantastico.
 
Saltare al Global è qualcosa di indescrivibile, è il massimo del nostro sport e soprattutto essere competitivo come me oggi, con un dodicesimo posto in una gara di questo livello, è un traguardo molto importante”.
 
IN TV - Le due competizioni regine del Longines Global Champions Tour di Roma saranno trasmesse anche in diretta televisiva su Sky Sport ed Eurosport.
 
Domani a partire dalle 14:00 il primo appuntamento su Sky Sport Collection (Canale 205) con la diretta live del round conclusivo della Global Champions League e la volata finale della competizione a squadre che consacrerà il team campione della tappa romana.
 
A seguire il Gran Premio del Longines Global Champions Tour, anch'esso da vivere tutto in diretta su Eurosport 2 (Canale 211 di Sky) dalle 16.20 alle 18.45. 
 
 
 
 
(Credit: ph. Stefano Grasso/LGCT)

Redazione

Fonte: LGCT Rome - Media District

Commenti

SALTO OSTACOLI: leggi anche...

INSTAGRAM TAKİPÇİ SATIN AL UCUZ twitter TAKIPCI AL elektronik sigara likit