Cover Technology

Le orme sulla sabbia: inaugurata la mostra fotografica a ingresso gratuito sul cavallo Peruviano

L'appuntamento con l'esposizione di Sandra Cannock Grana e Alejandra Iturrizaga Andrich è presso il consolato del Perù a Milano

_2017/mostra_cavallo_peruviano_1.jpg
Una delle foto di Sandra Cannock Grana. _2017/mostra_cavallo_peruviano_2.jpg _2017/mostra_cavallo_peruviano_3.jpg _2017/mostra_cavallo_peruviano_4.jpg _2017/mostra_cavallo_peruviano_5.jpg _2017/mostra_cavallo_peruviano_6.jpg
Giovedì 28 settembre è stata inaugurata "Le orme sulla sabbia, il Caballo de Paso Peruviano", mostra fotografica di Sandra Cannock Grana e Alejandra Iturrizaga Andrich.
 
La mostra, a ingresso gratuito, è direttamente all'interno del consolato del Perù a Milano (Via Fabio Filzi 23).
 
I quadri sono in vendita.
 
IL CAVALLO PERUVIANO
 
Origini storiche della razza
 
Il cavallo giunge in America e in Perù in seguito all'arrivo dei conquistatori spagnoli e dopo la scoperta dell'America, nell'anno 1532. Le caratteristiche genetiche che più tardi distingueranno la razza del cavallo peruviano coincidono per lo più con quelle che avevano in origine i cavalli venuti al seguito degli spagnoli colonizzatori e che nel tempo ed attraverso un processo di selezione funzionale vennero depurate fino a dare origine alla razza del cavallo peruviano.
 
Quest'ultima dunque comincia a fare la sua prima apparizione nell'epoca dell'Hispania. Nella penisola iberica infatti si iniziano ad incrociare le razze equine native con le razze importate dall'Austria e con la razza arabo-berbera originaria dell'Africa del nord. Quest'ultima razza equina giunge nella penisola iberica attorno al secolo VIII, ai tempi di Don Pelayo, nobile visigoto, e dei generali musulmani Taik y Muza, negli anni in cui scoppia la guerra Santa dell'Islam.
 
Il contesto geografico
 
Il territorio del Perù, con un litorale di 2500 km sul quale si riversano 52 fiumi che scorrono in direzione est-ovest e che formano le grandi vallate della costa peruviana, costituisce il contesto geografico nel quale si sviluppa la razza del cavallo peruviano. Nelle valli desertiche, dalla topografia pianeggiante e monotona, il cavallo sviluppa quelle caratteristiche genetico-funzionali che lo distingueranno come razza autoctona.
Nelle vallate del Perù i grandi latifondi agricoli utilizzavano il cavallo venuto dal'Europa per vigilare le coltivazioni, una funzione che rivestiva una grande importanza nel sistema agricolo dell'epoca. Altra importante funzione del cavallo era quella di percorrere le notevoli distane, spesso tra terre desertiche, che separavano i vari latifondi e villaggi dislocati nelle vallate. In questo scenario ideale il cavallo diviene animale da trasporto e da carico. Inizialmente il cavallo europeo che si stabilisce in Perù assume le funzioni specifiche richieste dalla guerra di conquista e viene utilizzato in attività di tipo sportivo, per la caccia, la lancia e le passeggiate. Con la formazione del Vicereame e della prima Repubblica, il cavallo assume, in definitiva, funzioni legate ai lavori agricoli, nonché ludiche e ricreative e, soprattutto, assume le funzioni di trasporto e collegamento a distanza, anche in tempo di pace.
 
Caratteristiche della razza equina peruviana
 
Le caratteristiche di razza del Cavallo peruviano sono uniche, così come unica è la sua funzione. Sul piano fisico il cavallo peruviano presenta un profilo subconvesso sul davanti, occhi vivaci e orecchie in allerta: in quanto esemplare di cavallo da trotto ha grande disposizione e istinto per i lunghi spostamenti, presenta una stazza tarchiata, con un'altezza media di 1.49 m al garrese, caratteristiche offre una certa comodità al cavaliere quando questi si appresta a montare per lunghe cavalcate. L'animale presenta inoltre una cassa toracica profonda e la distanza dal dorso alla zona del ventre dove si appendono le cinghie dell'imbracatura corrisponde a quella tra le cinghie e il suolo. La groppa inclinata gli consente di muoversi con scioltezza e l'attaccamento della coda è basso, dovuto forse a un certo pudore che apparentemente preoccupava i creatori di questa razza.
 
Le caratteristiche della razza equina si sono definite gradualmente in base ai compiti affidategli e ne hanno determinato la peculiare andatura al galoppo, caratterizzata dal mantenere costantemente una zampa ancorata al suolo. Queste caratteristiche fanno del cavallo peruviano il più comodo e docile in assoluto da cavalcare al galoppo, nonostante possa assumere un'attitudine alquanto solenne e vanitosa nell'aspetto, quando gli si montano le imbracature tradizionali imposte dall'attrezzatura e dalla tradizione cavalleresca.
 
Il cavallo peruviano è una razza equina autoctona del Perù, perciò considerata patrimonio nazionale, dal momento che per precisa volontà e in risposta ai canoni estetici vigenti all'epoca della sua creazione si è affermato nel tempo come una vera opera d'arte ed un gioiello equestre.

Redazione
Fonte: Le orme sulla sabbia

Commenti

EVENTI: leggi anche...