Ecoplus

Le carrozze in scena a Fieracavalli, accompagnate dalle note del celeberrimo Valzer dell'imperatore

Un reportage dell'evento veronese del 2016 che ha visto il mondo degli attacchi tra i protagonisti del Gala D'Oro.

carrozze-agirodivalzer-1.jpg carrozze-agirodivalzer-2.jpg carrozze-agirodivalzer-3.jpg carrozze-agirodivalzer-4.jpg

Verona, Gala d’Oro. Accompagnate dalle note del celeberrimo Valzer dell’Imperatore, ecco in scena le carrozze. La musica di Strauss, ci porta nelle atmosfere della Vienna imperiale, dove si percepisce la presenza della Corte, legata alle tradizioni, all’etichetta, che ritroviamo nell’incedere maestoso dei cavalli Frisoni, Spagnoli, Lusitani, Lipizzani, nelle livree e nei cilindri di autorevoli cocchieri, nei groom impettiti a cassetta.

Il Valzer, che ha pervaso un’epoca, è anche gusto, armonia, magia, una magia preannunciata dalle candele tremolanti accese nei fanali delle carrozze, dal luccicare degli ottoni, dall’incanto dei legni.

Ad una ad una, come dal nulla, scivolando sulle note del pentagramma, compaiono, fra gli applausi del pubblico, Phaeton, Dos a Dos, Landau, Vittoria, Calèche e ritorniamo all’Ottocento: grandi ruote, interni finemente imbottiti di capitonne, casse delle carrozze disegnate alla perfezione dai maestri carrozzai,su cui spiccano filettature dorate, stemmi, eleganti maniglie.

Valzer è ancora leggerezza, voglia di vivere, spensieratezza, che rivelano i sorrisi delle dame a bordo, i cappellini con piume sfiziose, i nastri, i ventagli e gli sguardi dei signori, le mani guantate, i bastoni con pomelli d’osso, i foulard di seta e quell’atteggiarsi regale, perfettamente in sintonia con l’atmosfera ed è, soprattutto, tanta voglia di danzare!!!

Ed ecco, con la seconda parte del Valzer dell’Imperatore, dalle carrozze scendono rapidi ed esperti i groom: sono a terra, davanti ai cavalli immobili, i valletti ad aprire le portiere delle vetture a 5 meravigliose coppie di ballerini in abiti Ottocenteschi.  

A giro di Valzer i ballerini della Scuola di Danza VeneziaOttocento, a giro di Valzer le carrozze dei Soci del Gruppo Italiano Attacchi, in un crescendo in cui anche il pubblico si gusta l’intenso benessere che comunica la musica, quell’energia danzante di piacere per la vita, di capacità di sognare, qualità che già nei giorni dell’Austria imperiale, allietava e riempiva di serenità i viennesi.

Una fanfara di tromba introduce la terza parte del Valzer dell’Imperatore e di nuovo a bordo i ballerini salutano, all’unisono con gli equipaggi, i signori togliendosi il cappello, i cocchieri alzando la frusta, le dame a bordo con un cenno del capo o della mano, mentre si ode un potente rullo di tamburi e un sontuoso suono di ottoni e le carrozze maestosamente escono. Lunghi applausi accompagnano anche l’ultima carrozza che scompare.

Sullo sfondo si staglia l’ultimo modello della BMW, sponsor di Fieracavalli 2016, che ci ricorda che oggi i cavalli sono nel motore e non più fra le mani sicure dei fidati cocchieri…noi , però, per un attimo ancora respiriamo la magia e l’incanto di un giro di Valzer delle carrozze.

Hanno partecipato al numero “Carrozze a giro di Valzer” all’interno del Galà d’Oro Sensation sotto la regia di Antonio Giarola per il Gruppo Italiano Attacchi: Katya Bertocco con Military, Paola Pedrazzini con Victoria, Alberto Marini con Landau, Fiorenzo Erri con Dog Car, Domenico Villa con Rally Car Dos a Dos, Giuseppe Usai con Landau, Zoltan Kis con Break Phaeton e Giuseppe Ravanelli con Calèche.

Il Gruppo Italiano Attacchi ringrazia i ballerini della Scuola di Danza Venezia Ottocento e la direttrice Sarah Ovan per la fattiva collaborazione, la professionalità dimostrate.

Redazione
Fonte: Emanuela Brumana - Notiziario GIA Nr. 06

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...