EcoPlus

I quarant'anni passati e quelli futuri.

L´anno del 40° anniversario di Fondazione del Gruppo Italiano Attacchi è cominciato.

attacch-2.jpg

Quaranta anni di storia che hanno caratterizzato la Disciplina italiana degli Attacchi, in tutte le forme in cui essa si esplica.


Anche più di quarant’anni se si considera che nel 1974 il neo Gruppo Italiano Attacchi di allora raccoglieva il testimone di un “movimento” che già dava segno della diffusa passione che alimentava già molti nei precedenti anni e che trovava pratica attuazione in diversi punti della penisola.


Raduni, Sfilate, Feste Padronali, Fiere, erano le occasioni che gli appassionati coglievano per attaccare e muoversi seduti a cassetta di carrozze trainate da cavalli.


In effetti gli anni in cui circolavano ancora più mezzi a trazione animale, rispetto a quelli a motore, non erano poi così lontani e la propensione ad usarli era ancora molto alta; era infatti trascorso solo un ventennio da quando, negli anni ’50, le strade cittadine e le campagne erano percorse ancora da carrozze e carri, oltre che da automobili e autocarri.


Dobbiamo essere oggi grati a tutti coloro che mantennero viva, in quegli anni, la pratica dell’attacco ed è grazie a loro se il Gruppo Italiano Attacchi ha potuto poi scrivere la sua storia e continuare nella missione di conservare e tramandare la cultura del cavallo attaccato.


Una storia che oggi tentiamo di scrivere e tramandare a nostra volta attraverso le testimonianze dei Soci che vissero direttamente quegli anni, affinchè sia conservato, se non tutto, il più possibile e rimanga a disposizione anche per chi verrà dopo di noi.

Enzo Calvi

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...