EcoPlus

G.I.A: Fieracavalli si parte...e in carrozza!

di Ermes dall'Olio. Photo credits Ermes Dall'olio, Luigi Mossali

_2017/Schermata-12-2458835-alle-10.13.29.jpg


_2017/Schermata-12-2458835-alle-10.18.32.jpg


_2017/Schermata-12-2458835-alle-10.20.52.jpg _2017/Schermata-12-2458835-alle-10.23.26.jpg


_2017/Schermata-12-2458835-alle-10.23.17.jpg


_2017/Schermata-12-2458835-alle-10.23.38.jpg


Siamo sinceri, nonostante la pioggia di critiche che anticipa questo evento, alla “fine della fiera” se Fieracavalli non ci fosse ci toccherebbe…inventarla!
Fieracavalli è “piantata a terra” come una pietra miliare nel panorama equestre italiano e da sempre punto di riferimento anche del settore degli Attacchi. Chiaramente i tempi cambiano e non bisogna dare troppo peso ai nostalgici che vorrebbero vedere la Fiera come nel 1920 e dintorni, no signori… indietro non si torna!
In quei tempi, per noi sessantenni “remoti” più che mai, si contrattavano centinaia di cavalli a fronte di poche decine di automobili e nei piccoli paesi era normale vedere carri e carrozze circolare abitualmente. Se, oggigiorno, una carrozza si ferma davanti al sagrato di una chiesa in attesa dei novelli sposi, ci si puo’ aspettare che di lì a poco arrivino gli “animalisti-ecologisti” con il termometro a misurare la temperatura del sole e la Polizia Municipale a controllare se le fiande del cavallo cadono a terra!
 
Anche in Fieracavalli nel corso degli ultimi dieci anni, le carrozze e gli attacchi sono stati un po’ ridimensionati a beneficio di spazi sempre più ampi dedicati ad altre attività, comunque con uno sforzo di volontà e di volontariato ed una grinta non comune il Gruppo Italiano Attacchi è riuscito ad essere presente con stile ogni anno sia in Fiera, che in Verona città presentando e valorizzando questo bel mondo a redini lunghe che rischiava l’estinzione.
 
In questa edizione di Fieracavalli 2019 possiamo cautamente tirare le somme ed affermare che l’operazione “Attacchi” portata avanti dal G.I.A. ha riscosso i meritati consensi da pubblico, istituzioni e addetti ai lavori. Ci ha riempito il cuore di gioia vedere, fin dalle prime ore del mattino, per la Cerimonia di Inaugurazione le autorità con il loro seguito, sedute sui comodi sedili di due antiche carrozze, ammirare stand e padiglioni che iniziavano ad affollarsi di visitatori.
 
A Giuseppe Usai e Roberto Marasco, guidatori provetti di grande esperienza, la responsabilità delle redini nel fare ballare e ammirare i loro cavalli da tutto il pubblico. Per noi e altri esperti di settore presenti, un grande sospiro di sollievo nel constatare che il solito trenino elettrico che trasporta le persone e che da anni sostituisce le carrozze con cavalli nel corso di eventi molto affollati … qui non era presente!
 
 
CASA G.I.A. UNA MOSSA VINCENTE

Va da sé che se il pubblico vede una elegante carrozza circolare, a qualcuno venga la voglia di frequentare in maniera attiva il comparto delle redini lunghe. Che fare?
 
Bisogna pensare a cavalli, finimenti, accessori e tutto l’abbigliamento idoneo a questo sport, pertanto dove si va?
In questo 2019 si è ripresentato con successo lo spazio Casa-GIA in Galleria Castelvecchio, unico punto di riferimento (insieme a Bianchi-Team) in Fieracavalli per gli appassionati di Attacchi. Il grande sforzo profuso da tutti i Soci G.I.A. ha consentito di allestire uno spazio espositivo brillante e variegato capace di ospitare una oggettistica rara e pregiata, curata nei minimi particolari dai relativi Soci Espositori, che per un giusto emeritato “Onor di Cronaca” citiamo qui di seguito: Allevamento Barok Pinto, Allevamento La Bergomensis, Cantina Lugana Castrini, Cappelleria Robertidee, Carrozze Campione di Fiorenzo Erri ed Edgardo Goldoni, Cavagnini Peltro, Carrozze Bagozzi, Equifast Service, Galiya Khamatshina, Il Cassettone, Modisteria del Giglio, Restauri Taino, Rinco Noleggi, Selleria F.lli Moirano e l’immancabile Ero Mantovani.


PER IL FUTURO

È notizia di pochi giorni fa l’assegnazione all’Italia della sede per i Campionati del Mondo di Tiri a Quattro del 2022 e in vista di quel particolare momento non sarebbe una cattiva idea iniziare a lavorare per promuovere questa disciplina sportiva come merita. Cerchiamo di collaborare tutti per il bene comune della disciplina, disciplina che “dovrebbe” essere ben finanziata e supportata adeguatamente per fare decollare i tanti volenterosi atleti italiani da troppi anni in “lista d’attesa” per un risultato utile.

1. Sul Landau di Roberto Marasco le Autorità si dirigono all’inaugurazione della 121a FIERACAVALLI.
2. Durante la Cerimonia di Inaugurazione Giuseppe Usai alla guida del suo American Rockaway.


 

Redazione


Fonte: Gruppo Italiano Attacchi

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...