EcoPlus

Esperyan, le carrozze di un castello francese.

"Pochi castelli francesi conservano oggi le vetture ippotrainate e i finimenti che possono testimoniare la vita e le attività dei castellani di un tempo.
Uno di questi castelli, ancora ricco di quel patrimonio carrozze, si trova nel sud della Francia: è il castello di Espeyran situato nella città di Saint-Gilles-du-Gard, a sud di Nîmes., una vasta tenuta che comprende terreni agricoli, boschi e stagni pieni di cacciagione."

_2017/Senza-titolo-1(3).jpg
Château d´Espeyran. Le scuderie. _2017/002.jpg
Mail-phaéton costruito a Parigi da Baptiste Thomas. _2017/003(1).jpg
Break grande modello, detto break de chasse, costruito a Parigi da Ehrler _2017/004(1).jpg
Piccolo coupé da città, de forme quadrata, costruito senza dubbio a Parigi da Charles Vermot _2017/005(1).jpg
Grande wagonnette, o break di scuderia prima del restauro _2017/006(1).jpg
Grande wagonnette, o break di scuderia _2017/007(1).jpg
Berlina da viaggio construita a Parigi da Jacques Rothschild & Fils
Era sorto sull’area di un priorato dipendente dalla famosa abbazia cistercense di Saint-Gilles.Venduto come bene nazionale dopo la rivoluzione francese del 1789, viene acquistato da una famiglia di ricchi mercanti di Montpellier, i Sabatier. 
 
 
Uno di loro, Frederic, fece un lavoro importante lì, verso la metà del XIX secolo per renderlo una residenza per il tempo libero, dove accoglieva i suoi amici per le grandi feste di caccia.
 
 
Nel 1963, i suoi discendenti hanno lasciato in eredità il castello e tutti i suoi mobili allo stato. 
 
 
Oggi il Castello di Espeyran è sede del Centro nazionale per la conservazione di microfilm e immagini digitali della rete nazionale e territoriale degli Archivi di Francia. 
 
 
Raramente aperto al pubblico – lavori di restauro e di valorizzazione sono in corso per una futura apertura - Espeyran tuttavia è noto a milioni di telespettatori attraverso la telecamera di Roland Carceles, che l’ha scelto come ambientazione per la serie televisiva “Grande Batre” nel 1997.
 
 
L’AMORE PER I CAVALLI
 
 
Dedicato al tempo libero in campagna, il castello di Espeyran era nella seconda metà del XIX secolo un tempio del cavallo.
 
 
Frédéric Sabatier e suo figlio amavano gli sport all’aria aperta, la caccia, la corsa, la guida, sport in cui il cavallo stava al primo posto, al punto da installare un istituto di incremento ippico nella loro tenuta di Saint-Gilles, dove spiccavano famosi stalloni purosangue inglese come Pompiere, Granatiere, Sorprendente, Lirico, Primo ministro, Difensore, Flavio, Lutin II, Undici marzo ... 
 
Stalle, scuderie, selleria, rimessa per le vetture, libri, dipinti di cavalli, ritratti di cavalli da corsa e sportivi: a Espeyran tutto riflette l’amore appassionato dei proprietari per la più bella conquista dell’uomo. Edifici e oggetti, comprese carrozze di lusso, opere di carrozzieri tra i più prestigiosi di Parigi, costituiscono un patrimonio equestre unico nella regione della Linguadoca.
 
 
Amanti dei cavalli, i Sabatier vivono a Espeyran vicino ai loro animali preferiti.
 
 
Contrariamente alla regola che, di solito, allontana le scuderie dalla casa per motivi di igiene e tranquillità, i padroni e i cavalli a Espeyran sono alloggiati a poca distanza, da un lato e dall’altro lato di un cortile comune: solo pochi metri separano il castello dalle scuderie, collegati al primo piano da una terrazza.
 
 
Parallelo al castello e di uguale lunghezza, l’edificio delle scuderie ospita, da sud a nord, tre ampi box aperti sul parco, per le fattrici, una selleria, una scuderia per dieci cavalli e una rimessa per le carrozze. 
 
 
La scuderia comprende due file di box a parete, cinque per lato, serviti da un corridoio centrale. 
 
 
La superficie tra le rastrelliere e le mangiatoie è ricoperta da tessere di maiolica bianca con un ampio bordo blu nella parte superiore. 
 
 
Questo rivestimento aiuta a mantenere freschezza e pulizia. 
 
 
I musi di leone modellati tengono nelle loro mascelle gli anelli per fissare le capezze dei cavalli.
 
 
Le targhette di legno dipinto portano ancora i nomi degli ultimi occupanti questi luoghi.
 
 
LA SELLERIA
 
 
I finimenti e gli articoli di selleria sono firmati da grandi nomi di Londra (la mania per ciò che è inglese è d’obbligo) o anche parigini: selle e finimenti di Jones, sellaio inglese stabilitosi a Place de la Madeleine a Parigi, cuore del quartiere in cui fioriscono i mestieri legati all’alta carrozzeria; l’acciaio firmato da Heather a Londra; le fruste, provenienti per lo più da una casa fondata nel 1750 a Londra, Swaine & Adeney, e poi sellai, produttori di fruste, di ombrelli, di kit da caccia, fornitori della regina Vittoria e del principe di Galles.
 
 
VETTURE DI LUSSO
 
 
Alla sua morte nel 1864, Frédéric Sabatier Espeyran possiede, secondo il suo inventario post mortem, dieci carrozze distribuite tra i palazzi di Parigi e Montpellier e il Castello Espeyran: una calèche à la d’Aumont a otto molle firmata dal carrozziere parigino Ehrler, un sociable francese, due coupés da città, una americane quattro ruote prodotta a New York, un Phaeton inglese con capote, una berlina francese, un break, una charrette inglese, un vettura chiamata giardiniera.
 
 
Nel 1944, durante la debacle, le truppe tedesche che occupavano la zona di Espeyran fuggirono con le carrozze, che poi abbandonarono poco dopo a Aigues-Mortes, alla fattoria di Quincandon. 
 
 
Solo cinque furono salvate e riportate al castello di Espeyran, dove sono ancora conservate.
 
 
A metà degli anni ‘80, le loro vernici, i rivestimenti e le rifiniture interne sono state restaurate in maniera mediocre.
 
 
Senza la documentazione e ingannati dalla comparsa di macchie giallastre dovute all’invecchiamento e all’alterazione delle vernici che avevano ingiallito nel tempo i motivi ornamentali bianco originale, il pittore restauratore li ha dipinti con giallo pallido.
 
 
Firmato da nomi famosi di Parigi della fine del XIX secolo, Thomas Baptiste, Ehrler, Jacques Rothschild, mostrano la cura che ha messo Sabatier nella scelta delle carrozze.
 
 
LE CARROZZE
 
 
Nel dettaglio: il Mail-Phaeton costruito da Baptiste Thomas, uno dei migliori costruttori del XIX secolo, che era stato formato dal famoso carrozziere Duchesne del Primo Impero, è una vettura per un importante casato, molto elegante. 
 
 
Le sospensioni, molto morbide e confortevoli, il sedile arrotondato rifinito con cannage, la grande capote a doppio compasso, il giusto equilibrio di proporzioni, la leggerezza del telaio, insolita per questo tipo di vettura, rendono questo veicolo un oggetto di grande lusso. 
 
 
Una carrozza eccezionale, il Mail-Phaéton è stato ammirato per tutto il XIX secolo: “Questo tipo di vettura è molto popolare tra i dilettanti che amano guidare direttamente”, osserva il “Journal des studs”. 
 
 
“Nel settembre 1828. 
 
 
Settant’anni dopo, nel suo libro “Dressage et ménage” (1897) Comminges afferma ancora: “Non c’è vettura attaccata in pariglia che possa competere nel piacere e nel comfort con il mail -phaeton [...] Nessuna carrozza è meglio calcolata per percorrere le strade con sicurezza e velocità.
 
 
Un grande modello di Break, detto Break de chasse, costruita a Parigi da Ehrler, uno dei più famosi carrozzieri parigini del Secondo Impero, fornitore ufficiale della Scuderia Imperiale di Napoleone III, della Corte di Spagna e del Khedive di Egitto.
 
 
Nella parte anteriore e posteriore della scatola, sotto i sedili, si trovano due scomparti per i cani, ventilati da piccole aperture rettangolari traforate nei pannelli laterali arabescati.
 
 
Un grande Wagonnette, o Break d’écurie, il cui carrozziere e il luogo di produzione sono sconosciuti. 
 
 
È una carrozza di servizio magnifica, conforme al modello offerto da Binder Aîné nel suo catalogo del 1882 (modello n° 60). 
 
 
Le dimensioni imponenti sono caratterizzate da una cassa massiccia, di forma trapezoidale e una decorazione con mezza balaustra a fregio attorno alla cassa.
 
 
In una fotografia scattata prima del lavoro del 1986, è coperta da una tettoia di legno, rimovibile, e chiusa ai lati da tende di tela cerata, che proteggono i passeggeri dal sole o dalla pioggia.
 
 
Una piccola Coupé da città, a forma quadrata con angoli arrotondati, per due cavalli.
 
 
Le proporzioni armoniose, il profilo elegante, il perfetto equilibrio dei volumi attestano che è stata costruita da un artigiano di talento, verosimilmente il parigino Charles Vermot, leader nella produzione di assali e molle, ma anche carrozziere, il cui nome è parzialmente leggibile su una molla.
 
 
Una Berlina di viaggio, costruita da Jacques Rothschild & Fils, carrozzieri a Parigi. 
 
 
La Rothschild House, fondata nel 1838, era rinomata per l’eccezionale maestria, l’eleganza, la solidità e il lusso delle sue auto. 
 
 
Ha fornito diverse giurisdizioni straniere.
 
 
Questa grande carrozza a quattro posti interni per i proprietari e quattro esterni per i domestici era riservata esclusivamente ai lunghi viaggi. 
 
 
Quindi, è dotata di casse fisse, anteriori e posteriori, e bauli appositamente realizzati per essere trasportati sul tetto della vettura, che seguono la curva.
 
 
È attaccata a quattro cavalli guidati da un cocchiere seduto sulla cassetta di guida in alto sopra il cofano anteriore, o attaccata in posta con un timone curvo, montati da due postiglioni.
 
 
Nell’ambito della tutela e valorizzazione della politica arredi del castello, le cinque carrozze trainate da cavalli e dieci elementi di virata sono state classificate come monumenti storici nel 2010.
 
 
 
Se sei appassionato degli attacchi puoi visitare il sito: http://gruppoitalianoattacchi.it/
 
 

Redazione

Fonte: Testo e foto Jean-Louis Libourel

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...