Equigomma

Comunicato Stampa Associazione Italiana Allevatori (A.I.A.): Rappresentanti istituzionali in visita a Matera al Villaggio Contadino e alla Fattoria A.I.A.

Seconda giornata, sabato 30 novembre 2019, all'insegna delle presenze di esponenti di Governo e regionali all´iniziativa di Coldiretti #STOCOICONTADINI che vede la partecipazione del Sistema Allevatori nazionale e territoriale. Grande affluenza di pubblico. I ministri delle Politiche agricole Teresa Bellanova e degli Esteri Luigi Di Maio alla stalla-presepe e alle prove di caseificazione

_2017/ProvaCaseificazioneMinistraBellanovaAStandAIAaMateraIMG-1-ok.jpg


_2017/MinistraBellanovaAFattoriaAIAaMatera20191130_130507-2-ok.jpg


_2017/DiMaioePrandiniStandAIAaCaseificazioneaMateraIMG-20191130-WA0016-3-ok.jpg


_2017/ProvaCaseificazioneMinistraBellanovaAStandAIAaMateraIMG-20191130-WA0012-4-ok.jpg


Una grande affluenza di pubblico e visite dei rappresentanti istituzionali di Governo e della Regione Basilicata a Matera al “Villaggio Contadino” di Coldiretti hanno caratterizzato la mattinata di sabato 30 novembre 2019. Presenze di spicco nella grande tensostruttura di Piazza San Francesco, nel centro storico della Città dei Sassi, quest’anno Capitale europea della Cultura, con il presidente nazionale della Coldiretti Ettore Prandini ed il segretario generale Vincenzo Gesmundo, e numerosi componenti della Giunta dell’Organizzazione professionale agricola che hanno accolto, tra gli altri, i ministri delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova, degli Esteri Luigi Di Maio, il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi ed il sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri, intervenuti dal palco.


Al termine dell’incontro pubblico, in particolare, i ministri Bellanova e Di Maio hanno visitato il “Villaggio Contadino”, intrattenendosi a lungo con agricoltori, allevatori e imprenditori-espositori. La titolare Mipaaf Teresa Bellanova si è soffermata nello stand curato dall’Associazione Italiana Allevatori e dall’Ara della Basilicata dedicato alle prove di caseificazione del latte prodotto dalla razza bovina Podolica, autentico simbolo del territorio lucano e, successivamente, accompagnata dai responsabili di Coldiretti e dal presidente Ara Basilicata Palmino Ferramosca ha potuto vedere da vicino la rappresentanza degli animali della piccola “Fattoria”, vetrina della biodiversità lucana e delle regioni limitrofe, una suggestiva stalla-presepe incastonata tra le abitazioni a ridosso dei “Sassi”, adiacenti Piazza del Sedile. Si è cimentato nella “prova di caseificazione” (in particolare, di una treccia di fiordilatte a pasta dura e di un caciocavallo podolico), anche il responsabile della Farnesina Luigi Di Maio, che con il leader  nazionale Coldiretti Ettore Prandini, assieme al presidente regionale della Basilicata Antonio Pessolani, anch’egli allevatore di bovini, ha preso confidenza con le tecniche di lavorazione del latte fresco e con le caratteristiche del prodotto proveniente da animali al pascolo, rappresentanti unici dell’eccellenza del territorio.


“Abbiamo rappresentato agli esponenti di Governo – afferma Palmino Ferramosca, presidente dell’Associazione Regionale Allevatori della Basilicata – il lavoro costante e quotidiano dei tecnici e dell’intera struttura Ara sul territorio, per l’assistenza agli allevatori e la rilevazione dei dati aziendali. Inoltre, si è data rilevanza al ricco patrimonio di razze e prodotti che la nostra regione, e quelle circostanti, esprimono da sempre, anche a tutela e garanzia dei consumatori che richiedono sempre più genuinità, tipicità, tracciabilità e sicurezza alimentare”.


“Con la nostra presenza a Matera – dichiarano il presidente dell’Associazione Italiana Allevatori, Roberto Nocentini ed il direttore generale Roberto Maddé – confermiamo l’impegno del Sistema allevatoriale a favore della biodiversità animale, della sostenibilità e della valorizzazione delle produzioni agroalimentari di qualità del territorio. Filiera corta, distintività e rintracciabilità delle materie prime e dei prodotti di derivazione zootecnica sono nostri obiettivi primari, e lo saranno sempre più nel prossimo futuro. Apprezziamo le dichiarazioni dei rappresentanti di Governo a favore del rilancio dell’imprenditoria zootecnica di giovani e al femminile, soprattutto nel Mezzogiorno, premesse indispensabili per vincere le sfide dell’innovazione, della creatività e sostegno del reddito nelle aziende d’allevamento, del confronto nel quadro dell’internazionalizzazione nei mercati globali, nello sviluppo dell’economia circolare anche in zootecnia. Matera, con la partecipazione del mondo agricolo, ha arricchito il suo valore culturale, che tradizionalmente l’ha vista anche capitale della civiltà contadina del Sud Italia”.

Redazione
Fonte: Ufficio stampa A.I.A. Camillo Mammarella

Commenti

ALLEVAMENTO: leggi anche...

INSTAGRAM TAKİPÇİ SATIN AL UCUZ twitter TAKIPCI AL elektronik sigara likit