EcoPlus

Cavalli abbandonati a Valle Lepri: non sono più soli, hanno un angelo che li protegge.

Con un progetto presentato alle autorità, Horse Angels desidera mantenere i cavalli alla stato dignitoso di libertà.

_2017/delta-po.jpg

Nelle scorse settimane l'Associazione Horse Angels ha preso a cuore il problema dei cavalli abbandonati allo stato brado nei lidi Ferraresi, zona Valle Lepri. Ha già presentato un preciso piano di intervento alle Autorità competenti e al sindaco Marchi di Ostellato chiedendo che sia attivato al più presto un tavolo di concertazione per la salvaguardia e il benessere di questi cavalli.

 

Desiderio dell'Associazione è mantenere allo stato brado tutti i soggetti che sono nati in libetà e che hanno sempre vissuto in questa condizione e affidare a persone di cuore i cavalli abbandonati ma abiutuati alla vita domestica. Questo perchè in quell'area, dall'analisi dei passaporti, vivono cavalli di oltre 25/28 anni di età per i quali sarebbe assolutamente deleterio abbandonare l'area dove hanno sempre vissuto e le loro modalità di vita selvatica.

 

Per garantire la tutela di questi cavalli nel lungo tempo e non solo in questo frangente di emergenza, Horse Angels ha ottenuto dal proprietario degli equidi e del terreno la piena custodia degli stessi e la piena facoltà di intervenire per mantenere in buono stato di salute tutti i soggetti sia a livello sanitario che di sicurezza ambientale.

 

Sono una trentina in tutto i cavalli del Delta del Po abbandonati dei quali tre sono già venduti a mancare nelle scorse settimane: si tratta di un giovane puledrino che già era stato abbandonato dal branco, morto per una infestazione da vermi e di due cavalli anziani debilitati che non sono più riusciti a risalre il fiume dopo essersi recati sulle rive per dissetarsi.

Per risolvere questo problema l'Associazione ha anche creato delle rampe di salita per evitare che altri cavalli restino intrappolati nel fango e nell'acqua.

 

I cavalli hanno quotidianamente scarsità di cibo oltre a code e criniere "rasta" con lappole impigliate nei crini che possono creare anche fastidiose lesioni alla cute. Le femmine sono quasi tutte gravide e questo aspetto produrà, a breve, un incremento del numero di elementi che compongono il branco.

Ad aggravare la situazione, il fatto che i terreni in cui vivono i cavalli andranno a gennaio all'asta giudiziaria e quelli limitrofi ai canali d'acqua, di proprietà del Consorzio bonifica pianura di Ferrara, verranno presto ceduti creando problemi di approvvigionamento d'acqua agli equidi.

Un magistrato indaga sulla vicenda, ricevuta denuncia querela di Horse Angels difesa dall'avvocato Minichiello.

 

La grande esperienza di questa Associazione in termini di tutela e salvagiuardia dei cavalli sono garanzia di affidabilità per tutta l'operazione.

Tutta la redazione del Portale augura buon lavoro a tutti gli operatori e ai volontari dell'Associazione, ringraziandola per essere sempre in primo piano per la tutela dei cavalli.

redazione
Fonte: Eleonora Origgi

Commenti

ATTUALITA: leggi anche...