Cover Technology
Cavalli a Roma: campi di gara allo stato dell'arte per le competizioni internazionali

Cavalli a Roma: campi di gara allo stato dell'arte per le competizioni internazionali

La manifestazione in programma dal 16 al 18 febbraio 2018 vanterà terreni realizzati con le ultime tecnologie per garantire sicurezza e benessere ai binomi

_2017/cavalli_a_roma_casa_fise.jpg
Proseguono a pieno ritmo i preparativi per l’edizione 2018 di Cavalli a Roma, il salone dell’equitazione e dell’ippica che riunirà attorno al mondo cavallo tutti gli appassionati dal 16 al 18 febbraio alla nuova Fiera di Roma.
 
Intanto il comitato organizzatore è al lavoro per allestire i campi di gara in cui salteranno i binomi iscritti ai concorsi internazionali. 
 
Grande attenzione al benessere dei cavalli e agli standard richiesti dalla FEI per i terreni di gara, realizzati dalla stessa ditta che prepara il campo per la tappa italiana del Global Champions Tour allo Stadio dei Marmi.
 
Ultima generazione relativamente alle tecnologie impiegate, con un fondo in sabbia silicea e tessuto non tessuto, per garantire la massima sicurezza ed elasticità, a cavalli e cavalieri che avranno la possibilità di saltare a proprio agio a Roma.
 
I lavori relativi alla sistemazione del fondo di gara sono seguiti da vicino dall’Event director Cesare Croce, che vanta un'esperienza ultraventennale nella progettazione di questo tipo di terreni (vedi anche WEG 1998) e saranno garantiti grazie all’esperienza dello chef de piste Uliano Vezzani, che si occuperà di dirigere le coreografie in campo e di disegnare i tracciati affrontati da cavalieri e amazzoni durante i due internazionali in programma a Roma.

Redazione
Fonte: Cavalli a Roma

Commenti

EVENTI: leggi anche...