Nord Piave
Cavalli a Roma: al via l'evento con il debutto del Working Cow Horse

Cavalli a Roma: al via l'evento con il debutto del Working Cow Horse

Adrenalina e spettacolo nella Capitale dal 17 al 19 Febbraio 2017 con le discipline western del Team Penning e Working Cow Horse, ma anche Monta da lavoro, Moutain Trail e Sport Attacchi.

Montadalavoro-vitelli-1.JPG

Al via oggi, 17 Febbraio, l'evento equestre della Capitale "Cavalli a Roma", dove una serie di discipline sportive sotto l'egida Fitetrec Ante vedranno le prime tappe dei rispettivi campionati e Special event (nel comunicato allegato il programma completo).

Debutta a Roma il Working Cow Horse, una serie di prove spettacolari dove alcuni cavalieri devono eseguire lavori con un branco di vitelli, come accade ancora oggi nei ranch americani. Entra in gioco in questo lavoro non solo l'abilità del cavaliere ma anche il cosiddetto "cow sense" del cavallo.

In occasione di Cavalli a Roma si tiene la prima tappa di campionato italiano di questa disciplina, ma ci sono anche tappe di campionato e Special event di Monta da lavoro tradizionale, Mountain Trail, Team Penning e lo Sport Attacchi.


LE TRE PROVE DEL WORKING COW HORSE

1. HERD WORK

Il concorrente entra lentamente in un gruppo di vitelli. Poi deve separare un numero di questi dalla mandria senza scomporre il resto del gruppo, e gradualmente lasciar sfilare tutti i capi ad eccezione di uno. L’azione principale nell’herd work è quella di lavorare di fronte un singolo capo di bestiame, cercando di impedirgli di ritornare nella mandria. 2 o 3 vitelli possono essere lavorati durante i 2 minuti e mezzo concessi per la prova.

2. REIN WORK

Per prima cosa il cavaliere fa galoppare il suo cavallo in un cerchio grande e veloce, poi in uno piccolo e lento con un visibile cambio di velocità tra i due cerchi, includendo cambi al volo si cambia di direzione.

La seconda parte si chiama «run-downs»: il concorrente taglia l’arena in senso longitudinale effettuando uno o più sliding stop. La fase finale, chiamata degli spin consiste in giri di 360° veloci attorno ad un piede denominato «pivot», prima in una direzione poi nell’altra.

3. COW WORK

Prima fase: il boxing

Il cavaliere deve tenere un singolo vitello nel lato corto dell’arena, con il suo cavallo attento ad ogni movimento del capo di bestiame come se lavorasse da solo.

Seconda fase: il fence

Il cavaliere guida il vitello su e giù dal lato lungo dell’arena, comandandolo e guidandolo quando il cambio di direzione è richiesto. Almeno una chiara girata in ogni direzione deve essere fatta, con il cavallo che «tiene » il vitello sul fence durante la girata, e conducendolo poi al centro dell’arena. Il fence è la parte più avvicente del cow work.

Fase finale: i cerchi

Il cavaliere ed il suo cavallo guidano il vitello in cerchi nel centro dell’arena, da una mano e dall’altra. Il vitello non deve scappare in nessuna altra parte dell’arena.

Redazione
Fonte: Ufficio Stampa Fitetrec-Ante

Commenti

EVENTI: leggi anche...