Nord Piave

Boehringer Ingelheim Italia è Top Employer Europe e Top Employer Italia 2020

_2017/boehringer-logo.jpg


_2017/Boehringer.jpg

Boehringer Ingelheim Italia, per il secondo anno consecutivo, è stata ufficialmente certificata da Top Employers Institute “Top Employer Europe 2020” e “Top Employer Italia 2020”, per le proprie eccellenze nelle condizioni di lavoro.


Le aziende certificate Top Employer si distinguono per l’impegno a fornire le migliori condizioni di lavoro ai propri collaboratori e per l’attuazione di Best Practice focalizzate sullo sviluppo e sul benessere delle persone.Top Employers Institute esamina l’implementazione di queste Best Practice HR e come vengono supportate attraverso strumenti di Strategy, Ownership, Practices, Measurement and Technology.


Il fattore comune delle aziende Top Employer è quello di essere impegnate a creare e sviluppare le proprie strategie, con esperienze d’eccellenza, mirate a creare un ambiente e condizioni di lavoro in grado di favorire la crescita e lo sviluppo dei propri collaboratori.

 

“Siamo un’azienda che opera nel campo della salute e per noi il paziente è la figura centrale delle nostre attività. Nei valori fondamentali della cultura aziendale di Boehringer Ingelheim c’è lo stesso approccio per il benessere dei collaboratori,  che si devono sentire elementi “centrali” per l’azienda – dichiara Antonio Barge, Direttore HR di Boehringer Ingelheim Italia –  Per conciliare le responsabilità professionali con la vita oltre il lavoro, abbiamo scelto una gamma diversificata di servizi e abbiamo voluto dare segnali significativi: ad esempio, siamo stati pionieri nel lavoro da casa introducendolo già molti anni fa e, da due anni, in termini di smart working, ogni collaboratore con attività di ufficio, con qualsiasi inquadramento organizzativo, è libero di lavorare  da casa senza alcun limite massimo di giorni lavorativi/anno.

 

Ovviamente questo è possibile solo con uno stretto rapporto di fiducia tra i collaboratori ed i propri capi, ma è altrettanto vero che un collaboratore che si sente responsabilizzato esprime performance migliori.”

 

Per quanto riguarda il 2019, in Boehringer Ingelheim Italia la percentuale di coloro che hanno usufruito dello smart working, sul totale dei potenziali utilizzatori, è stata del 60% circa ed il trend è in continua crescita.

 

“Certa che la partecipazione a iniziative di genere formativo e ricreativo possano aiutare ad incrementare il benessere della persona, con riflessi positivi ed innovativi sull’approccio all’attività lavorativa, l’azienda ha, poi, definito un programma chiamato LiberaMente – continua Antonio Barge – attraverso il quale il collaboratore può usufruire di voucher per l’acquisto di biglietti per concerti, cinema, spettacoli teatrali ed altro ancora.”

 

“Per continuare ad essere un’azienda innovativa abbiamo bisogno di persone che guardino avanti, che portino nuove idee in azienda, per questo puntiamo anche ad una leadership sempre più partecipativa, in quest’ottica abbiamo realizzato nel 2019 un hackathon aperto a tutti i collaboratori che hanno voluto cimentarsi nel portare proposte, progetti e soluzioni innovative nella nostra quotidianità.” – conclude Antonio Barge.    

   

Boehringer Ingelheim


L’obiettivo di Boehringer Ingelheim, azienda farmaceutica basata sulla ricerca, è migliorare la salute e la qualità di vita delle persone. Nel perseguire questo obiettivo si focalizza su quelle patologie per le quali ad oggi non esistono opzioni terapeutiche soddisfacenti, concentrandosi sullo sviluppo di terapie innovative che possano allungare la vita dei pazienti. Boehringer Ingelheim opera anche nell’ambito della salute animale prodigandosi per una prevenzione avanzata.

 

Azienda a proprietà familiare sin dalla sua fondazione nel 1885, Boehringer Ingelheim è oggi una delle prime 20 aziende farmaceutiche al mondo.

I suoi circa 50.000 addetti ogni giorno creano valore, attraverso l’innovazione, nelle sue tre aree di business: farmaceutici per uso umano, salute animale e biofarmaceutici. Con un fatturato netto di circa 17,5 miliardi di euro nel 2018, Boehringer Ingelheim ha investito in ricerca e sviluppo una somma pari a quasi 3,2 miliardi di euro ovvero il 18,1 % del fatturato netto.  

 

Da azienda a proprietà familiare Boehringer Ingelheim ha una programmazione che abbraccia le generazioni, concentrandosi sul successo di lungo termine piuttosto che sugli utili di breve periodo. L’azienda pertanto punta a una crescita interna basata su risorse proprie, e nel contempo è aperta a collaborazioni e alleanze strategiche nella Ricerca. In ogni sua attività, Boehringer Ingelheim è spontaneamente portata ad agire con responsabilità nei confronti dell’umanità e dell’ambiente.

 

Top Employers Institute


Fondato nel 1991 e presente in Italia dal 2008, è l’Ente certificatore globale dell’eccellenza delle pratiche HR. Top Employers Institute aiuta ad accelerare l’impatto delle strategie HR per arricchire il mondo del lavoro. Attraverso il Programma di Certificazione del Top Employers, le aziende partecipanti possono essere valutate, certificate e riconosciute Employers oh Choise.

Top Employers Instituteha certificato oltre 1.600 aziende in 119 Paesi e la Certificazione ha avuto un impatto positivo su 6.900.000 persone.

 

 

Per maggiori informazioni visitate il sito www.boehringer-ingelheim.it

 

 

 

redazione


Fonte: Boehringer Ingelheim Italia SpA

Commenti

ANIMALI: leggi anche...