EcoPlus

Attacchi: incredibile il vincitore australiano Boyd Exell della FEI World Cup Driving.

Grazie al notiziario del Gruppo Italiano Attacchi possiamo fornirvi tutti i dettagli della finale più entusiasmante della disciplina, avvenuta il 25 Febbraio 2017.

Boyd-Excell-1.jpg

Finale da batticuore al nuovo Gothenburg Horse Show in Svezia, dove l’australiano Boyd Exell ha vinto la FEI World Cup™ Driving per la settima volta. L’argento allo svizzero Jérôme Voutaz, che il sabato 25 Febbraio 2017 aveva vinto la prima gara. Koos de Ronde (NL) porta a casa il bronzo.

Il costruttore di percorso di 4° Livello, l’olandese Johan Jacobs, aveva preparato un tracciato molto tecnico con tre ostacoli e un nuovo ponte, che si adattava alla maggior parte dei driver in gara. Jacobs, per prima volta costruttore di percorso in una Finale di FEI World Cup Driving ™, aveva l’obiettivo di portare i concorrenti a contenere la velocità e questo ha funzionato bene durante tutta la gara.

Dopo la prima prova, i driver si portavano dietro, secondo Regolamento, alla partenza della seconda prova, il 50% della differenza di tempo in secondi dal vincitore, che, quindi partiva avvantaggiato nella finale. Boyd Exell doveva compensare 1,74 secondi da Jérôme Voutaz e, di conseguenza, decideva di cambiare le sue linee per evitare di commettere errori come aveva fatto il giorno prima.

“Oggi ero più me stesso – precisa – ho guidato meglio. I miei cavalli erano altrettanto in forma come ieri. E' sempre  difficile portare a termine una buona gara, ma oggi è andata molto bene.” Dopo il primo turno, Boyd aveva un vantaggio di poco più di quattro secondi su Jérôme, quindi era l’ultimo concorrente a partire nel secondo turno.

Il Winning Round ha avuto luogo su un percorso ridotto e Boyd ha guidato veloce e senza errori, assicurandosi il suo settimo titolo di Coppa del mondo e la seconda vittoria a Göteborg, dove aveva vinto la sua prima finale nell’arena Scandinavium nel 2009.

Una classe unica per il driver australiano, che da quasi un decennio, domina nelle gare indoor e outdoor di Tiro a 4.
Jérôme Voutaz non era tra i favoriti prima della Finale, ma le cose sono rapidamente cambiate dopo che ha portato a termine un turno impeccabile nella prima gara del Sabato.

Jérôme, che non aveva mai vinto prima una gara di FEI World Cup Driving, guidava il suo team di Freiberger scegliendo linee molto strette attorno agli ostacoli e faceva davvero un buon tempo. Sfortunatamente buttava a terra una pallina e questo gli impediva di aumentare il suo vantaggio sul terzo classificato, Koos de Ronde.

 Prima del Winning Round, la distanza tra De Ronde e Voutaz era solo di 0,53 secondi, ma De Ronde abbatteva due palline, il che garantiva a Voutaz un pò di fiato.

“Mi sono sentito molto soddisfatto dei miei percorsi e felice di non essermi fatto sopraffare dalla pressione e dall’ansia. Ma ho commesso alcuni errori nel manovrare le redini. Adesso so che posso fare un tempo ancora migliore e che c’è ancora molto da vincere con questi cavalli!”

Il meccanico svizzero è un driver dilettante ed ha usato per la FEI World Cup Driving tre dei cavalli che usa nei Campionati all’aperto, tra i quali due cavalli da dressage ed uno da maratona, ed erano nel suo team proprio in finale!

L’olandese Koos de Ronde a Gotheborg decideva di utilizzare un differente cavallo di volata per il suo Tiro a 4 e decideva di cambiare di nuovo il team per la finale. Koos ha dimostrato di saper cambiare continuamente ritmo e di aver un buon feeling con i suoi cavalli. Sfortunatamente, però, ha abbattuto due palline, ma proprio per aver aumentato il ritmo dopo il primo abbattimento, a cui è seguito subito il secondo, ma nonostante ciò, si è qualificato per il Winning Round.

“La prima pallina è stata proprio un mio errore, ma ero contento di essere nel Winning Round. Non me lo aspettavo davvero dopo due errori.  Certamente sapevo di dover andare ancora più veloce per poter vincere, così ho preso un po’ di rischi e due palline sono finite ancora a terra. Io speravo di salire sul podio prima di disputare la Finale e sono contento di esserci riuscito, nonostante gli errori..”.

Jozsef Dobrovitz (HUN) è finito al quarto posto, guidando un tiro a 4, che aveva appena messo insieme per questa finale, inclusi due cavalli nuovi. L'ungherese Dobrovitz non ha commesso errori, ma il suo tempo non era abbastanza veloce per entrare nel Top 3.

Il difensore del titolo, vincitore lo scorso anno a Bordeaux, IJsbrand Chardon (NED) non ha avuto fortuna nella prima gara di sabato, dove ha abbattuto ben 3 palline. Chardon partiva nella finale con 7 secondi in più di Voutaz e sebbene facesse del suo meglio e non commettesse errori, questo non è stato sufficiente per garantirgli un posto sul podio.

Il driver wild card lo svedese Fredrik Persson (SWE) era un poco arrugginito nella prima giornata, dato che non aveva partecipato a nessuna competizione negli ultimi due mesi, ma ha guidato molto bene il suo team di cavalli puro sangue, non proprio giovanissimi ad occupare la sesta piazza. Un buon risultato se si pensa che l’età media dei suoi cavalli in gara era di ben 21 anni.

Georg von Stein (GER) assistito in carrozza dal suo connazionale e guidatore di Tiro a 4 Christoph Sandmann, a come suo navigatore.  Sfortunatamente Georg ha commesso un errore di percorso nell’ultimo ostacolo di maratona, che lo ha fatto scendere al settimo posto.

Redazione
Fonte: Notiziario GIA_1|2017

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...