Nord Piave

3° Concorso Internazionale di Attacchi di Tradizione

Cavalli e carrozze da fiaba alla Reggia di Venaria

attacchi-tradizione-est.jpg attacchi-tradizione-1(2).jpg attacchi-tradizione-2(3).jpg attacchi-tradizione-3(2).jpg

L'estate si apre con un grande appuntamento alla Venaria Reale: la terza edizione del Concorso Internazionale di Attacchi di Tradizione "La Venaria Reale" sabato 18 e domenica 19 giugno, organizzato dal Consorzio La Venaria Reale, dal Gruppo Italiano Attacchi in collaborazione con il Parco La Mandria.


La maestosità della Reggia per carrozze di pregio, cavalli perfettamente toelettati, lucidi finimenti ed equipaggi elegantissimi: una cornice incomparabile per l’assegnazione del 3°Trofeo "La Venaria Reale” e del “Trofeo Internazionale delle Nazioni 2016".


Due giornate durante le quali è possibile ammirare più di 40 carrozze d’epoca attaccate a circa 100 cavalli, impegnati in una kermesse che richiede abilità di guida, perfezione, eleganza ed un pizzico di spirito competitivo. Le carrozze si presentano ad attacco singolo (1 cavallo), in Pariglia (2 cavalli), in Tandem (2 cavalli uno dietro l’altro) e con Tiro a 4.


Le tipologie di carrozze sono varie: carrozze di Servizio condotte dai cocchieri come Landau, Milord, Calèche, Vis a Vis; carrozze sportive, da caccia e da passeggiata come Break, Dog Cart, Phaeton, condotte dai proprietari; carrozze di utilità come la Pistoiese o la Dottorina, o il Military un tempo utilizzate da professionisti o ufficiali.


Molte di queste carrozze sono condotte da “signore a cassetta” che guidano i mezzi con grazia e destrezza e da giovani appassionati.
Altro elemento curioso è l’abbigliamento degli equipaggi, particolarmente elegante, come si richiedeva all’epoca per le uscite in carrozza: parasole sfiziosi per le signore e cappellini da pomeriggio, guanti d’obbligo anche per i passeggeri, bimbi con pantaloncini a mezza gamba e camicine con voulant.


E poi le livree dei groom, uomini di scuderia in tenuta impeccabile con stivali, cilindro o mezza tuba, sempre attenti alle necessità dei cavalli e alle richieste del cocchiere o del proprietario, pronti a scendere e risalire anche con la carrozza in movimento.


Per questa terza edizione la Giuria Internazionale è presieduta dal presidente AIAT (Association Internationale d'Attelages de Tradition) Christian de Langlade (Francia), da Raimundo Coral (Spagna) e Juan Jose Morales Fernandez (Spagna), Vicepresidenti del Real Club de Enganches de Andalusia.


Il sabato pomeriggio, a partire dalle ore 14, di fronte alla Reggia, la Prova di Presentazione nella quale i Giudici valutano ciascun attacco: la carrozza, i finimenti, i cavalli, gli abbigliamenti e l’armonia dell’insieme.
La domenica inizia con la Prova di Campagna, con partenza dai Giardini della Reggia: uno spettacolo incomparabile di roseti, specchi d'acqua, aiuole fiorite e filari per un tragitto di circa 2 Km, che conduce all'ingresso nel Parco naturale La Mandria, dove gli equipaggi per circa 12 Km sono immersi nel verde di quella che fu, un tempo, la riserva di caccia dei re sabaudi.


Qui è possibile ammirare aironi, cicogne, daini e la flora locale preservata. Si passa a fianco di uno splendido laghetto e poi i conducenti delle carrozze devono effettuare due Passaggi Controllati (prove di abilità dei concorrenti), uno nel recinto delle Cavalle e dei Puledri e l'altro di fronte al Castello del Parco. Si rientra nel Giardino Basso della Reggia, dove altri tre Passaggi Controllati metteranno alla prova l'abilità dei concorrenti sotto l'occhio vigile dei Giudici.


La domenica pomeriggio si giunge alla Prova di Maneggevolezza nel Gran Parterre della Reggia di fronte alla balconata da dove il pubblico può seguire lo spettacolo.
I visitatori, come sempre numerosi, possono ammirare carrozze e cavalli presentati da speaker esperti. La destrezza e la precisione dei guidatori, oggi indispensabili per vincere un trofeo, due secoli fa erano requisiti essenziali per districarsi nel traffico delle grandi città e compiere slalom fra decine di carrozze, carri e omnibus in movimento.


Chiude la Cerimonia di Premiazione che, oltre al 3° Trofeo “Reggia di Venaria”, consegnato dalle mani del Direttore della Reggia di Venaria, prevede anche la consegna del Trofeo delle Nazioni AIAT da parte del Barone Christian De Langlade, Presidente dell’Associazione Internazionale di Attacchi di Tradizione e un omaggio a tutti i partecipanti dal Presidente del GIA, Enzo Calvi.


Nei due giorni di permanenza tante proposte culturali nella Reggia con ad esempio le mostre: Fatto in Italia. Dal Medioevo al Made in Italy e Il Mondo di Steve McCurry, così come nel Parco della Mandria.

Redazione
Fonte: G.I.A. - Gruppo Italiano Attacchi

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...