Cover Technology

ROMA, SUCCESSO "GLOBAL"

Allo Stadio dei Marmi "Pietro Mennea" cala il sipario sulla quinta edizione romana del Longines Global Champions Tour: la Formula 1 dell´equitazione riconferma l'exploit dello scorso anno.

_2017/0c93b442-3146-43cc-a159-0adc4ac6977f.jpg


_2017/1da2fca7-d7ee-49af-bef3-1d5a3bb5bfca.jpg


_2017/a883df25-5b37-4c70-b1ff-1a140316ddc2.jpg


ROMA - Cala il sipario sulla quinta edizione del Longines Global Champions Tour di Roma.
 
Con la quarta ed ultima giornata di gare si è conclusa oggi la "Formula 1 dell'equitazione", quattro competizioni che hanno entusiasmato il numeroso pubblico dello Stadio dei Marmi "Pietro Mennea".
 
 
 
LA GIORNATA – Si conferma fortunata la tappa romana del Longines Global Champions Tour per lo spagnolo Eduardo Alvarez Aznar in sella a Rokfeller de Pleville Bois Margot, già secondo ieri nel round finale della Global Champions League con il team dei Madrid in Motion, che nel tempo di 39”71 ha conquistato la vetta della categoria conclusiva del circuito internazionale a 5* di altezza 1.50.
 
Sui quarantatré cavalieri al via, otto hanno avuta accesso al secondo round nell’ordine di classifica: secondo Mark McAuley (0/0, 40”08), terzo Ben Maher (0/0, 40”36), a seguire Emily Moffit (0/0 41”92), Denis Lynch (0/0, 42”35), Christian Kukuk (0/0, 42”91), Amy Graham (0/4, 47”70) e Dreher Hans-Dieter (0/10, 53”91).
 
Il pubblico ha assistito ad un barrage molto combattuto, deciso nel finale dalla vittoria del cavaliere iberico. 
 
La domenica di gare al Foro Italico è entrata nel vivo fin dalla tarda mattinata con l’inizio della 1.45 a tempo, vinta dal tedesco Hans-Dieter Dreher con Prinz (0/58’’69), in cui l'azzurro Matias Alvaro in sella a Karel VDB ha ottenuto un ottimo secondo posto con 0/61’’44: "Una grande soddisfazione aver fatto parte di questo incredibile circuito - dichiara il 23enne di origini argentine - mi fa piacere esser riuscito a soddisfare le aspettative del CT Bartalucci mettendo in pratica i consigli dell'intera famiglia Fuchs con la quale collaboro per crescere e per arrivare ad affermarmi ai massimi livelli. Prima dell'ingresso in campo ho sfruttato i consigli dei cavalieri più esperti e di mio papà Hector venuto a seguirmi per l'occasione".
 
Terza classificata la tedesca Laura Klaphake con Camalita (0/61’’49). Per quanto concerne le categorie a 2* nella 1.15 la vittoria è andata alla svedese Alice Borglund, mentre la svizzera Charlotte Barbey si è aggiudicata la 1.45.
 
A chiudere ufficialmente la quattro giorni di evento la finalissima del Gran Premio FIDASC 2019 di Agility Dog coordinato dal celebre educatore cinofilo Massimo Perla e il tradizionale Carosello dei Carabinieri.
 
 
 
EDIZIONE RECORD - Roma non si smentisce. Per il Longines Global Champions Tour 2019 la Capitale si conferma grande vetrina mondiale dell'equitazione.
 
Dopo l’edizione record dello scorso anno, l'appuntamento di quest'anno ha fatto registrare un ulteriore incremento mediatico e di pubblico: oltre 15mila le presenze complessive della quattro giorni andata in scena al Foro Italico con il picco più alto di partecipazione di sabato 7 settembre, giorno del Gran Premio CSI5* e della Global Champions League.
 
Tribune gremite in ogni ordine di posto, per una cornice che ha esaltato i cavalieri in campo e lo stesso patron del Circuito Jan Tops, sempre più entusiasta e convinto della scelta di aver portato una tappa della ‘Formula 1 dell’equitazione’ a Roma: "Questa città è speciale - ha ribadito Tops - Amiamo Roma per il clima, la storia e siamo qui da cinque anni perché a tutti piace venire in questa città.
 
Faremo ancora grandi cose a Roma, ci piace soprattutto il calore e l’entusiasmo del pubblico, specialmente quando fa il tifo per gli azzurri". 
 
Non a caso, quella della Capitale è stata l’unica tappa dell’edizione 2019 spalmata in ben quattro giorni assieme a quella di apertura a Doha e quella di chiusura a Praga.
 
Gli eventi clou della tappa capitolina sono stati trasmessi in diretta esclusiva in Italia su Sky Sport Collection ed Eurosport, e distribuiti in quasi cento paesi in tutto il mondo, con oltre 120 testate accreditate allo Stadio dei Marmi tra radio, tv, agenzie, carta stampata e quotidiani online.
 
Un successo consolidato anche sul fronte delle iniziative collaterali, con il solo progetto "Future Champions" ad infrangere il muro delle mille richieste di partecipazione da parte di giovani cavalieri e piccoli appassionati per vivere da vicino la manifestazione. 
 
Il Longines Global Champions Tour proseguirà con le tappe di St Tropez (12-14 settembre) E New York (27-29 settembre) per concludersi con i Super Playoff di Praga (21-24 novembre).
 
 
 
 
 
(Credit: ph. Stefano Grasso/LGCT)

Redazione

Fonte: LGCT Rome - Media District

Commenti

SALTO OSTACOLI: leggi anche...

INSTAGRAM TAKİPÇİ SATIN AL UCUZ twitter TAKIPCI AL elektronik sigara likit