Cover Technology

ANACAITPR: tutti i dettagli sull'imminente Mostra Nazionale che si terrà a Fieracavalli 2017

La manifestazione avrà luogo dal 26 al 29 ottobre 2017

_2017/anacaitpr_3.jpg
Foto: Annalisa Parisi. _2017/anacaitpr_4.jpg
Foto: Annalisa Parisi. _2017/anacaitpr_5.jpg
Foto: Annalisa Parisi.
Questo periodo dell’anno, per l’ambiente della razza CAITPR, è un po’ un momento di passaggio tra i Raduni per la scelta dei candidati stalloni e la Mostra Nazionale che si terrà a Fieracavalli 2017. Una fase in cui si discutono ancora gli esiti degli Eventi di selezione dei giovani maschi di 30 mesi e l’attesa per i confronti che verranno nella Mostra di Fieracavalli.
Un periodo di attesa e, contemporaneamente, di “metabolizzazione tecnica” delle indicazioni scaturite dalla selezione dell’ultima generazione di maschi abilitati quali stalloni di razza. 
 
MOSTRA NAZIONALE
Come detto nell’introduzione, i Raduni fanno un po’ da “lancio” alla Mostra nazionale che, proprio quest’anno, risulta molto ravvicinata nel tempo. Infatti, la Fieracavalli Verona è quest’anno anticipata nelle sue date rispetto alla tradizione ed è programmata già per fine ottobre. Il legame tra Raduni e Mostra nazionale è, in particolare, legato alla categoria giovani stalloni di 30 mesi dove convergono, a scelta del proprietario, i soggetti che nei Raduni hanno avuto qualifica almeno di “Buono”. Quest’anno, dei 16 potenziali partecipanti, ben 11 saranno presenti nel Concorso che si svolgerà il 26 ottobre al mattino nel Padiglione 10 ring B e che costituirà, come da tradizione, una sorta di finale nazionale tra i migliori puledri/stalloni esibiti nei 2 Raduni. 6 giovani riproduttori verranno dal lotto di isola della Scala e 5 da quello di Corvaro. un vero e proprio momento clou molto sentito tradizionalmente dagli allevatori che annettono al Concorso di Fieracavalli molta importanza tecnica e che va al di là del semplice confronto di mostra. I Campioni di questi eventi diventano, infatti, da subito delle vere e proprie vedette di razza che tutti ricordano e che costituiscono coma una  pietra miliare periodica della storia del Libro genealogico. Titolo molto sentito e di grande prestigio per ogni allevatore del CAITPR che, quando raggiunge il traguardo  di essere l’allevatore e/o il proprietario del miglior 30 mesi di Fieracavalli, ha la sensazione di essere entrato nel Gotha della razza.
 
Ma al di là di questo aspetto più tradizionale e storico, la Mostra 2017, che è anche Vetrina della Biodiversità di razza da quest’anno, si presenta con molti motivi di interesse, specie dopo un’annata un po’ “zoppicante” come quella del 2016. Oltre 40 complessivamente i capi iscritti suddivisi nelle diverse Categorie. Dopo un anno di stasi ritorna il Campionato stalloni con 4 soggetti provenienti da ben 3 diverse aree di allevamento. Ma le Categorie regine quest’anno, sono senza dubbio quelle femminili con un ritorno in forze di tanti allevatori e che speriamo rappresenti un rilancio dopo l’edizione 2016. Ottima la categoria puledre 2017 con 7 capi di altissima qualità di altrettanti allevamenti ubicati in 6 diverse Regioni. Una vera rappresentanza del meglio prodotto dagli allevatori di tutta Italia. 6 i padri in gioco tutti nati entro il 2008, vale a dire stalloni dell’ultimo intervallo di generazione della razza. Una bella campionatura geografica e genetica di giovani puledre che daranno il polso del progresso selettivo e della tutela genetica del CAITPR.
 
A completare le categorie puledre un’ottima, benché ridotta, rappresentanza di giovani future fattrici della generazione 2015. Le regole della Mostra Nazionale sono molto stringenti perché prevedono di riservare la manifestazione solamente a soggetti con qualifica almeno di Buono e con Indice genetico superiore alla media di razza. per cui anche una categoria numericamente più ridotta rappresenta sempre e comunque un’interessante campionatura del meglio prodotto nell’anno dagli allevatori. Oltre alle giovani puledre 2017, il punto forte della Mostra 2017 saranno le 2 Categorie fattrici. Dopo il 2016 in cui si è riunita in un’unica presentazione di valutazione l’insieme delle fattrici presenti, con il 2017 si torna alla tradizionale suddivisione in giovani madri di 3-5 anni e madri più mature di età compresa tra 6 e 10 anni. Ben 12 le giovani fattrici iscritte, che è, pertanto, la Categoria più numerosa del Concorso di quest’anno. Tutte giovani madri con gradimento selettivo almeno di Buono, ma con una bella frequenza anche di diverse Molto Buono. Più ristretto il lotto di padri rappresentati che di 6 stalloni. A farla da padrone numericamente sono 2 stalloni: Benito e Vulkan Vg che si contenderanno anche il titolo del miglior Gruppo di Progenie. Una Categoria di prim’ordine che da molti anni non si vedeva in Mostra nazionale e che raccoglie madri provenienti da 5 diversi bacini d’allevamento dalla Lombardia alle Regioni a maggior frequenza di allevamenti di razza.
A completare il quadro di una presenza femminile importante, anche una validissima Categoria di madri più mature con età compresa sino ai 10 anni. Anche in questo caso un lotto di soggetti rappresentativi di razza e di varie zone di allevamento: Piemonte, Emilia Romana, Veneto.
A sancire l’impegno diffuso degli allevatori CAITPR di tutta Italia per la Mostra 2017, è anche il Titolo del Gruppo di Regione che deve essere formato, come da Regolamento, da almeno 5 capi proveniente da nuclei del medesimo territorio regionale. 3 quest’anno i Gruppi che si contenderanno il Trofeo: Emilia Romagna, Umbria e Veneto.
 
Ma la Mostra nazionale e Vetrina della Biodiversità non è solo Concorsi di morfologia. Infatti, nelle Giornate di sabato e domenica vi saranno due Concorsi di carattere diverso. Nel 2017, accanto all’ormai tradizionale Campionato di maneggevolezza attacchi che si ripete dal 2011, vi sarà la novità del Concorso di conduzione alla mano. Un vero e proprio salto di qualità della Mostra nazionale che, accanto ai contenuti legati all’allevamento e al miglioramento ed alla tutela genetica della razza, si completa con una parte sempre più ampia dedicata alla razza intesa nella sua multifunzionalità. Infatti, nel  Concorso di conduzione/presentazione alla mano si confronteranno i presentatori nelle loro capacità di lavorare con i loro soggetti i modo rispettoso ma attento alla qualità di esibizione. Nulla a che vedere con le qualità del soggetto che sono valutate negli appositi concorsi di valutazione morfologica dei giorni precedenti; farà invece premio l’impegno nel lavoro di addestramento dell’allevatore. Anche un messaggio importante sotto il profilo della cura che va messa nell’istaurare con il proprio soggetto quel giusto rapporto di fiducia e di impegno reciproco che portano a esibire il proprio lavoro in sicurezza, ma soprattutto, al meglio. Il che ha anche risvolti economici non secondari se si considera che un soggetto ben presentato attirerà sicuramente di più l’attenzione di un capo poco curato sotto questo profilo.
Accanto a questa novità vi sarà il classico confronto in attitudine rappresentato dal Campionato attacchi, suddiviso come sempre, in Categoria singoli e Categoria pariglie. Vero momento attitudinale teso a presentare questo antico ceppo di cavalli da lavoro nelle sue potenzialità di impiego moderne alla stregua di un orientamento molto diffuso in tutta Europa nel’ambiente delle razze da tiro e lavoro. Un aspetto da non trascurare anche in chiave di mutifunzionalità della razza, la quale ricopre ruoli diversificati nei diversi ambienti: da patrimonio storico e culturale, al ruolo di sentinella ambientale sino a quello di possibile attività integrativa dell’economia aziendale come soggetto da lavoro moderno. A quest’ultimo riguardo un importante messaggio scaturirà anche dal CAITPRHOW, un madley di come si può interpretare la razza come soggetto da lavoro e di loisir, come direbbero i colleghi francesi, con un termine che non trova un vero riscontro in italiano perché comprende, il tempo libero, le attività ricreative ma anche attività equestri non agonistiche. Avremo infatti presentazioni di attacchi agricoli di tradizione a rievocazione dell’importante passato della razza, attacchi di eleganza che si stanno rivelando anche investimenti economici veri e propri per eventi e sfilate, ad attacchi d’impronta più sportiva, sino a presentazioni a sella che valorizzano le possibilità di interesse della razza come soggetto da compagnia, ma anche presentazioni in libertà che, solitamente molto gradite al pubblico più vasto, completano il quadro di una razza dall’ottimo mentale per il lavoro e approcciabile per diversi utilizzi.
Chi vorrà visitare la Mostra Nazionale 2017 avrà, quindi, la possibilità di apprezzare questa razza che appartiene al nostro patrimonio storico-culturale in una panoramica completa che va dal momento tecnico-allevatoriale a quello più ludico ed amatoriale, per non trascurare poi l’insieme del panorama geografico che vede impegnati allevatori di tutta Italia dalla Puglia al Piemonte.
 

Redazione
Fonte: ANACAITPR

Commenti

EVENTI: leggi anche...