Nord Piave

Le Carrozze e la Caccia

Tra le occupazioni e le attività ricreative della nobiltà la caccia detiene uno dei primi posti. Se il cavallo a sella montato dai cacciatori vi è associato più spesso, anche le carrozze vi partecipavano frequentemente. Per più di due secoli, numerosi e molto diversi sono stati i veicoli utilizzati per recarsi alle battute di caccia

_2017/11-1-art-ok.jpg
1. Partenza per la caccia al Castello di Bouges (Indre)

_2017/11-2-art-ok.jpg
2. Wourst con sedile oscillante costruito per il Principe Leopoldo di Borbone ‘Salerno. Circa 1820 (Vienna, Palazzio di Schönbrunn)

_2017/11-3-art-ok.jpg
3. Wourst, disegno di Pujin,circa 1770. (Museo delle Arti Decorative)

_2017/11-4-art-ok.jpg
4. Vettura da caccia circa 1775. Album delle carrozze del Duca di Chartres (Paris, CNAM)

_2017/11-5-art-ok.jpg
5. Break de chasse attaccato in posta. Litografia d´Albert Adam.

_2017/11-6-art-ok.jpg
6. Dog-cart a quattro ruote con la cassa per i fucili tra i due sedili, di Montier & Lefebvre´ Rouen (Francia, collezione privata)

_2017/11-7-art-ok.jpg
7. Dog-cart a due ruote, di Collomb -‘Lyon (Francia, collezione privata)

_2017/11-8-art-ok.jpg
8. «La mise à la voie»: acquarello del Barone Karl Reille

_2017/11-9-art-ok.jpg
9. Vettura per la selvaggina, di Duchatelle´ Creil, contenente 315 ganci pour appendere la cacciagione (Castello di Bouges)

_2017/11-10-art-ok.jpg
10. La barca per la caccia del Castello di Chambord che riporta i resti di un cervo (cartolina postale antica)

Testo e foto di Jean-Louis Libourel.

 

VETTURE DI TUTTI I TIPI

A partire dal regno di Luigi XIV fino all’inizio del XX secolo, tutti i tipi di carrozza furono usati per accompagnare la caccia, molti dei quali non erano stati progettati per questo scopo. Così, le Calèche, i Coupè da citta’, le Milord, le Berline, gli Omnibus privati, i Phaeton, le Charrette Inglesi, i Maedowbrook portavano cacciatori o semplici spettatori sul terreni di caccia.



La Calèche, vettura da passeggio, ne è il miglior esempio: è presente nella caccia già nel 17 ° secolo. Da quando si era rotto un braccio rincorrendo un cervo a Fontainebleau nel 1683, Luigi XIV seguì la caccia con una calèche «trainata da quattro piccoli cavalli che guidava a tutta velocità, con un’abilità e una precisione. che non avevano i migliori cocchieri, e sempre con la stessa grazia che lo distingueva in tutto ciò che faceva » dichiarava ammirato Saint-Simon.


La capacità del re di guidare i suoi cavalli nella foresta, nell’eccitazione della caccia, è confermata dall’impetuosa Principessa Palatina, cognata del re, in una lettera del 16 maggio 1702: «Ha una piccola carrozza e dei piccoli cavalli, ma corrono così bene che seguiamo sempre i cani e non perdiamo quasi mai la caccia, come se fossimo a cavallo».


Un dipinto del pittore Jean-Baptiste Martin il Vecchio, conservato nel Museo Nazionale del Castello di Fontainebleau, mostra il re che conduce questa carrozza bassa, in legno dorato, montata su un telaio rosso, attaccata a quattro piccoli cavalli neri, probabilmente dei Napoletani, ricercati per la loro vivacità, di cui le stalle reali ospitavano diversi soggetti.


Indebolito dagli anni, il vecchio monarca non rinuncia al piacere della caccia che segue sempre in acarrozza e fino alla fine della sua vita. La principessa Palatina si meraviglia ancora di vederlo il 9 agosto 1715, tre settimane prima della sua morte, scendere «..dolorosamente dalla piccola carrozza che guidava di persona, nonostante i suoi settantatré anni [Palatina ha torto: nato nel 1638 il re ha quindi settantasette anni], con un cavallo veloce per seguire la caccia».


Nel 1724, per Luigi XV, Jean-Baptiste Oudry dipinse sui pannelli di una carrozza da caccia da dieci posti scene di caccia: caccia al lupo, al cinghiale, al cervo e alla volpe. Ne “L’appuntamento all’incrocio del Pozzo del Re nella foresta di Compiegne”, una delle nove grandi composizioni, che Oudry dedicò tra il 1734 e il 1745 alle caccie di Luigi XV, il pittore rappresentò fedelmente la carrozza usata dal re: un lussuosa calèche in legno dorato, sormontata da un imperiale in cuoio nero foderato con un tessuto dello stesso rosso delle ruote, con una cintura smerlata e ornamenti scolpiti tipici dello stile decorativo rococò in voga durante il regno di Luigi XV.


E di nuovo è in eleganti calèche, dotate di su molle a C, che le imperatrici Josephine, Marie-Louise, la duchessa di Berry e le loro dame di compagnia seguivano le caccie. Vi partecipano anche altre carrozze, altrettanto inadatte alla caccia quanto la calèche. Diverse scene di caccia dipinte dal pittore Vittorio Cignaroli intorno al 1740 sulle pareti di un salotto nella Palazzina di Caccia a Stupinigi, vicino a Torino, mostrano le dame della corte sabauda al seguito della caccia in lussuose chaises a due ruote riccamente decorate, una dietro l’altra in una lunga fila, o in semicerchio attorno ai resti del cervo dopo la caccia.


Se Luigi XV andò, come abbiamo visto, nel dipinto “L’appuntamento all’incrocio del Pozzo del Re nella foresta di Compiegne”, con una calèche in stile rococò, il suo successore Luigi XVI si recò allo stesso appuntamento in berlina, come mostrato da un piatto di porcellana di Sèvres, dipinto nel 1781 da Nicolas Pierre Pithou, il Vecchio, che riprende esattamente la composizione di Oudry senza cambiare nulla, ad eccezione della tipica berlina neoclassica che prese il posto della calèche rococo’, e che indica solo il cambio di epoca e di regno. (Versailles, Musée national des châteaux de Versailles et de Trianon).


I musei reali di arte e storia di Bruxelles ospitano due carrozze da passeggio di fine XVIII secolo appartenenti alla famiglia Arenberg, dei doppi Vis-à-vis di forma eccezionale, utilizzati anche per la caccia. Indipendentemente da tutti i tipi di carrozze usate nel diciottesimo e, soprattutto, nel diciannovesimo secolo per andare o seguire la caccia questa ha portato anche alla costruzione di vetture appositamente progettate per la sua pratica.


INVENZIONI INCREDIBILI

È nel diciottesimo secolo che compaiono le prime vetture appositamente progettate per la caccia. Sono fantastiche. La più strana è il Wourst o Vource. Nel 1756, nel suo Traité des voitures Garsault la descrive come «Vettura inventata ed abitualmente usata in Germania. E´comoda per andare agli eventi di caccia. Tutti ci si siedono sopra, uno davanti all’altro, una gamba di qua e una di là»


Il Wourst è costituito da una flèche assiale a sostenere un lungo sedile, su cui i cacciatori sono a cavallo, uno dietro l’altro, i piedi appoggiati a un predellino, che si sviluppa su ciascun lato per tutta la vettura. Alcuni wourst hanno nella parte posteriore, per le signore, una cassa cabriolet al riparo sotto una capote.


Oggi si sa, attraverso incisioni e disegni, che il wurst era spesso decorato, sul davanti, con una testa o la fronte di una bestia selvaggia, nella maggior parte dei casi una cervo, a tutto tondo, proteso avanti a grandezza naturale, che rappresentava la funzione da caccia del veicolo.


Nel castello di Sceaux, il duca di Penthièvre ne aveva uno, citato nel 1793 nel suo inventario immobiliare come «vettura da trasporto per la caccia dipinta di verde, sedile del cocchiere a forma di cavallo » probabilmente simile ad un wourst del re di Baviera conosciuto attraverso un disegno del carrozziere Johann Christian Ginzrot di Strasburgo.


Nelle rimesse del Duca di Penthièvre c’è un’altra curiosa vettura da caccia con un « sedile a forma di trono girevole su tre supporti dipinta e rifinita in verde come le quattro ruote » . Questa strana macchina è identica a una “vettura da caccia su supporti”, così chiamata e riprodotto su un album di carrozze illustrato del duca di Chartres (1775) e raffigurante un veicolo il cui corpo è una sorta di gabbia circolare, a sezione crescente verso il basso, che conteneva un sedile girevole a forma di poltrona.


Il Museo delle Carrozze al Palazzo Schönbrunn di Vienna conserva una vettura da caccia, costruita per il Principe Leopoldo di Borbone-Sicilia, Principe di Salerno (1790-1851), che combina in un modo probabilmente unico i due tipi sopra menzionati: un wourst su cui poggia una poltrona girevole impiantata tra il sedile del cocchiere e il lungo sedile assiale in cui i cacciatori erano a cavalcioni.


VETTURE SPECIFICHE
 

Il diciannovesimo secolo è il secolo delle vetture appositamente progettate per la caccia. Alcuni sono inaspettate, come un Omnibus a due ruote costruito dal carrozziere J. Gru?mmer, di cui La Carrosserie Française pubblicò il disegno nel suo numero del 15 luglio 1894, accompagnato dal seguente commento:


«Questo omnibus è destinato alla caccia e, beh, trasporta solo cinque persone, due posti nell’omnibus dietro - vale a dire, su due piccoli sedili vis-à-vis posizionati longitudinalmente - tre nella parte anteriore, la cassaa forma di cabina consente ad altre due persone di salirci in qualche modo; si sa,« à la chasse comme à la chasse», e i cacciatori, come sappiamo, sono persone abituate a far fronte a tutto: dopo aver osservato i boschi e la pianura o inseguito la lepre con un veloce cane, ci si trova forti felice di tornare a casa, anche seduti su assi scomode, che in quei momenti appaiono piuttosto confortevoli per chi ha garretti stanchi ».


L’omnibus a due ruote è una rarità tipologica, che abbiamo descritto nell’articolo “Lo spettacolo dell’omnibus” (Attelages Magazine, n. 112, ottobre-novembre 2017), è probabile che pochi tra questi effettivamente abbiano partecipato alle caccie. Al contrario, i Break, spaziosi e comodi sono tra le migliori vetture per trasportare i cacciatori e le loro attrezzature. Esistono in diversi modelli di dimensioni variabili: break d’écurie, break-wagonnette, break a sei posti, break più piccoli, roof-seatbreak.


Quello che eclissa tutti gli altri e gode del più grande favore è un grande modello di break, l’unico comunemente chiamato Break de Chasse, poiché il suo uso è strettamente legato a questa pratica. Può prendere otto passeggeri distribuiti sui suoi quattro posti, l’ultimo, posizionato molto in alto sulla cassa, gli conferisce un aspetto imponente. Spesso ha scomparti per cani in abitacoli sotto i sedili.


LA CARROZZA IDEALE PER LA CACCIA: IL DOG-CART
 

La più grande felicità del cacciatore è, senza dubbio, ricercare e rintracciare la selvaggina con i suoi cani. Per raggiungere la zona della caccia con questi fedeli compagni a quattro zampe, la vettura ideale è il Dog-cart. Esiste in due modelli: due o quattro ruote.


È caratterizzato da due sedili per quattro persone, posizionati schiena contro schiena, sotto i quali sono disposti scomparti per cani. Diversi sistemi consentono l’aerazione di questi scomparti: persiane, lucernari, controventi, fogli perforati. Nei Dog-cart con quattro ruote uno spazio separa i due posti per posizionarvi una cassa con il fucile. Le carrozze che portavano i cani a caccia esistevano molto prima dell’invenzione dei Dog-cart. Un disegno di Elie Janel, eseguito nel 1779, raffigura una vettura da caccia equipaggiata nella parte anteriore e posteriore da due casse forate per consentire ai cani di respirare e dimostra che la pratica di condurre i cani a caccia a con le carrozze risale almeno alla metà del XVIII secolo.


La parola Dog-cart è stata usata in Inghilterra dal 1803.«Il nome di questa carrozza, di origine britannica, significa “vettura per cani”. Dobbiamo cercare l’etimologia di questo nome nell’uso di la’ dalla Manica si faceva di questa piccola carrozza da caccia, destinata non solo al trasporto di cacciatori, ma soprattutto ai cani da ferma e da caccia » (Le Guide du Carrossier, 1861).


I Dog-cart presentano una vasta gamma di modelli. Ce ne sono anche alcuni che non sono montati su ruote ma su pattini a slitta nei paesi dell’Europa settentrionale e centrale con lunghi inverni nevosi. Il Dog-cart può portare solo un numero molto limitato di cani. Per trasportare un intero pacchetto, vengono utilizzati furgoni speciali trainati da un cavallo.


VETTURE PER LA SELVAGGINA
 

La caccia terminava, era necessario riportare la selvaggina, spesso molto numerosa. Vi erano vetture appositamente progettate per questo. L’esempio più bello è conservato nel castello di Bouges vicino a Châteauroux (Indre). Costruita da G. Duchatelle a Creil (Oise):questa vettura in perfette condizioni originali è montata su due grandi ruote con lamoni molto larghi. La sua scatola completamente vuota, per una buona ventilazione interna, è dotata di 315 ganci a cui erano appesi, contati per categorie «lepri, pernici, conigli, cervi, fagiani, varie» registrati su una tavola attaccata sul retro della porta situato sul retro della cassa.


Ma il veicolo più inaspettato su un terreno di caccia è senza dubbio... una barca. È indispensabilela quando il cervo “batte l’acqua”, vale a dire quando si rifugia nel centro di uno stagno per sfuggire al muta che lo insegue. Per servirlo, i cacciatori devono scendere dai loro cavalli e andare da lui con una barca portata sul bordo dello stagno montata su un treno a quattro ruote trainato da un cavallo. Gli annessi del castello di Chambord conservano uno dei più rari, forse l’unico esempio, di una barca da caccia montata sul suo treno, con la data del 1865. Insomma, i carrozzieri hanno immaginato tutti i tipi di vetture che soddisfacevano le esigenze o i capricci dei loro contemporanei. La caccia fu un ambito in cui esercitarono ingegnosamente la propria creatività.

 

Redazione


Fonte: Gruppo Italiano Attacchi

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...