Ecoplus

GRUPPO ITALIANO ATTACCHI.
Omaggi a Siviglia. LA 34^ EXHIBICION DE ENGANCHES.

Il Real Club de Enganches de Andalusia può annoverare anche questa edizione dell´iniziativa "Siviglia, Capitale Mondiale degli Attacchi" fra i momenti importanti, che in Spagna ed in Europa contribuiscono a diffondere con successo la tradizione e la pratica degli attacchi fra il grande pubblico.

_2017/Schermata-07-2458694-alle-15.39.07__3.jpg
Esibizione di Attacchi "a la calesera" nella Real Maestranza di Siviglia

_2017/Schermata-07-2458694-alle-15.39.18__4.jpg
Fiorenzo Erri con Curricle e pariglia di cavalli Spagnoli

_2017/Schermata-07-2458694-alle-15.39.36__5.jpg
Jacinto Planas Ros Premiato dalla Enfanta Elena di Spagna

_2017/Schermata-07-2458694-alle-15.40.38__1.jpg


Redazionale. Fonte http://www.realclubdeenganchesdeandalucia.com.
Foto credits Menvereniging Nieuwege e Real Club de Enganches de Andalusia.
 
A richiamare pubblico anche la giovane reale Victoria Federica de Marichalar, che con la mantiglia bianca, ha reso omaggio alla tradizione e alla sua bisnonna, che mai mancava l’appuntamento con la Feria Sivigliana.
 
Dietro la carrozza che la introduceva all’interno della Real Maestranza, circa 100 attacchi si sono riuniti e sono rimasti in attesa fino al momento di entrare nell’Arena.
 
Calle Adriano, dietro alla Maestranza, che porta il nome di un imperatore romano, sembrava un museo a cielo aperto. Gli attacchi che erano lì schierati, come sempre, hanno catturato l’attenzione dei passanti, che ne hanno studiato ogni dettaglio scattando innumerevoli foto.
 
Il 90% dei veicoli erano antecedenti al 1945 e, quindi, eccellenti pezzi di collezioni, che sono stati meticolosamente restaurati.
 
A presentarli al pubblico era Ramon De los Ríos che citava costruttore, restauratore e guidatore di ciascun attacco e guidava il pubblico a distinguere un limonera (singolo) da un tronco (pariglia) o da una potencia (tiro a 3) e così via.
 
La maggior parte degli attacchi erano sivigliani, ma ce n’erano anche provenienti da province vicine come Malaga e Huelva o da paesi lontani come il Belgio, il Nicaragua e l’Italia.
 
Per l’Italia erano in gara Fiorenzo Erri, Edgardo Goldoni e Pasquale Beretta (per la cronaca Fiorenzo Erri si è classificato al 3^ posto nella Categoria delle Pariglie, mentre 6^ Edgardo Goldoni, Pasquale Beretta ha partecipato nella categoria Limonera).
 
Il preludio della Esibizione di Domenica ha avuto due protagonisti: Panama, paese ospite, e la Guardia Civil.
 
Il paese centroamericano è stato l’ospite d’onore di quest’anno.
 
La Guardia Civil si esibiva a cavallo con la sua banda di trombe.
 
Alle dodici in punto i quasi cento attacchi a turno sono entrati per mostrarsi in tutta la loro bellezza nella Plaza de Toros più famosa al mondo.
 
Ha attirato l’attenzione il gran numero di donne alle redini lunghe e anche sull’emergere di giovani, che fin dall’infanzia sono legati alla tradizione.
 
Cocchieri, groom, signore in mantilla e le carrozze bardate a la calesera hanno fatto rivivere allo spettatore l’atmosfera di un’altra epoca.
 
Che emozione e quanti applausi!
 
 
IL VI CIAT “CIUDAD DE SEVILLA”
 
Trentasette attacchi hanno partecipato al Concorso che ha attraversato le strade della città in una giornata splendida, sabato 4 maggio.
 
E così Siviglia si è riempita di carrozze nel giorno precedente alla Exhibition nella Real Maestranza grazie al Concorso Internazionale Attacchi di Tradizione che, nella sua sesta edizione, è stato organizzato alla perfezione: senza incidenti, con equipaggi provenienti dal Belgio, Portogallo, Andorra, Madrid, Girona, Badajoz, Cordoba e Siviglia.
 
Per le strade della città, sono transitati singoli, pariglie, tandem, winchester, Tiri a 4 e coach per la gioia di sivigliani e turisti, che hanno riempito ogni angolo ai bordi del percorso per non perdere questo meraviglioso spettacolo, inserito nell’ambito dell’iniziativa “Siviglia, capitale mondiale
degli attacchi”.
 
Dalle 10 del mattino le carrozze hanno iniziato a concentrarsi nella superba Plaza de España per il test di Presentazione.
 
Dopo la Presentazione, valutata da giudici AIAT, i partecipanti hanno iniziato il percorso di 6 chilometri attraverso il bellissimo Parco di María Luisa. Gli Attacchi sono partiti individualmente ogni 5 minuti per una prova di regolarità.
 
Il concorso si è concluso con il test di Maneggevolezza, un test di abilità di guida, che ha avuto luogo nella zona alberata del Prado de San Sebastian, con grande abbondanza di pubblico.
 
Questo CIAT è stato speciale per la presenza di Victoria Federica, e di sua madre, Infanta Elena, che non ha voluto mancare all’ evento e ha accompagnato i partecipanti durante la passeggiata in città.
 
In questa edizione, la giuria era composta da 5 giudici internazionali: il francese Christian de Langlade, presidente dell’AIAT e presidente della giuria; Koen Depaépe, dal Belgio, il portoghese Eduardo Jorge da Mira Cruz e i sivigliani Raimundo Coral e Gregorio Aranda Lamas.
 
Il Trofeo Real Maestranza de Caballería del Campeón de Campeones è andato a Jacinto Planas Ros, che ha anche vinto il premio per la migliore presentazione, il Trofeo delle Nazioni AIAT e il Trofeo ANCEE. Il premio gli è stato consegnato dalla Infanta Elena.
 
Il Real Club de Enganches de Andalucía, organizzatore in collaborazione con il Comune di Siviglia attraverso la delegazione dei Grandi Festival e la Real Maestranza de Caballería,ogni anno inserisce questo evento nel calendario internazionale AIAT.
 
 
COMMENTI
 
“La passione per gli attacchi di tradizione cresce ogni anno e i giovani cominciano a prendere il sopravvento.
 
È l’unico modo per tenerla in vita”, ha ammesso Gregorio Aranda Lamas, guidatore noto anche all’estero, che con un certo rammarico ammette che è la prima volta in 27 anni che non guida nessuna delle sue carrozze.
 
«Sono in Giuria e ho ceduto il posto ai miei figli, ma da terra tutto questo è vissuto in un modo molto diverso. Né migliore, né peggiore, sempre emozionante ».. Colui che non è stato disposto a rinunciare alle redini è Jacinto Planas Ros, campione Internazionale di Attacchi di Tradizione.
 
In questo VI CIAT ha vinto il titolo dopo essere stato il primo nelle prove principali con una carrozza impressionante attaccata in potencia a tre cavalli spagnoli.
 
Avvocato di Bañolas è un esperto di attacchi di Tradizione, uno dei più importanti guidatori, che partecipa sempre ai principali eventi Nazionali ed Internazionali “Saremo a Parigi, Venaria Reale, Ronda, Jerez, ... È la mia grande passione “, dice soddisfatto.
 
Planas ha ricevuto il trofeo dalla Infanta Elena, che ha affermato: “È stato un onore, perché sono :grandi fan del mondo dei cavalli”.
 
 
 

Redazione


Fonte: Gruppo Italiano Attacchi

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...