EcoPlus

GRUPPO ITALIANO ATTACCHI: A Proposito di Buggy Amish - PARTE 2/2

Curiosità a proposito della civiltà Amish e sui loro Buggy

_2017/1(34).jpg

_2017/2(24).jpg

_2017/3(15).jpg

_2017/4(14).jpg

_2017/5(10).jpg

_2017/6(9).jpg

_2017/7(9).jpg

_2017/8(5).jpg

_2017/9(5).jpg

A cura di Emanuela Brumana. Fonti: tuttoamerica.it; lancaste-county.com; amishamerica.com; oacounty.com
 
 
CHE TIPO DI COMPONENTI ELETTRICI CI SONO SUI BUGGY?
 
Stati con grandi popolazioni Amish come Ohio e Pennsylvania, hanno leggi che consentono l’uso di buggy nelle strade pubbliche, in condivisione con il traffico automobilistico.
 
Il che significa che questi veicoli vecchio stile devono avere componenti elettrici.
 
Alcuni buggy possono avere un’illuminazione aggiuntiva per attirare l’attenzione mentre si è sulla strada.
 
Gli Amish più tradizionali utilizzeranno solo lampade a olio sui loro veicoli (a volte solo una singola lampada)
 
In questi Stati il 99% per cento dei buggy hanno un cruscotto, una console sul pannello frontale, con il set completo di interruttori necessari per i fari, i fanali posteriori, le luci interne e l’interruttore di direzione.
 
Gli Amish acquistano componenti LED e assemblano sistemi basati su un segnale di svolta personalizzato, sviluppato 50 anni fa dai costruttori Amish della contea di Lancaster.
 
Si tratta di lampade a piedistallo con un faro d’ambra sul davanti e un fanale posteriore rosso sul retro, una per ogni lato del buggy.
 
I fari rimangono in posizione anabbagliante durante il normale utilizzo, mentre un interruttore a levetta attiva i fari abbaglianti.
 
Il segnale di svolta Amish viene evidenziato dalla maggiore intensita’ del fanale anteriore e del fanalino posteriore dalla parte della svolta.
 
Al giorno d’oggi una singola batteria da 20 volt / 6 amp, gestisce l’intero sistema elettrico per due o tre ore con una carica.
 
Per usi del buggy di maggior durata, vengono messe a bordo batterie di ricambio
 
 
SUI BUGGY CI SONO FRENI?
 
I freni buggy sono a tamburo o a disco non motorizzati, montati su due ruote.
 
Quando un guidatore vuole fermarsi, lui o lei ferma il cavallo usando le redini e rallenta il buggy, agendo sul pedale del freno.
 
I sistemi di frenata sui buggy sono molto visibili, anche perché tutti i componenti sono direttamente realizzati nelle comunità Amish.
 
All’inizio degli anni ‘60, un esponente Amish locale ebbe l’iniziativa di recuperare dai depositi di rottami alcuni vecchi freni a tamburo della VolkWagen da sette pollici”, riadattandoli e montandoli ai buggy.
 
Ora invece tutti i freni a tamburo sono fabbricati specificatamente per i buggy.
 
I pochi freni a disco utilizzati sono acquistati al di fuori delle comunità Amish e solitamente sono realizzati specificatamente per questi veicoli.
 
Sia per i tamburi che per i dischi, il cilindro principale del freno, che muove il fluido idraulico che aziona i freni, è montato sotto il corpo vicino a un gruppo pedale, che sporge dal pavimento del poggiapiedi del guidatore.
 
I cilindri principali dell’impianto idraulico sono fatti di alluminio anodizzato direttamente dagli Amish.
 
 
CON QUALI MATERIALI È COSTRUITO IL BUGGY?
 
Il corpo principale è in fibra di vetro.
 
È pre-fabbricato fuori sede e spedito ai costruttori di buggy Amish in tutto il paese per la finitura e l’aggiunta di componenti in alluminio dove è maggiore l’usura.
 
Tutto il resto è in rovere bianco o in legno di frassino con rivestimento in tessuto, rivestimenti in più per le superfici interne e un poliestere resistente per superfici esterne, tutto per risparmiare peso.
 
Per la parti in legno, una nuova tecnologia denominata “legno termicamente modificato”, rende il legno stesso pressochè immarcescibile attraverso la riduzione a zero della percentuale di umidità
contenuta.
 
 
LE RUOTE DEI BUGGY SONO GOMMATE?
 
Le ruote dei buggy hanno battistrada in acciaio, in gomma piena o pneumatica, ma la maggior parte sono acciaio.
 
Le ruote in acciaio sono di più facile costruzione rispetto alla gomma piena o al pneumatico, ma le prime sono più rumorose, rispetto alle altre in gomma che sono più silenziose.
 
I buggy con battistrada in acciaio montano freni sulle ruote anteriori perché lo scivolamento del metallo sulla strada riduce lo stress della ralla.
 
Per i battistrada di gomma i freni sono montati sulle ruote posteriori.
 
Poichè lo scivolamento del metallo sulla strada riduce lo stress della ralla la struttura della ruota può essere in legno, in acciaio, in alluminio o anche in fibra di vetro.
 
Viene comunque preferita la struttura in legno per diversi motivi: è più silenziosa ed è più riparabile.
 
Negli ultimi anni, i costruttori di buggy hanno sviluppato una sospensione con barra di torsione in acciaio tubolare, di derivazione automobilistica, in sostituzione delle tradizionali molle a balestra.
 
Più recentemente, sui buggy sono comparsi anche gli air bag.
 
 
QUALI SONO I MODELLI PIÙ DIFFUSI?
 
Un carro speciale deve essere usato quando si trasportano merci al mercato.
 
Tale buggy è dotato di un’ apertura posteriore che offre più spazio e facilità le attività carico e scarico.
 
Un altro tipo di buggy è quello usato dalla famiglia quando si viaggia per visitare altri membri della famiglia o della comunità durante le visite sociali.
 
Tali veicoli sono simili al buggy di mercato ma, invece di un’apertura sia anteriore che posteriore, c’è una finestra sul retro che protegge gli occupanti fornendo visibilità.
 
Di solito i carri familiari possono ospitare comodamente da 5 a 6 persone.
 
Alcune ma non tutte le carrozze hanno porte scorrevoli e finestre che possono aprire o chiudere.
 
Altri, non hanno una porta e hanno finestre che non possono essere aperte.
 
Un altro tipo di veicolo Amish è il buggy da corteggiamento.
 
Questa è una carrozza aperta che ha un posto unico per due passeggeri.
 
Dal momento che sono carrozze aperte, garantiscono pochissima privacy.
 
 
 
Gli Amish Americani
 
Gli Amish americani sono un gruppo religioso protestante che ha le sue radici nella comunità Mennonita.
 
Facevano parte del primo movimento anabattista europeo che si scisse dal Protestantesimo ai tempi della Riforma.
 
Perseguitati come eretici sia dai Cattolici sia dai Protestanti, furono costretti a rifugiarsi sulle Alpi Svizzere e nel sud della Germania e qui nacque la tradizione Amish di dedicarsi all’agricoltura e di radunarsi nelle case per seguire le loro funzioni religiose.
 
La comunità è stata fondata alla fine del 1.600 dallo svizzero Jacob Amman.
 
Emigrati negli Stati Uniti, principalmente in Pennsylvania, per sfuggire a persecuzioni, gli Amish, protestanti, basano la propria fede sul rigido rispetto della Bibbia e il rifiuto del progresso.
 
Oggi vivono in 22 stati ed in Canada. Ma l’Old Order Amish (circa 16-18mila persone) vive in Pennsylvania, tra Filadelfia e Lancaster.
 
Le donne e le ragazze indossano abiti molto modesti e una cuffia bianca se sono sposate o nera se sono single.
 
Gli uomini ed i ragazzi sono vestiti per lo più di scuro con gilet e bretelle.
 
Non hanno baffi, ma, dopo il matrimonio, si fanno crescere la barba.
 
Gli Amish rifiutano ogni modernità e considerano tutto questo un’espressione di fede e di incoraggiamento all’umiltà che permea tutta la loro vita dedicata al duro lavoro dei campi.
 
 
 
Se vuoi saperne di più sui Buggy degli Amish, o sulla storia dei loro insediamenti, o sul loro modo di vivere acquista il libro “Doyle Yoder e Leslie Kelly, Amish County, America’s” o pianifica una visita all’Amish & Mennonite Heritage Center- Millesburg- OH (USA)
 
 
 
Amish Pacifici Agricoltori
 
Gli amish sono contadini specializzati in coltivazioni particolari (come i peperoncini), le rese, con metodi tradizionali naturali molto accurati, (arature, concimazioni), sono elevatissime, sono abili artigiani ed allevatori di cavalli e bovini.
 
La coltivazione della terra avviene senza utilizzo di alcun mezzo agricolo, tutto rigorosamente a mano.
 
Le lavorazioni agricole sono realizzate prevalentemente con cavalli di razza Percheron o Comtois, che vengono usati per tutti i tipi di lavoro agricolo, semina, raccolto,fienagione, aratura…

Redazione


Fonte: Gruppo Italiano Attacchi

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...