EcoPlus

G.I.A: Carrozze d'epoca a Verona

Di Massimo Nicolotti. Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-1-ok.jpg
1. Gli Attacchi schierati per la Cerimonia di Premiazione in Piazza Bra.

Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-2-ok.jpg
2. Matteo Zucchi con pariglia di Haflinger e Tabacchiera in ingresso.

Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-3-ok.jpg
3. Domenico Bagnaschi con Roof Seat Break, pariglia di polacchi ed un elegantissimo equipaggio.

Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-4-ok.jpg
4. Anna della Vedova con Break e pariglia di Frisoni fiancheggia l´Arena.

Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-5-ok.jpg
5. Giuseppe Usai, Best in Show del Concorso, viene premiato dal Sindaco di Verona, Federico Sboarina.

Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-6-ok.jpg
6-7-8-9. Poker di Vincitori nelle varie categorie: Silvia Mellica (Tiri a 4 Pony), Melissa Morbis (Singolo Pony),Valentino Pozzer (Singolo Cavalli) e Ramona Bigatto (Singolo Tiro Pesante).

Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-7-ok.jpg
Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-8-ok.jpg
Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

_2017/3-art-9-ok.jpg
Foto credits: Dario Mastria, Foto Ennevi

Arrivare in parata con carrozza e cavalli in Piazza Bra, nel centro di Verona, all’ombra della splendida Arena, è indubbiamente un’esperienza importante per i driver soci del Gruppo Italiano Attacchi, esperienza che è possibile avere grazie al grosso impegno che il GIA mette nell’organizzare il Concorso “Verona in Carrozza” che, da ormai 10 edizioni di Fieracavalli, porta la tradizione degli attacchi alla visione di un pubblico folto ed attento.


Paolo Smizzer ha come sempre condotto la regia della presentazione in Piazza Bra e Emanuela Brumana ha mantenuto alta l’attenzione del pubblico con notizie e curiosità sul mondo dei cavalli attaccati prima della Premiazione degli Attacchi e dei Corpi Militari e Volontari a Cavallo intervenuti da parte delle numerose autorità presenti.


A premiare il Sindaco di Verona, il Presidente di Veronafiere, il delegato del Questore, il Vicepresidente della Provincia, e non potevano mancare le Autorità Militari tutti ordinatamente schierati in Piazza. Alla parata ed alle premiazioni in Piazza Bra hanno partecipato molti equipaggi, fra cui quelli che nelle tre serate di Fieracavalli hanno preso parte al X Concorso di Attacchi di Tradizione “Verona in Carrozza”: 18 equipaggi provenienti da tutta Italia, che si sono sottoposti al giudizio dei Giudici Internazionali AIAT in area A, proprio all’ingresso di Cangrande.


Ogni equipaggio ha presentato il proprio attacco con la dovuta attenzione, con l’obiettivo di osservare regole e indicazioni per poter ottenere le migliori valutazioni da parte dei Giudici nella sola Prova di Presentazione. 


Domenico Bagnaschi presentava un bel Roof Seat Break di meta’ 800, attaccato in pariglia a cavalli polacchi, Giuliano Barni guidava la sua nuova carrozza, un Phaeton Tabaquier di fattura francese in attacco singolo, mentre Roberto Marasco era a casetta di un Landau Carrè inglese di Foreman con pariglia di cavalli lipizzani. Redini lunghe in mano all’elegante Katia Bertocco con un Phaeton Wagonette attaccato a una pariglia di Quarter Horse, menter Igino Soldi presentava una pariglia di cavalli Ungheresi e un Landau d’epoca. Novità per Giuseppe Usai con un American Rockaway prodotto in Pennsylvania (USA) a metà 800.


Dalla Puglia Leonardo De Pascalis con un leggero Break dell’800 in legno naturale e un singolo murgese, mentre Ramona Bigatto con singolo Comtois era a cassetta di un elegante Phaeton Tabaquier. Applausi per Valentino Pozzer con attacco singolo e con un bel Phaeton e per Matteo Zucchi con pariglia di avelignesi e Tabacchiera di produzione svizzera.


Hanno fatto bella figura il pony di Melissa Morbis con calessino sportivo ed Elena Perale con Gig in attacco singolo al loro esordio, nonche’ Silvia Mellica con un tiro a quattro di pony welsh e carrozza Break. E se non bastassa Stefano Testori con singolo frisone e Break da caccia, Massimo Castrini con frisone alle stanghe di un Americane, elegantissima Anna Della Vedova con pariglia di frisoni e break ungherese, Marco Capellari con un cavallo da tiro pesante in attacco singolo e Break, Pietro Ciacciulli con una pariglia di cavalli Barokpinto e un Gran Break de Chasse.


Nella serata di sabato, il pubblico ha, inoltre, avuto l’occasione di ammirare e applaudire l’attacco di Fiorenzo Erri, fuori concorso, che viene premiato in Piazza Brà in quanto vincitore del prestigioso Trofeo di Tradizione GIA 2019. Presenta una delle “Carrozze Campione” esposte in Casa GIA, un Tandem Car di Cesare Sala, attaccato in carrick a una pariglia di cavalli Spagnoli.


I Giudici hanno premiato per la Categoria pony, al primo posto, Elena Perale seguita da Melissa Morbis, per la Categoria Singolo cavalli da Tiro Pesante al primo posto Ramona Bigatto seguita da Marco Capellari, per la Categoria Singolo Cavalli al primo posto Valentino Pozzer, al secondo posto Giuliano Barni, al terzo Leonardo De Pascalis ed, infine, per la Categoria Pariglie Cavalli vincitore Giuseppe Usai, seguito da Domenico Bagnaschi e Matteo Zucchi. Il premio Best in Show è stato assegnato a Giuseppe Usai.


Ancora una volta, e solo grazie all’impegno profuso dal Gruppo Italiano Attacchi, la grande tradizione delle carrozze era presente in Fieracavalli a Verona, dove finalmente si è ritrovato un pubblico numeroso e attento, giusta cornice all’importante impegno che driver e groom hanno voluto dimostrare a conclusione di una stagione di Concorsi di Tradizione AIAT, che li ha visti grandi protagonisti.

Redazione


Fonte: Gruppo Italiano Attacchi

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...